Benessere

L’esposizione notturna alla luce artificiale esterna è associata ad un aumentato rischio di diabete tipo 2

Un nuovo studio pubblicato su Diabetologia (la rivista dell’Associazione europea per lo studio del diabete [EASD]) rileva che la luce artificiale esterna di notte (LAN) è associata a un alterato controllo della glicemia e a un aumento del rischio di diabete, con più di 9 milioni di casi di malattia negli adulti cinesi attribuiti all’esposizione alla LAN. Lo studio è del dottor Yu Xu e colleghi dell’Istituto di malattie endocrine e metaboliche di Shanghai, Ruijin Hospital, Shanghai Jiaotong University School of Medicine, Shanghai, Cina.

L’esposizione alla LAN artificiale di notte è un fattore di rischio ambientale onnipresente nelle società moderne. L’intensità dell’inquinamento luminoso urbano è aumentata al punto da colpire non solo i residenti delle grandi città, ma anche quelli di aree lontane come periferie e parchi forestali che possono trovarsi a centinaia di chilometri dalla fonte luminosa. Gli autori osservano: “Nonostante oltre l’80% della popolazione mondiale sia esposta all’inquinamento luminoso di notte, questo problema ha ricevuto un’attenzione limitata da parte degli scienziati fino agli ultimi anni”.

Il ciclo giorno-notte di 24 ore della Terra ha portato la maggior parte degli organismi, inclusi i mammiferi, ad avere un sistema di temporizzazione circadiano (circa 24 ore) integrato che si adatta alla sequenza naturale dei periodi di luce e buio. È stato scoperto che l’inquinamento luminoso altera il ritmo circadiano di insetti, uccelli e altri animali, provocando morte prematura e perdita di biodiversità.

La LAN artificiale è stata anche implicata come potenziale causa di disregolazione metabolica attraverso l’alterazione dei tempi di assunzione di cibo. I ratti esposti alla LAN artificiale hanno sviluppato intolleranza al glucosio, mostrando livelli elevati di zucchero nel sangue e insulina. Un altro studio ha rilevato che i topi esposti a luce bianca notturna fioca di luminosità minima per 4 settimane avevano una massa corporea aumentata e una ridotta tolleranza al glucosio rispetto agli animali il cui ambiente era completamente buio di notte, nonostante avessero un consumo e una spesa energetica approssimativamente equivalenti.

Sono state trovate anche associazioni tra LAN artificiale e problemi di salute negli esseri umani. Uno studio sui lavoratori del turno di notte ha scoperto che quelli esposti a LAN più luminose avevano maggiori probabilità di avere ritmi circadiani interrotti, oltre a un maggior rischio di malattia coronarica. Altre ricerche hanno rilevato che una maggiore esposizione alla LAN era associata a un aumento del 13% e del 22% della probabilità di essere sovrappeso e obeso, rispettivamente, mentre l’esposizione alla LAN in camera da letto è stata segnalata come positivamente associata allo sviluppo del diabete negli anziani.

Il potenziale impatto della LAN artificiale all’aperto è stato rivelato da uno studio nel sud dell’India che ha utilizzato immagini satellitari per mappare l’inquinamento luminoso e lo ha confrontato con i dati sui marcatori di salute generale tra gli adulti in tutta la regione. Con l’aumento dell’intensità della LAN, si sono verificati aumenti corrispondenti dell’indice di massa corporea medio (BMI), della pressione arteriosa sistolica e dei livelli di colesterolo “cattivo” (LDL) nella popolazione esposta.

Il diabete è un problema critico di salute pubblica in Cina e l’insorgenza e la progressione della malattia sono in gran parte governate da fattori di rischio comportamentali e ambientali. La rapida urbanizzazione e la crescita economica della nazione hanno portato a un notevole aumento dell’illuminazione urbana e del numero di persone ad essa esposte. Coloro che vivono nelle città sono inclini a essere spostati da un naturale ciclo giorno-notte di 24 ore, a uno di lavoro e tempo libero 24 ore su 24, spesso restando fuori fino a tardi ed essendo esposti a LAN artificiali.

Lo studio ha utilizzato i dati del China Noncommunicable Disease Surveillance Study; un campione rappresentativo della popolazione generale in Cina prelevato nel 2010 in 162 siti in tutto il paese. Hanno partecipato un totale di 98.658 adulti, sottoposti a interviste per raccogliere informazioni demografiche, mediche, sul reddito familiare, sullo stile di vita, sull’istruzione e sulla storia familiare. L’età media dei partecipanti era di 42,7 anni e circa la metà erano donne.

Il peso corporeo e l’altezza dei partecipanti sono stati misurati per calcolare il BMI e sono stati prelevati campioni di sangue per ottenere i livelli di glucosio sierico sia a digiuno che postprandiale (dopo il pasto), così come l’emoglobina glicata (HbA1c ) . Questa è una forma di glucosio legata all’emoglobina nei globuli rossi che funge da media mobile della glicemia nelle precedenti 8-12 settimane.

Ai partecipanti di ciascun sito di studio è stato assegnato un livello medio di esposizione LAN artificiale all’aperto per quella posizione utilizzando i dati delle immagini notturne in condizioni di scarsa illuminazione della superficie terrestre dal Programma satellitare meteorologico della difesa degli Stati Uniti (DMSP). I livelli di esposizione sono stati ordinati dal più basso al più alto e raggruppati in cinque quintili (gruppi del 20% dal più alto al più basso), con l’intensità della luce mediana nel quintile più alto che era 69 volte maggiore rispetto a quello più basso.

L’intensità della LAN esterna variava sostanzialmente in tutta la Cina, con la maggior parte delle aree esposte a luce a bassa intensità, mentre intensità più elevate convergevano nelle città costiere orientali. I partecipanti che vivevano in aree nei quintili più alti di LAN all’aperto avevano maggiori probabilità di essere più anziani, avere un indice di massa corporea e un reddito familiare più elevati e vivere in un’area urbana. Al contrario, quelli nelle aree del quintile inferiore hanno riportato livelli più elevati di attività fisica ma meno anni di istruzione.

Lo studio ha rilevato che il più alto quintile di esposizione LAN era associato a un aumento relativo del 28% nella prevalenza del diabete rispetto alle aree del quintile più basso. L’esposizione cronica alla LAN esterna residenziale è stata positivamente associata ai livelli di glucosio nel sangue, all’insulino-resistenza e alla prevalenza del diabete e inversamente associata alla funzione delle cellule beta, anche dopo l’aggiustamento per molti importanti fattori di rischio del diabete. In media, per ogni 42 persone che vivono nelle regioni nel quintile più alto di esposizione LAN, c’è un caso in più di diabete che non si sarebbe verificato se quegli individui avessero vissuto nelle aree nel quintile più basso. Mentre l’associazione tra esposizione LAN e diabete potrebbe non essere così forte come con i fattori di rischio più noti, l’ubiquità della luce artificiale all’aperto significa che la scala dell’esposizione della popolazione è vasta.

I ricercatori hanno stimato che più di 9 milioni di casi di diabete negli adulti cinesi di età ?18 anni potrebbero essere attribuiti all’esposizione alla LAN all’aperto; una cifra che dovrebbe aumentare con l’accelerazione dell’urbanizzazione e il numero crescente di persone che migrano dalle campagne cinesi alle città. La natura globale e la portata di questo problema è illustrata dal fatto che circa l’83% della popolazione mondiale e oltre il 99% di quella degli Stati Uniti e dell’Europa vive sotto cieli inquinati dalla luce.

Questi risultati contribuiscono a un numero crescente di prove che suggeriscono che la LAN è dannosa per la salute e dimostrano che potrebbe essere un potenziale nuovo fattore di rischio per il diabete. Gli autori concludono che “sono necessari ulteriori studi che prevedano la misurazione diretta dell’esposizione individuale alla LAN per confermare se la sua relazione con il diabete sia causale”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: