Benessere

Editoriale: Trovare la soluzione all’obesità

Nei 20 anni da quando Barbara Corkey, Ph.D., è stata nominata Editor in Chief della rivista Obesity , l’obesità tra gli adulti è aumentata in modo significativo. I dati del National Center for Health Statistics mostrano che un terzo degli adulti statunitensi di età pari o superiore a 20 anni ha l’obesità. L’obesità continua ad essere una malattia comune, grave e costosa.

In un editoriale su Obesity , Corkey discute le molte diverse teorie che spiegano perché l’obesità continua ad aumentare nonostante i migliori sforzi per controllare l’aumento di peso in questo ambiente, inclusa una maggiore disponibilità e commercializzazione di cibi e bevande ad alto contenuto calorico e ad alto indice glicemico, cibo più grande porzioni, le attività fisiche del tempo libero sostituite con attività sedentarie come guardare la televisione e l’uso di dispositivi elettronici, sonno inadeguato e uso di farmaci che aumentano il peso.

Secondo Corkey, tutte queste presunte spiegazioni presuppongono una causa ambientale dannosa per l’organismo coinvolto (umani).

“Tuttavia, se usiamo il principio della simbiosi e la teoria dell’evoluzione di Darwin, forse possiamo comprendere la prevalenza dell’obesità come una fase intermedia nell’evoluzione dell’uomo che reagisce al suo ambiente al fine di ottenere la sopravvivenza a lungo termine e la longevità finale”, afferma il corrispondente autore Corkey, professore emerito di medicina e biochimica presso la Boston University Chobanian & Avedisian School of Medicine.

Gli esseri umani hanno sviluppato un metodo per sfamare miliardi di persone sul pianeta, sviluppando alimenti trasformati con conservanti e altre sostanze chimiche che possono far durare più a lungo il cibo e possono essere prodotti a basso costo per aumentare la densità calorica in piccole confezioni. Corkey sottolinea che coloro che sviluppano l’obesità accumulano grasso corporeo in risposta alle calorie in eccesso. “Pertanto, la causa dell’obesità ha a che fare tanto quanto la reazione umana alla sovralimentazione quanto la produzione di alimenti che vengono sovralimentati”, afferma.

Corkey osserva che gli sviluppi chiave nel campo dell’obesità/diabete includono la chirurgia bariatrica e più agenti (farmaci) con diversi meccanismi d’azione per trattare l’obesità e prevenire il recupero di peso. “Nuove combinazioni di farmaci stanno iniziando a colmare il divario con la chirurgia bariatrica e sembrano essere nuovi strumenti molto potenti per trattare l’obesità come una malattia”.

Corkey ritiene che il riconoscimento dell’obesità come malattia e la diagnosi precoce del diabete e di altre conseguenze dell’obesità sosterranno un trattamento e una prevenzione precoci e più efficaci. “È importante sottolineare che il riconoscimento della malattia aiuterà a sostenere la copertura assicurativa di trattamenti efficaci per l’obesità”, aggiunge.

Infine, Corkey esamina la medicina culinaria come un campo emergente basato sull’evidenza che riunisce le conoscenze e le abilità nutrizionali e culinarie per aiutare i pazienti a mantenere la salute e prevenire e curare le malattie legate al cibo scegliendo cibo sano e di alta qualità insieme a cure mediche appropriate . “La medicina culinaria ha il vantaggio di essere un intervento che può essere implementato al più presto nello sviluppo dell’obesità senza effetti collaterali negativi “, afferma Corkey.


Ulteriori informazioni: Barbara E. Corkey et al, “En attendant Godot”: Aspettando la risposta all’obesità e alla longevità, Obesity (2022). DOI: 10.1002/oby.23462

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: