Equilibrio

Disturbi da uso di sostanze legati a scarsi risultati di salute in un’ampia gamma di condizioni

Adv

Secondo i ricercatori nel Regno Unito e in Cechia, le persone che hanno una storia passata di ospedalizzazione a causa di disturbi da uso di sostanze hanno esiti molto peggiori in seguito all’insorgenza di un’ampia gamma di condizioni di salute fisica.

In uno studio pubblicato su The Lancet Psychiatry , i ricercatori hanno esaminato il rischio di mortalità e perdita di anni di vita tra le persone che hanno sviluppato 28 diverse condizioni di salute fisica , confrontando coloro che erano stati precedentemente ricoverati in ospedale con disturbo da uso di sostanze rispetto a coloro che non lo erano.

Adv

Hanno scoperto che i pazienti con la maggior parte delle condizioni di salute avevano maggiori probabilità rispetto alle loro controparti di morire durante il periodo di studio se fossero stati ricoverati in ospedale con disturbo da uso di sostanze prima dello sviluppo di queste condizioni. Per la maggior parte delle condizioni di salute successive, le persone con disturbi da uso di sostanze avevano anche aspettative di vita più brevi rispetto agli individui senza disturbi da uso di sostanze.

Una persona su venti nel mondo di età pari o superiore a 15 anni vive con un disturbo da consumo di alcol , mentre circa una persona su 100 soffre di disturbi da uso di droghe psicoattive. Sebbene i disturbi da uso di sostanze abbiano notevoli effetti diretti sulla salute, sono anche collegati a una serie di condizioni di salute fisica e mentale . Di conseguenza, la loro presenza contribuisce ad aumentare il rischio di mortalità ea ridurre la durata della vita nelle persone con disturbi da uso di sostanze.

Per esplorare ulteriormente questo collegamento, i ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche dei pazienti dai registri nazionali cechi di ricoveri e decessi per tutte le cause durante il periodo dal 1994 al 2017. Hanno utilizzato un nuovo design, stimando il rischio di morte e anni di vita persi dopo l’insorgenza di molteplici condizioni di salute fisica specifiche in individui con una storia di ospedalizzazione per disturbi da uso di sostanze, rispetto a controparti abbinate senza disturbo da uso di sostanze ma con lo stesso condizione di salute fisica.

Sebbene lo studio abbia esaminato solo le persone che vivono in Cechia, i ricercatori ritengono che i risultati siano probabilmente simili anche in altri paesi.

Hanno scoperto che le persone con disturbi da uso di sostanze preesistenti avevano più probabilità rispetto alle loro controparti di morire durante lo studio in seguito allo sviluppo di 26 su 28 condizioni di salute fisica. Per sette di queste condizioni, tra cui fibrillazione atriale , ipertensione e cardiopatia ischemica, il rischio era più che raddoppiato. Nella maggior parte dei casi, le persone con disturbi da uso di sostanze hanno aspettative di vita più brevi rispetto alle loro controparti.

L’autore principale Tomáš Formánek, un dottorato di ricerca. studente presso l’Istituto Nazionale di Salute Mentale, Repubblica Ceca, e l’Università di Cambridge, ha dichiarato: “I disturbi da uso di sostanze sembrano avere un profondo impatto negativo sulla prognosi in seguito allo sviluppo di varie successive condizioni di salute fisica, in alcuni casi influendo drammaticamente sull’aspettativa di vita delle persone colpite”.

Non è chiaro il motivo per cui dovrebbe essere così, anche se i ricercatori affermano che ci sono una serie di possibili ragioni. È già noto che l’uso di sostanze ha un impatto negativo diretto sulla salute fisica ed è associato a fattori dello stile di vita che influiscono sulla nostra salute, come il fumo, la mancanza di esercizio fisico e una dieta scorretta.

Allo stesso modo, le persone con disturbi da uso di sostanze hanno meno probabilità di prendere parte a programmi di screening e prevenzione per malattie come il cancro e il diabete e hanno meno probabilità di utilizzare farmaci preventivi, come i farmaci per prevenire l’ipertensione. Ci sono anche alcuni fattori non direttamente correlati all’uso di sostanze, come l’ombreggiamento diagnostico, che significa l’errata attribuzione dei sintomi fisici ai disturbi mentali. Tale attribuzione errata può successivamente contribuire alla diagnosi insufficiente, alla diagnosi tardiva e al trattamento ritardato negli individui affetti.

L’autore senior, il professor Peter Jones del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Cambridge, ha aggiunto: “Questi risultati mostrano quanto sia importante non compartimentare le condizioni di salute nella mente, nel cervello o nel corpo. Tutti interagiscono portando qui al drammatico aumento della mortalità dovuto a malattie nelle persone con disturbi da uso di sostanze. Ci sono chiare implicazioni per l’azione preventiva da parte di medici, servizi sanitari e sviluppatori di politiche che tutti devono riconoscere queste intersezioni”.

Il coautore Dr. Petr Winkler dell’Istituto nazionale di salute mentale, Cechia, ha osservato: “È anche importante considerare che la maggior parte delle persone con disturbi da uso di sostanze non viene rilevata. Spesso non cercano un aiuto professionale e ricoveri in ospedale per questi le condizioni di solito si verificano solo in stadi molto avanzati della malattia. Oltre alle azioni incentrate sulla salute fisica delle persone con disturbi da uso di sostanze, dobbiamo concentrarci ugualmente sulla diagnosi precoce e sull’intervento precoce nei disturbi da uso di sostanze “.


Ulteriori informazioni: Mortalità e anni di vita persi a seguito di comorbilità fisica successiva in persone con disturbi da uso di sostanze preesistenti: uno studio di coorte retrospettivo basato sul registro nazionale di individui ricoverati in ospedale in Cechia, The Lancet Psychiatry (2022). DOI: 10.1016/S2215-0366(22)00335-2 , www.thelancet.com/journals/lan … (22)00335-2/fulltext

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: