Ricerca

Nuove informazioni sui meccanismi che causano il diabete

Adv

I ricercatori guidati dall’Università di Osaka identificano la T-caderina come un fattore che alimenta la mancanza di insulina nelle cellule beta del pancreas e ne induce la proliferazione, con il potenziale per il trattamento del diabete

Sveglia il pancreas, è ora di lavorare! I ricercatori guidati dall’Università di Osaka hanno ora identificato un meccanismo attraverso il quale una mancanza di insulina può essere segnalata alle cellule pancreatiche che producono insulina, identificando un potenziale nuovo bersaglio terapeutico per il diabete.

Si stima che il diabete di tipo 2 colpisca oltre 400 milioni di persone in tutto il mondo, eppure la regolazione dell’insulina nel corpo non è ancora completamente compresa. Il diabete di tipo 2 si verifica quando il pancreas non è in grado di fornire insulina a sufficienza, l’ormone che controlla l’uso e l’immagazzinamento dello zucchero, per soddisfare le richieste fisiologiche. Le cellule del pancreas che producono insulina, note come cellule ?, di solito possono proliferare per aumentare il loro numero se la domanda di insulina da parte dell’organismo non viene soddisfatta. Tuttavia, non è noto quali fattori vengano rilasciati dai tessuti o dalle cellule che ricevono insulina per segnalare la mancanza di insulina alle cellule ? del pancreas.

Adv

In uno studio pubblicato su iScience , i ricercatori hanno scoperto che una molecola chiamata T-caderina potrebbe essere coinvolta nel fornire feedback alle cellule pancreatiche che producono insulina e nel controllarne la proliferazione. La T-caderina è solitamente presente sulla superficie cellulare ed è meglio conosciuta come il partner di legame di una molecola chiamata adiponectina, un fattore secreto specificamente dalle cellule che immagazzinano il grasso. Tuttavia, i ricercatori hanno dimostrato che la T-caderina è anche secreta in forme solubili precedentemente non descritte e può agire come fattore umorale, cioè una molecola trasportata attraverso il sistema circolatorio. Non solo hanno riconosciuto che la T-caderina risponde alla carenza di insulina, ma hanno anche dimostrato che i topi geneticamente modificati per mancare di T-caderina avevano una ridotta tolleranza al glucosio se alimentati con una dieta ricca di grassi.

“L’analisi del sequenziamento dell’RNA, utilizzata per studiare i livelli di espressione genica dell’intero genoma, ha rivelato una ridotta espressione delle proteine ??di segnalazione Notch nelle cellule ? di topi privi di T-caderina”, spiegano l’autore principale Tomonori Okita e il corrispondente autore Shunbun Kita. Queste proteine ??svolgono un ruolo nella via di segnalazione di Notch che si pensa promuova la proliferazione delle cellule ?; ciò suggerisce che la T-caderina solubile segnala alle cellule ? del pancreas di aumentare la produzione di insulina attraverso la via di Notch.

“Abbiamo quindi utilizzato la T-caderina sintetizzata artificialmente per trattare le isole pancreatiche di topo isolate, che sono parti del pancreas che contengono cellule ?”, spiega l’autore senior Iichiro Shimomura. “Questo trattamento ha promosso la segnalazione di Notch nelle isole del topo, che a sua volta potrebbe indurre la proliferazione delle cellule ?”. Emozionantemente, questi risultati indicano che la T-caderina potrebbe essere applicata nel trattamento fondamentale del diabete.


L’articolo, “Soluble T-caderina promuove la proliferazione delle cellule ? del pancreas sovraregolando la segnalazione di Notch”, sarà pubblicato in iScience al DOI: https://doi.org/10.1016/j.isci.2022.105404 .

Informazioni sull’Università di Osaka

L’Università di Osaka è stata fondata nel 1931 come una delle sette università imperiali del Giappone ed è ora una delle principali università complete del Giappone con un ampio spettro disciplinare. Questa forza si unisce a una singolare spinta all’innovazione che si estende lungo tutto il processo scientifico, dalla ricerca fondamentale alla creazione di tecnologia applicata con impatti economici positivi. Il suo impegno per l’innovazione è stato riconosciuto in Giappone e nel mondo, essendo stata nominata l’università più innovativa del Giappone nel 2015 (Reuters 2015 Top 100) e una delle istituzioni più innovative al mondo nel 2017 (Innovative Universities and the Nature Index Innovation 2017) . Ora, l’Università di Osaka sta sfruttando il suo ruolo di Designated National University Corporation selezionata dal Ministero dell’Istruzione, della Cultura, dello Sport,

Sito web: https://resou.osaka-u.ac.jp/en

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: