Terapie

Diabete tipo 2 sempre più complesso da gestire

Adv

Un nuovo studio evidenzia la crescente complessità del trattamento del diabete

Uno studio della Therapeutics Initiative dell’Università della British Columbia ha studiato i modelli di trattamento del diabete nella British Columbia negli ultimi due decenni. Lo studio, pubblicato su BMJ Open Diabetes Research & Care , evidenzia le scelte terapeutiche sempre più complesse che devono affrontare medici e pazienti con diabete di tipo 2 e ha scoperto alcune tendenze sorprendenti.

Uno studio nel mondo reale su oltre 300.000 partecipanti adulti trattati per il diabete di tipo 2 negli ultimi 20 anni ha rilevato modelli di prescrizione contrari alle raccomandazioni delle linee guida terapeutiche. L’uso della metformina in monoterapia, raccomandata come trattamento di prima linea nella maggior parte dei pazienti, è diminuito del 17% negli ultimi 10 anni. Lo studio ha anche rilevato che il trattamento iniziale si è intensificato, con tassi di terapia di combinazione più che raddoppiati durante il periodo di studio.

Adv

Lo studio ha anche rilevato una tendenza alla diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue al basale per i pazienti appena trattati nell’ultimo decennio. L’autore principale, il dott. Greg Carney, afferma: “Sebbene riconosciamo che le linee guida raccomandano un approccio terapeutico incentrato sul paziente, la tendenza all’intensificazione del trattamento, in particolare tra coloro che hanno una glicemia ben controllata, è motivo di preoccupazione. Il trattamento eccessivo può esporre i pazienti a un aumentato rischio di potenziali danni come l’ipoglicemia.”

La disponibilità di nuovi farmaci ipoglicemizzanti offre ai medici numerose opzioni terapeutiche. Le decisioni di prescrizione sono ulteriormente complicate dalle politiche di rimborso del governo e dall’evoluzione delle raccomandazioni delle linee guida. I ricercatori sperano che i risultati del loro studio evidenzieranno la necessità di una continua traduzione della conoscenza e di un miglioramento della qualità volti a migliorare il trattamento del diabete.

Lo studio ha incluso 362.391 partecipanti recentemente trattati con un farmaco ipoglicemizzante tra il 2001 e il 2020. La percentuale di pazienti che hanno ricevuto metformina in monoterapia come trattamento di prima linea ha raggiunto un massimo del 90% nel 2009, scendendo al 73% nel 2020. La percentuale di i pazienti che hanno iniziato la combinazione di due farmaci sono quasi raddoppiati, passando dal 3,3% al 6,4%. Le sulfoniluree erano la classe preferita di agenti di seconda linea nel corso del periodo di studio.


Ulteriori informazioni: Greg Carney et al, Tendenze del modello di trattamento dei farmaci per il diabete di tipo 2 nella Columbia Britannica, Canada, BMJ Open Diabetes Research & Care (2022). DOI: 10.1136/bmjdrc-2022-002995

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: