Mangiare e bere

Frutta e verdura: meglio sbucciarle?

L’impostazione predefinita di molte persone quando preparano frutta e verdura è sbucciarle. Ma spesso non è necessario. Ci sono importanti nutrienti nella buccia. Inoltre, le bucce di frutta e verdura scartate contribuiscono al cambiamento climatico.

Frutta e verdura sono ricche fonti di vitamine, minerali, fibre e molte sostanze fitochimiche (sostanze chimiche vegetali), come gli antiossidanti (sostanze che proteggono le cellule dai danni). Non consumare abbastanza di questi alimenti ricchi di nutrienti è legato a un aumentato rischio di malattie croniche , comprese le malattie cardiovascolari e il diabete di tipo 2. Nel 2017, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito che circa 3,9 milioni di decessi all’anno in tutto il mondo erano attribuibili a persone che non mangiavano abbastanza frutta e verdura.

Mangiare 400 g di frutta e verdura al giorno, come consiglia l’OMS , è difficile da raggiungere per molte persone. Quindi il consumo di bucce di frutta e verdura può aiutare con questo problema aggiungendo importanti nutrienti alla dieta delle persone?

Possono certamente contribuire. Ad esempio, nella buccia di sette ortaggi a radice si trovano quantità importanti dal punto di vista nutrizionale di vitamine, come vitamina C e riboflavina, e minerali come ferro e zinco : barbabietola rossa, senape di campo, carota selvatica, patata dolce, ravanello, zenzero e Patata. E il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti mostra che le mele non sbucciate contengono il 15% in più di vitamina C, il 267% in più di vitamina K, il 20% in più di calcio, il 19% in più di potassio e l’85% in più di fibre rispetto ai loro equivalenti sbucciati. Inoltre, molte bucce sono ricche di sostanze fitochimiche biologicamente attive, come flavonoidi e polifenoli, che hanno proprietà antiossidanti e antimicrobiche.

Un altro motivo per non scartare le bucce è il loro effetto sull’ambiente. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’ alimentazione e l’agricoltura , il cibo non consumato, compresa la buccia, genera l’8%-10% delle emissioni mondiali di gas serra. (Il cibo che marcisce nelle discariche rilascia metano, il gas serra più potente.) La sola Nuova Zelanda registra uno spreco annuale di 13.658 tonnellate di bucce di verdure e 986 tonnellate di bucce di frutta , un paese con una popolazione di soli 5,1 milioni di persone.

Dato il contenuto di nutrienti della buccia e il suo contributo allo spreco alimentare, perché le persone sbucciano frutta e verdura? Alcuni devono essere sbucciati poiché le porzioni esterne non sono commestibili, non hanno un buon sapore, sono difficili da pulire o causano danni , come banana, arancia, melone, ananas, mango, avocado, cipolla e aglio. Inoltre, la sbucciatura può essere una parte necessaria della ricetta, ad esempio quando si prepara il purè di patate. Ma molte bucce, come patate, barbabietole, carote, kiwi e cetrioli, sono commestibili, eppure le persone le sbucciano comunque.

Residui di pesticidi

Alcune persone sbucciano frutta e verdura perché sono preoccupate per i pesticidi in superficie. I residui di pesticidi sono certamente trattenuti sulla superficie o appena al di sotto, anche se questo varia a seconda delle specie vegetali. Ma la maggior parte di questi residui può essere rimossa mediante lavaggio. In effetti, la Food and Drug Administration statunitense raccomanda alle persone di lavare accuratamente i prodotti sotto l’acqua fredda e strofinarli con una spazzola rigida per rimuovere pesticidi, sporco e sostanze chimiche.

Persona che strofina una patata.
Residui di pesticidi e sporco possono essere rimossi. suwinai sukanant / Alamy Foto Stock

Anche le tecniche di cottura, come l’ebollizione e la cottura a vapore, possono ridurre i residui di pesticidi. Ma non tutti i residui di pesticidi vengono rimossi con il lavaggio e la cottura. E le persone che sono preoccupate per la loro esposizione ai pesticidi potrebbero ancora voler sbucciare. In alcuni paesi sono disponibili elenchi di contenuti di pesticidi per frutta e verdura, ad esempio il Pesticide Action Network ne produce uno per il Regno Unito. Questo può aiutarti a decidere quale frutta e verdura sbucciare e quali bucce possono essere mangiate.

Se vuoi saperne di più sulla buccia di frutta e verdura e su cosa farne, ci sono molti consigli online, incluso l’aiuto su come usare le bucce per il compostaggio , per nutrire un vermifugo o per incorporarle nelle ricette . Con un po’ di ricerca e creatività, puoi contribuire a ridurre gli sprechi e aumentare il consumo di frutta e verdura. Sicuramente vale la pena provare? E aiuterai a raggiungere uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite: dimezzare lo spreco alimentare entro il 2030 .


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: