Terapie

Scoperto un promettente farmaco candidato per la prevenzione del diabete di tipo 1

Secondo uno studio, il diabete di tipo 1 potrebbe essere prevenuto inibendo un gene associato all’insorgenza della malattia. Un farmaco basato sullo stesso meccanismo è già stato approvato per il trattamento di un’altra malattia autoimmune della psoriasi negli Stati Uniti, che potrebbe favorire lo sviluppo di terapie farmacologiche per il diabete.

L’incidenza del diabete di tipo 1 è più alta in Finlandia che in qualsiasi altro paese. Sebbene siano stati identificati centinaia di geni alla base della malattia, i meccanismi d’azione della maggior parte di essi rimangono poco chiari. In altre parole, possono essere identificati individui ad alto rischio di sviluppare la malattia, ma finora non sono stati trovati mezzi efficaci per prevenire la progressione della malattia senza il rischio di effetti avversi significativi.

Sotto la direzione del professor Timo Otonkoski, i ricercatori dell’Università di Helsinki hanno studiato i meccanismi d’azione dei geni di rischio associati al diabete di tipo 1 con l’obiettivo di trovare nuovi metodi per la prevenzione della malattia. I risultati sono stati pubblicati su Nature Communications .

“Ci siamo concentrati su un gene noto come TYK2, poiché le sue mutazioni sono note per proteggere dal diabete di tipo 1”, afferma Otonkoski.

Rendere innocui i globuli bianchi

I ricercatori hanno ipotizzato che l’inibizione dell’espressione del gene TYK2 potrebbe ridurre la distruzione delle cellule beta pancreatiche che causano l’insorgenza del diabete di tipo 1. Le cellule beta pancreatiche producono insulina vitale per il corpo, che i pazienti diabetici devono sostituire con iniezioni di insulina.

L’ipotesi è stata confermata nello studio e la distruzione delle cellule beta è stata effettivamente interrotta inibendo l’espressione di TYK2.

“La distruzione delle cellule beta è il risultato di una reazione autoimmune in cui i globuli bianchi attivati ??dal sistema immunitario del corpo attaccano i propri tessuti. Usando l’inibitore TYK2, il caos provocato dai globuli bianchi è stato notevolmente ridotto”, conferma Otonkoski.

Un’altra scoperta dello studio, che è stata una sorpresa, è stata che l’eliminazione dell’effetto del gene TYK2 ha comportato una riduzione della differenziazione delle cellule delle isole pancreatiche o una riduzione della produzione di cellule beta.

“Tuttavia, questo effetto avverso è stato osservato solo nelle prime fasi dello sviluppo delle cellule beta. L’inibizione dell’espressione di TYK2 non ha influenzato il funzionamento delle cellule beta mature”, afferma il dottor Vikash Chandra, il primo autore dell’articolo.

In precedenza, il gruppo di ricerca di Otonkoski ha sviluppato con successo da cellule staminali cellule beta pancreatiche completamente funzionali che possono essere utilizzate per ripristinare la produzione di insulina nel corpo.

Ulteriori ricerche forniranno dati per lo sviluppo di farmaci

Alla luce dei risultati, un inibitore del TYK2 è un promettente farmaco candidato per la prevenzione del diabete di tipo 1.

“Abbiamo utilizzato non solo le cellule da cui era stato rimosso il gene TYK2, ma anche un inibitore chimico di TYK2. Questa molecola di farmaco è già stata approvata negli Stati Uniti per il trattamento della psoriasi”, osserva Otonkoski.

Secondo Otonkoski, l’effetto degli inibitori TYK2 nella prevenzione del diabete deve essere successivamente studiato attentamente in modelli animali. Se i risultati sono positivi, si può passare alla sperimentazione clinica.


Ulteriori informazioni: Vikash Chandra et al, Il gene del diabete di tipo 1 TYK2 regola lo sviluppo delle cellule beta e le sue risposte all’interferone-alfa, Nature Communications (2022). DOI: 10.1038/s41467-022-34069-z

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: