Batticuore

Le persone con patologie autoimmuni hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari

I pazienti con malattie autoimmuni possono essere più a rischio di malattie cardiovascolari rispetto ai pazienti senza malattie autoimmuni, secondo i dati pubblicati su The Lancet.

“Selezionate malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide , sono associate a un aumento della morbilità e mortalità cardiovascolare” , hanno scritto Nathalie Conrad, PhD, della Katholieke Universiteit Leuven, in Belgio, e colleghi. “Il contributo delle malattie autoimmuni alle malattie cardiovascolari nella popolazione potrebbe estendersi oltre le malattie aterosclerotiche, come le complicanze miocardiche, valvolari, di conduzione e altre complicazioni cardiache, e i problemi tromboembolici venosi, e il potenziale effetto delle malattie autoimmuni sul più ampio spettro delle malattie cardiovascolari è sconosciuto.”

Per studiare l’associazione tra varie malattie autoimmuni e rischio di malattie cardiovascolari , Conrad e colleghi hanno esaminato le cartelle cliniche provenienti dai database di Clinical Practice Research Datalink GOLD e Aurum. Sono state incluse le informazioni sui pazienti che vanno dal 1 gennaio 1985, fino al 30 giugno 2019. Il database del CPRD è considerato “ampiamente rappresentativo” della popolazione del Regno Unito, hanno scritto i ricercatori. Conrad e colleghi hanno creato una coorte di popolazione generale e da quella hanno estratto una coorte di malattie autoimmuni.

I pazienti nella coorte delle malattie autoimmuni dovevano avere una delle 19 malattie autoimmuni, tra cui, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, spondilite anchilosante, diabete di tipo 1, morbo di Graves, malattia infiammatoria intestinale, polimialgia reumatica, artrite reumatoide, sindrome di Sjögren, sclerodermia e lupus eritematoso sistemico . La malattia deve essere stata studiata tra il 1 gennaio 2001 e il 31 dicembre 2017. Inoltre, i pazienti dovevano avere un’età inferiore a 80 anni al basale e non avere alcuna malattia cardiovascolare per 12 mesi dopo la diagnosi di malattia autoimmune.

È stata organizzata una coorte di confronto che includeva “fino a” cinque pazienti abbinati per ciascun paziente nella coorte autoimmune, hanno scritto i ricercatori. L’outcome primario era una malattia cardiovascolare fatale o non fatale, inclusi ma non limitati a aneurisma aortico, fibrillazione atriale e flutter e insufficienza cardiaca.

L’analisi ha incluso 446.449 pazienti con malattie autoimmuni e 2.102.830 controlli abbinati. Secondo i ricercatori, il 15,3% dei pazienti con malattie autoimmuni ha sviluppato malattie cardiovascolari durante il follow-up, rispetto all’11% tra quelli senza malattie autoimmuni. Il tasso di incidenza di malattie cardiovascolari tra i pazienti con malattie autoimmuni era di 23,3 eventi per 1.000 anni-paziente, rispetto a 15 eventi per 1.000 anni-paziente per quelli senza malattie autoimmuni (HR = 1,56; IC 95%, 1,52-1,59).

Inoltre, secondo i ricercatori, il rischio per la presenza di malattie cardiovascolari individuali aumentava con ogni malattia autoimmune in ogni singolo paziente. Ad esempio, nei pazienti con tre o più malattie autoimmuni, l’HR era 3,79 (IC 95%, 3,36-4,72). Nel frattempo, i pazienti con LES (HR = 2,82; IC 95%, 2,38-3,33) e sclerosi sistemica (HR = 3,59; IC 95%, 2,81-4,59) hanno dimostrato i rischi più elevati di sviluppare malattie cardiovascolari.

“Soprattutto, abbiamo scoperto che, tra le 19 malattie autoimmuni più comuni, tutte erano associate a un aumento del rischio cardiovascolare, indicando che l’autoimmunità di per sé, piuttosto che qualsiasi condizione individuale , è il fattore di rischio e che il potenziale contributo di queste malattie a le malattie cardiovascolari nella popolazione sono di gran lunga maggiori di quanto precedentemente riconosciuto”, hanno scritto Conrad e colleghi. “Tuttavia, c’è poca consapevolezza di questa associazione e quindi la maggior parte dei pazienti con malattie autoimmuni non riceve misure di prevenzione cardiovascolare che potrebbero aiutare a ridurre questo carico, o si sottopone a screening per rilevare le malattie cardiovascolari”.

Riferimenti:

Pujades-Rodriguez M, et al. PLoS uno. 2016;doi: 10.1371/journal.pone.0151245. eCollezione 2016.

Informativa: questo studio è stato finanziato da Horizon 2020 Marie Sk?odowska-Curie Actions e dalla Società Europea di Cardiologia. Conrad non segnala informazioni finanziarie rilevanti. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: