Equilibrio

L’alimentazione incontrollata è più comune dell’anoressia o della bulimia, ma rimane un disturbo nascosto e difficile da trattare

Adv

Per molte persone, il termine “disturbo dell’alimentazione” richiama alla mente le sue due forme più familiari: anoressia nervosa e bulimia nervosa. Quello che potrebbero non rendersi conto, tuttavia, è che il “disturbo da alimentazione incontrollata” è più comune degli altri due combinati e può ridurre significativamente la qualità della vita.

Più che mangiare troppo, cosa che la maggior parte delle persone si ritroverà a fare di tanto in tanto, il binge eating riflette un modello di comportamento ricorrente di perdere il controllo, abbuffarsi di cibo e provare vergogna e senso di colpa associati in seguito.

Adv

Il disturbo da alimentazione incontrollata è stato riconosciuto come diagnosi solo nel 2013 , molto più tardi dell’anoressia e della bulimia. Ma una mancanza di consapevolezza sul binge eating significa che le persone che soffrono del disturbo non ricevono l’aiuto di cui hanno bisogno dai medici.

Come il nostro progetto di ricerca multinazionale ha recentemente scoperto, le persone con disturbo da alimentazione incontrollata sono anche sottorappresentate negli studi sui disturbi alimentari, limitando la capacità dei ricercatori di sviluppare trattamenti.

Comprendere i fondamenti del binge eating

A differenza della bulimia, o del tipo di anoressia che comporta abbuffate ed epurazioni, le persone che soffrono di disturbo da alimentazione incontrollata non cercano di compensare con strategie come lo spurgo o l’esercizio fisico eccessivo a seguito di un episodio di abbuffate.

Inoltre, a differenza dell’anoressia o della bulimia, che colpiscono prevalentemente le donne, il disturbo da alimentazione incontrollata colpisce circa il 3,5% delle donne e il 2% degli uomini durante la loro vita. In Nuova Zelanda, ciò potrebbe significare che più di 130.000 persone soffrono di questo particolare disturbo alimentare. In Australia, questo potrebbe interessare più di 600.000 persone nella loro vita.

Sebbene possa emergere per la prima volta nell’infanzia e nell’adolescenza, il binge eating si verifica più tipicamente nella prima età adulta . È importante sottolineare che l’abbuffata può essere osservata in persone di tutte le corporature, anche se molti individui che sperimentano abbuffate avranno un intervallo di peso più elevato .

Secondo la National Library of Medicine degli Stati Uniti , ci sono cinque criteri per diagnosticare il disturbo da alimentazione incontrollata:

  1. Episodi ricorrenti di abbuffate caratterizzati dal mangiare, in un periodo di tempo limitato, una quantità di cibo maggiore di quella che la maggior parte delle persone mangerebbe in circostanze simili, sperimentando anche una mancanza di controllo sul mangiare durante l’episodio.
  2. Gli episodi di abbuffate sono associati a tre o più dei seguenti fattori: mangiare molto più rapidamente del normale, mangiare fino a sentirsi sazi a disagio, mangiare grandi quantità di cibo quando non si ha fame fisicamente, mangiare da soli per imbarazzo e sentirsi disgustati, depressi o molto colpevole dopo.
  3. Notevole disagio causato da abbuffate.
  4. Abbuffate, in media, almeno una volta alla settimana per tre mesi.
  5. Il binge eating è separato da altri comportamenti alimentari disordinati, incluso il vomito dopo aver mangiato, come accade con la bulimia.

Altri segnali premonitori del disturbo da alimentazione incontrollata includono:

  • frequenti fluttuazioni di peso
  • diete alla moda, inclusa l’eliminazione di interi gruppi alimentari (carboidrati, zucchero, latticini, ecc.)
  • estrema preoccupazione per il peso e la forma del corpo
  • rubare o accumulare cibo
  • ritiro dagli amici e dalle attività abituali
  • mangiare in segreto e nascondere prove (come involucri di cibo).

Le complicazioni di salute a lungo termine associate a questo tipo di disturbo alimentare includono malattie cardiache, diabete di tipo 2, obesità e osteoartrite (dovute all’usura della cartilagine che attutisce le estremità delle ossa delle articolazioni).

Nascosto alla vista

Nonostante tutto ciò, il binge eating è ancora considerato il disturbo alimentare “nascosto”. Senza l’estrema perdita di peso o comportamenti di eliminazione che possono accompagnare altri disturbi alimentari, il binge eating è meno riconoscibile.

L’abbuffata può anche essere liquidata come un’occasionale indulgenza. Le rappresentazioni mediatiche dei disturbi alimentari perpetuano questa idea, spesso concentrandosi sull’anoressia.

 

Lo stigma e la vergogna che circondano i comportamenti di abbuffate alimentari sono significativi e possono impedire alle persone di accedere ad aiuto e trattamenti che potrebbero combattere il disturbo. Meno della metà di coloro che soffrono di abbuffate cercheranno e riceveranno cure .

I pazienti spesso non rivelano i loro sintomi di abbuffate al proprio medico, il che significa che i trattamenti spesso si concentrano sulla perdita di peso e su altre complicazioni di salute dovute alle abbuffate , ma non riescono a riconoscere il disturbo alimentare che guida il comportamento.

Questa mancanza di consapevolezza e discussione influisce sul reclutamento nella ricerca sui disturbi alimentari.

Il divario di ricerca

Il reclutamento di persone che hanno sperimentato l’alimentazione incontrollata per studi sui disturbi alimentari è fondamentale per una migliore comprensione del disturbo e per migliorare i trattamenti.

Tuttavia, la nostra esperienza di reclutamento di partecipanti per il nostro studio indica che questo può essere difficile. Nonostante i nostri migliori sforzi, il numero di partecipanti con anoressia o bulimia supera di gran lunga quelli con abbuffate – un modello osservato in Nuova Zelanda, Australia e Stati Uniti.

I trattamenti attuali per gli adulti con disturbo da alimentazione incontrollata includono la terapia cognitivo-comportamentale, gli antidepressivi e, in alcuni paesi, il farmaco lisdexamfetamina , che è l’unico farmaco approvato per il disturbo finora.

La visibilità migliorerà le opzioni di trattamento

La consapevolezza e l’educazione che il binge eating è un disturbo alimentare diffuso e potenzialmente pericoloso per la vita è un disperato bisogno per combattere l’attuale stigma e fornire informazioni sui fattori che determinano il comportamento.

Il governo ha annunciato un finanziamento aggiuntivo di 3,9 milioni di dollari neozelandesi per i servizi per i disturbi alimentari nel budget di quest’anno. Ma se il binge eating rimane nascosto alla vista, i malati potrebbero perdere il supporto essenziale che questa spinta potrebbe fornire.

Le persone con disturbo da alimentazione incontrollata dovrebbero essere aiutate dai loro medici a cercare aiuto e incoraggiate a impegnarsi in ricerche che alla fine porteranno a risultati migliori. Fino a quando ciò non accade, lavoriamo alla cieca mentre cerchiamo di affrontare un disturbo che colpisce migliaia di persone.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: