Benessere Mangiare e bere

Solo il 20% delle linee guida dietetiche europee basate sugli alimenti include la sostenibilità alimentare

La salute del pianeta e quella dell’uomo sono profondamente interconnesse: il modo in cui ci nutriamo ha un impatto significativo sia sulla nostra salute che su quella dell’ambiente. L’aumento negli ultimi decenni di malattie non trasmissibili strettamente legate alla nostra dieta, come cancro e diabete, e il fatto che i sistemi alimentari rappresentano un terzo dei gas serra, ha portato numerose organizzazioni internazionali a lavorare per modificare i modelli alimentari delle persone verso diete più sane e, allo stesso tempo, più sostenibili.

Anna Bach Faig, ricercatrice del gruppo FoodLab e membro della Facoltà di Scienze della Salute dell’Universitat Oberta de Catalunya (UOC), ha trascorso due anni alla guida di un progetto di ricerca commissionato nel 2019 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Il progetto, intitolato “Modelli dietetici per la salute e la sostenibilità”, aveva la missione di creare consenso internazionale tra gli esperti e progettare azioni per progredire verso un sistema alimentare più sostenibile e sano per l’Europa. Il fulcro della ricerca di Bach Faig all’UOC è sempre stato il rapporto tra cibo e salute e negli ultimi anni ha aggiunto a questo la sostenibilità.

Ha detto: “Quello che mettiamo nei nostri piatti è così importante. Per motivi di salute e anche ambientali, semplicemente non possiamo continuare con l’attuale modello di produzione e consumo”.

Frutto di un incontro tenutosi a Copenaghen con esperti internazionali nel campo del cibo e della sostenibilità, la ricercatrice e il suo team, che comprendeva Sergi Fàbregues, membro della Facoltà di Psicologia e Scienze dell’Educazione dell’UOC e ricercatrice del suo gruppo di ricerca IN3 GenTIC, che era responsabili della parte metodologica, hanno pubblicato un articolo ad accesso aperto su BMC Public Health , che stabilisce una comprensione condivisa di ciò che dovrebbe comportare un’alimentazione sana sostenibile.

L’articolo conclude che è necessario un approccio multi-stakeholder, con l’attuazione simultanea di un mix allineato e coerente di politiche in diversi settori, come la formulazione di linee guida strategiche e modifiche legislative.

Un passo importante è la necessità di aggiornare le linee guida per un’alimentazione sana, poiché la maggior parte di esse non tiene conto della sostenibilità: “È necessario aggiornare le linee guida esistenti o crearne e implementarne di nuove. Solo il 20% delle linee guida dietetiche europee a base alimentare incorporano sostenibilità alimentare”, ha spiegato il ricercatore. Di recente, l’AESAN, l’Agenzia spagnola per la sicurezza alimentare e la nutrizione, ha pubblicato un rapporto con raccomandazioni su diete sostenibili e attività fisica per il pubblico.

Una dieta prevalentemente a base vegetale è la più sana e sostenibile

“C’è un ampio consenso scientifico sui modelli dietetici che gli europei dovrebbero adottare per migliorare la propria salute e sostenibilità: in particolare, è necessario aumentare l’assunzione di alimenti a base vegetale (frutta, verdura, cereali integrali, legumi, noci e semi) e ridurre la nostra consumo di carne rossa, sia lavorata che non trasformata, e cibi ultra trasformati ricchi di sale, grasso e/o zucchero”, ha affermato il ricercatore dell’UOC.

Questo in realtà significa tornare alla tradizionale dieta mediterranea, ricca di verdure e pesce e povera di carne (la dieta giapponese sarebbe un’altra valida opzione). Oltre ai loro effetti positivi sulla salute, le diete a base vegetale sono benefiche per la sostenibilità, dato che tali alimenti hanno un impatto ambientale inferiore rispetto a quelli di origine animale, in termini non solo di emissioni di gas serra, ma anche di utilizzo di acqua, suolo , azoto e fosforo, affermava Bach Faig.

“La dieta mediterranea è un buon esempio di un modello alimentare benefico per la salute e l’ambiente. Sfortunatamente, i modelli alimentari del pubblico sono diventati più ‘occidentalizzati’, con l’inclusione di calorie vuote da zuccheri raffinati, grassi e alcol”.

Ciò ha portato a un aumento del sovrappeso e dell’obesità, insieme a un aumento delle malattie croniche non trasmissibili. A titolo di esempio, secondo l’European Regional Obesity Report 2022, la Spagna è uno dei paesi europei con la più alta prevalenza di obesità infantile.

Azioni per una dieta più sana e sostenibile

L’altro risultato di questa ricerca guidata dall’UOC è stata la pubblicazione di un rapporto dell’OMS su “Diete sane e sostenibili: flussi di lavoro chiave nella regione europea dell’OMS”. Questo documento riunisce una serie di linee d’azione per promuovere i cambiamenti nei sistemi alimentari e nei modelli dietetici. Questi includono la necessità che le procedure di appalto pubblico per i fornitori di pasti diano la priorità a diete sane e sostenibili; aumentare la ricerca sul valore nutritivo e sull’impatto ambientale degli alimenti trasformati a base vegetale (alcuni dei quali contengono elevate quantità di sali e zuccheri); riformulare gli alimenti trasformati, ridurre il contenuto di grassi, zuccheri e sale, ecc.

Con cambiamenti di questo tipo, possiamo ottenere una significativa riduzione dell’impatto sul pianeta e migliorare la salute pubblica. Se teniamo presente che “il 22% dei decessi nel mondo può essere attribuito a un’elevata assunzione di sale ea una bassa assunzione di cereali integrali e frutta, mantenere il modello di dieta mediterranea nel nostro contesto è fondamentale per la salute pubblica”, ha osservato il ricercatore.

La salute del nostro pianeta è un tema strategico centrale per l’UOC, così come la ricerca sulla nutrizione e sul cibo sano e sostenibile . L’università ha appena ricevuto il premio Catalan Network of Healthy Universities per un progetto finale di master sulla promozione della salute in relazione agli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite da uno studente del suo master in nutrizione e salute.


Ulteriori informazioni: Anna Bach-Faig et al, Costruzione del consenso intorno alla concettualizzazione e all’attuazione di diete salutari sostenibili: una base per i responsabili politici, BMC Public Health (2022). DOI: 10.1186/s12889-022-13756-y

Rapporto dell’OMS: www.who.int/europe/publication … 021-2192-41947-57624

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: