Batticuore Telemedicina

La telemedicina è un’opzione preziosa nell’assistenza cardiovascolare, sebbene permangano delle sfide

La nuova dichiarazione dell’American Heart Association rileva che la telemedicina è efficace per la cura delle malattie cardiovascolari, tuttavia, problemi come l’accesso alla tecnologia ne ostacolano l’adozione diffusa

Punti salienti della dichiarazione:

  • La telemedicina è un’opzione efficace per educare, diagnosticare, monitorare e seguire le persone con problemi di salute, comprese le malattie cardiovascolari.
  • La telemedicina può ridurre i costi dell’assistenza sanitaria, migliorare l’accesso all’assistenza nelle comunità rurali e con risorse insufficienti e aumentare la qualità dell’assistenza e la soddisfazione del paziente.
  • I progressi tecnologici hanno consentito la crescita della telemedicina e una migliore accessibilità alle cure di routine.
  • Mentre la pandemia di COVID-19 ha migliorato l’infrastruttura della telemedicina e ne ha aumentato l’uso, la pandemia ha anche esposto i limiti al suo utilizzo per alcune persone, come risorse limitate per permettersi la tecnologia, mancanza di larghezza di banda Internet e differenze linguistiche che potrebbero impedire alle persone di utilizzare le piattaforme digitali nella loro massima estensione.
  • La ricerca sugli ostacoli all’implementazione della telemedicina e il loro superamento contribuiranno a garantire un’assistenza equa e di alta qualità per le persone con malattie cardiovascolari.

Portrait of mature doctor with eyeglasses

DALLAS, 14 novembre 2022 – La telemedicina è un’opzione comprovata e preziosa per le persone con malattie cardiovascolari, tuttavia, ci sono limitazioni al suo utilizzo nelle comunità rurali e con risorse insufficienti, secondo una nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association, pubblicata oggi nella rivista di punta dell’Associazione Circulation . Una dichiarazione scientifica dell’American Heart Association è un’analisi esperta della ricerca attuale e può informare le future linee guida terapeutiche.

La telemedicina consente la fornitura remota di assistenza sanitaria attraverso tecnologie, come il supporto telefonico o video strutturato e il monitoraggio remoto di dispositivi indossabili o impiantabili. Questo tipo di assistenza sanitaria guidata dalla tecnologia è cresciuto enormementedurante la pandemia di COVID-19, con fino al 30% di tutte le visite cliniche statunitensi condotte tramite telemedicina a metà del 2020, mostrando interesse e capacità della telemedicina come sostituto del faccia a -affrontare la cura del paziente. Tuttavia, i dati hanno dimostrato che il suo utilizzo è lentamente diminuito con l’allentamento delle restrizioni COVID-19 alla fine del 2021.

“La telemedicina sta trasformando il modo in cui l’assistenza sanitaria viene fornita migliorando la convenienza e la disponibilità”, ha affermato l’autore principale della dichiarazione Edwin A. Takahashi, MD, assistente professore di radiologia nella divisione di radiologia interventistica presso il Mayo Clinic College of Medicine di Rochester, Minnesota. “Tuttavia, durante la pandemia, quando siamo stati costretti a limitare l’assistenza di persona, abbiamo appreso che esistono limitazioni all’utilizzo della telemedicina”.

Questa nuova dichiarazione scientifica, “Una panoramica della telemedicina nella gestione delle malattie cardiovascolari”, evidenzia l’impatto della telemedicina nella gestione delle malattie cardiache, dell’ictus e delle arteriopatie periferiche (PAD), rivede le strategie e gli ostacoli all’adozione della telemedicina nelle malattie cardiovascolari (CVD) cura e identifica le lacune di conoscenza.

I vantaggi della telemedicina per le malattie cardiovascolari

La revisione del gruppo di scrittura ha rilevato che la telemedicina può:

  • ridurre i costi sanitari;
  • migliorare l’accesso all’assistenza nelle zone rurali e scarsamente servite; e
  • aumentare la qualità dell’assistenza e la soddisfazione del paziente.

Questi benefici sono particolarmente importanti per le persone con CVD, che colpisce in modo sproporzionato le persone appartenenti a gruppi razziali ed etnici sottorappresentati che spesso hanno ulteriori barriere all’assistenza sanitaria e coloro che hanno meno accesso alle cure mediche.

I portali di telemedicina e i dispositivi intelligenti possono essere opzioni convenienti per la gestione remota di condizioni che sono fattori di rischio cardiaco, come l’ipertensione e malattie come l’insufficienza cardiaca e la malattia coronarica. Il “teleictus”, l’area più studiata della telemedicina nelle CVD, che è un’assistenza altamente specializzata per l’ictus fornita dai primi soccorritori che ricevono istruzioni e guida da esperti di ictus a distanza, spesso porta a una migliore riabilitazione e recupero per le persone che hanno avuto un ictus o che potrebbero altrimenti mancare accesso a cure specialistiche per l’ictus.

Le sfide dell’utilizzo della telemedicina

Le sfide che possono impedire un uso più diffuso della telemedicina nelle CVD includono barriere sia per gli operatori sanitari che per i loro pazienti.

Per gli operatori sanitari, le sfide individuate sono:

  • accettazione e diffusione della tecnologia di telemedicina, che può variare a causa dell’età, delle competenze tecnologiche e delle percezioni degli operatori sanitari;
  • rimborsi incoerenti e questioni di licenza (i requisiti di licenza variano a seconda dello stato);
  • sfide logistiche nella programmazione e nel mantenimento del flusso di lavoro; e
  • mancanza di infrastrutture per analizzare i dati da dispositivi monitorati da remoto.

Anche la privacy e la sicurezza sono fattori chiave da considerare per i professionisti. “Anche se la maggior parte delle piattaforme di telemedicina sono altamente crittografate”, ha affermato Takahashi, “non sono completamente sicure e potrebbero essere a rischio di violazione dei dati”.

Per le persone con CVD, le sfide identificate sono:

  • risorse limitate per accedere alla tecnologia e ai dispositivi per gli anziani e le popolazioni con risorse insufficienti;
  • barriere all’alfabetizzazione sanitaria, comprese le barriere culturali e linguistiche che possono impedire alle persone di utilizzare piattaforme digitali, dispositivi indossabili di consumo e altri dispositivi a piena capacità; e
  • accesso insufficiente alla larghezza di banda Internet per un appuntamento video di alta qualità.

La dichiarazione afferma che l’infrastruttura per Internet a banda larga deve essere migliorata, specialmente nelle aree rurali prive di accesso diretto alle cure mediche, creando un “deserto medico”.

Strategie per superare gli ostacoli

Infrastrutture, tecnologia e rimborsi sono le aree chiave per affrontare gli ostacoli all’uso della telemedicina. Per il 25% circa degli adulti statunitensi senza accesso alla banda larga, la dichiarazione suggerisce che i cambiamenti nelle politiche pubbliche potrebbero essere utili per integrare gli sforzi del settore privato per espandere l’accessibilità e l’accesso ai servizi Internet. Secondo il gruppo di lavoro, è necessaria una valutazione della politica attuale e l’identificazione di potenziali obiettivi per la riforma della politica.

Mentre il paese torna all’assistenza di persona, la dichiarazione incoraggia la ricerca sul ruolo della telemedicina oltre la pandemia. “La telemedicina ha il potenziale per avere un ruolo più importante nella diagnosi urgente e nel monitoraggio remoto”, ha affermato Takahashi.

Tuttavia, le sfide relative ai rimborsi devono essere affrontate e anche semplificate. Non tutti i contribuenti assicurativi rimborsano allo stesso modo gli appuntamenti di persona, telefonici e video, il che alla fine riduce il rimborso per i professionisti che si prendono cura dei pazienti senza funzionalità video. E, con l’espansione della telemedicina, sono necessari standard su come valutare la qualità dell’assistenza fornita dalla telemedicina.

“La telemedicina svolgerà un ruolo importante nel futuro dell’assistenza cardiovascolare perché l’evoluzione della tecnologia consentirà nuove opportunità di assistenza remota per migliorare l’accessibilità medica”, ha affermato Takahashi. “Si spera che ciò abbia un forte vantaggio per i pazienti delle comunità storicamente escluse e rurali che spesso affrontano disparità sanitarie e sono maggiormente a rischio di malattie cardiovascolari”.

Nell’ambito dell’impegno dell’American Heart Association per l’eccellenza nell’assistenza alla telemedicina, l’Associazione ha acquisito l’American Board of Telehealth (ABT), un’entità nazionale che stabilisce le migliori pratiche e gli standard per l’educazione alla telemedicina. L’American Board of Telehealth, alimentato dall’American Heart Association , mira a tessere la telemedicina nel tessuto dell’assistenza sanitaria in tutto il paese come strumento vitale per promuovere l’accesso a cure di qualità, indipendentemente da dove ti trovi.

Questa dichiarazione scientifica è stata preparata dal gruppo di volontari per conto dell’American Heart Association Council on Cardiovascular Radiology and Intervention, Council on Hypertension, Council on the Kidney in Cardiovascular Disease e Stroke Council. Le dichiarazioni scientifiche dell’American Heart Association promuovono una maggiore consapevolezza sulle malattie cardiovascolari e sui problemi di ictus e aiutano a facilitare decisioni sanitarie informate. Le dichiarazioni scientifiche delineano ciò che è attualmente noto su un argomento e quali aree necessitano di ulteriori ricerche. Sebbene le dichiarazioni scientifiche informino lo sviluppo di linee guida, non forniscono raccomandazioni terapeutiche. Le linee guida dell’American Heart Association forniscono le raccomandazioni ufficiali per la pratica clinica dell’Associazione.

I coautori sono Lee H. Schwamm, MD; Opeolu M. Adeoye, MD, FAHA; Olamide Alabi, MD; Eiman Jahangir, MD, FAHA; Sanjay Misra, MD, FAHA; e Carolyn H. Still, Ph.D., MSM Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati. Anche le fondazioni e le aziende (comprese quelle farmaceutiche, i produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per evitare che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: