Ricerca

Gli scienziati usano trapianti di cellule “più delicate” per invertire il diabete tipo 1 nei topi

Gli scienziati hanno utilizzato una procedura di trapianto per curare apparentemente il diabete nei topi di laboratorio, senza la necessità di farmaci immunosoppressori in seguito.

Il successo è un primo passo nello sviluppo di un modo più sicuro di utilizzare i trapianti di cellule per curare eventualmente il diabete di tipo 1. Ma è molto lontano, hanno detto i ricercatori, e le scoperte sui topi spesso non riescono a tradursi negli esseri umani.

Nel diabete di tipo 1, il sistema immunitario del corpo attacca e distrugge erroneamente le cellule pancreatiche che producono l’insulina, un ormone che sposta gli zuccheri dal cibo alle cellule del corpo per essere utilizzati per produrre energia. Senza insulina, quelle cellule morirebbero di fame. Quindi le persone con diabete di tipo 1 devono assumere insulina sintetica ogni giorno per vivere.

Anche con quel trattamento, la malattia rende difficile mantenere normali livelli di zucchero nel sangue. E a lungo termine, ciò può danneggiare i vasi sanguigni e i nervi del corpo, portando a complicazioni come malattie cardiache, renali e oculari.

I ricercatori stanno cercando da molto tempo a un modo per curare il diabete di tipo 1 sostituendo le cellule produttrici di insulina che il sistema immunitario uccide.

Negli studi, i pazienti hanno ricevuto con successo trapianti di isole da donatori deceduti che consentono loro di ridurre o interrompere l’uso di insulina. Le isole sono gruppi di cellule pancreatiche che includono quelle che producono insulina.

Ma ci sono alcuni ostacoli significativi per rendere questo approccio ampiamente disponibile, ha affermato Preksha Bhagchandani , MD/Ph.D. studente della Stanford University che ha lavorato al nuovo studio.

Un problema principale è che i riceventi dei donatori devono assumere farmaci anti-rigetto per impedire al sistema immunitario di uccidere le cellule estranee. Questi farmaci possono avere numerosi effetti collaterali, incluso un aumento del rischio di infezioni.

Esiste un potenziale modo per evitare la soppressione immunitaria post- trapianto : eseguire due trapianti.

Il primo riguarderebbe le cellule staminali del sangue del donatore. Quelle cellule staminali salgono fino alle cellule del sistema immunitario, quindi il trapianto darebbe alla persona con diabete qualcosa di un sistema immunitario “ibrido”, un mix del proprio e del donatore. Quel nuovo sistema immunitario dovrebbe quindi essere preparato per tollerare il secondo trapianto di isole dallo stesso donatore.

La difficoltà lì, ha spiegato Bhagchandani, è che il ricevente deve sopportare un regime di condizionamento rigido, comprese radiazioni ad alte dosi e chemioterapia per mettere fuori combattimento il sistema immunitario esistente. Può causare infertilità e, dopo il trapianto di midollo osseo , c’è il rischio che il sistema immunitario del donatore si rivolga contro il tessuto corporeo del ricevente, una complicanza pericolosa per la vita chiamata malattia del trapianto contro l’ospite.

Poiché il diabete di tipo 1 è una malattia cronica gestibile, ha detto Bhagchandani, è difficile giustificare tali rischi.

Per il nuovo studio, pubblicato online l’8 novembre sulla rivista Cell Reports , lei e i suoi colleghi hanno studiato un potenziale percorso intorno a questi problemi.

Implica un regime di condizionamento “più delicato” per preparare il paziente al trapianto di cellule staminali : radiazioni a basso dosaggio e due anticorpi che prendono di mira selettivamente le cellule immunitarie, al contrario della chemioterapia, che esige un tributo ad ampio raggio sul corpo.

Gli anticorpi essenzialmente “liberano lo spazio” affinché le cellule staminali del donatore si stabiliscano e creino un sistema immunitario ibrido funzionale, secondo Bhagchandani.

I ricercatori hanno scoperto che l’approccio ha funzionato nei topi di laboratorio con diabete. Dopo il trapianto di cellule staminali più delicato, gli animali sono stati in grado di tollerare un trapianto di isole dallo stesso donatore. Da lì, i loro livelli di zucchero nel sangue alla fine si sono normalizzati e gli animali hanno riguadagnato il peso perso a causa della malattia.

Lo studio pone le basi per ulteriori ricerche, ha affermato Esther Latres, vicepresidente della ricerca presso JDRF, un’organizzazione no profit che ha in parte finanziato il lavoro.

“fornisce prove verso un percorso per promuovere la tolleranza agli isolotti trapiantati senza soppressione immunitaria sistemica”, ha detto Latres in un comunicato stampa di Stanford.

Bhagchandani ha indicato un ulteriore aspetto dell’approccio: il trapianto di cellule staminali potrebbe non solo consentire al sistema immunitario di tollerare il trapianto di isole, ma anche di “ripristinarsi”. Ciò potrebbe impedire il ripetersi dell’iniziale mancata attivazione immunitaria che ha causato il tipo 1 diabete in primis.

I prossimi passi implicano ulteriori ricerche sui topi da laboratorio, ha detto Bhagchandani, e potrebbero passare diversi anni prima che la tattica sia pronta per i test sull’uomo.

“Non voglio esagerare con questi risultati”, ha sottolineato.

Se l’approccio alla fine si rivelerà sicuro ed efficace negli studi sull’uomo, ci saranno anche ostacoli nel mondo reale da superare, ha detto Bhagchandani. Per uno, è difficile procurarsi isolotti dagli umani. Quindi, i ricercatori di Stanford studieranno fonti più fattibili di isole, come coltivarle in laboratorio da una piccola popolazione iniziale di cellule insulari.


 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: