Vista e dintorni

La scarsa qualità del sonno può essere collegata a un aumento del rischio di glaucoma, perdita irreversibile della vista

Un sonno di scarsa qualità, tra cui troppo o troppo poco arresto degli occhi, sonnolenza diurna e russamento, può essere collegato a un aumentato rischio di sviluppare la perdita irreversibile della vista (glaucoma), suggerisce un ampio studio della biobanca britannica pubblicato sulla rivista ad accesso aperto BMJ Open .

I risultati sottolineano la necessità di una terapia del sonno nelle persone ad alto rischio di malattia e di controlli oculistici tra le persone con disturbi del sonno cronici per verificare la presenza di segni precoci di glaucoma, concludono i ricercatori.

Il glaucoma è una delle principali cause di cecità e probabilmente colpirà circa 112 milioni di persone in tutto il mondo entro il 2040.

Caratterizzato da una progressiva perdita di cellule fotosensibili nell’occhio e da danni al nervo ottico, le sue cause e i fattori che contribuiscono sono ancora poco conosciuti. Ma se non trattato, il glaucoma può progredire verso la cecità irreversibile.

Mentre lo screening della popolazione potrebbe non essere conveniente, lo screening mirato dei gruppi ad alto rischio potrebbe esserlo, suggeriscono i ricercatori. E una ricerca precedentemente pubblicata suggerisce che i disturbi del sonno possono essere un importante fattore di rischio.

Per esplorare ulteriormente questi problemi, i ricercatori si sono proposti di accertare il rischio di glaucoma tra le persone con diversi comportamenti del sonno: insonnia; dormire troppo o troppo poco; cronotipi notturni o mattutini (“gufi” o “allodole”); sonnolenza diurna ; e russare.

Hanno attinto a 409.053 partecipanti alla biobanca britannica, tutti di età compresa tra i 40 ei 69 anni nel 2006-10 al momento del reclutamento e che avevano fornito dettagli sui loro comportamenti durante il sonno.

La durata del sonno da 7 a meno di 9 ore al giorno è stata definita normale e troppo piccola o troppo al di fuori di questo intervallo. Il cronotipo era definito a seconda che la persona si descrivesse più come un’allodola mattutina o come un gufo notturno.

La gravità dell’insonnia (difficoltà ad addormentarsi di notte o risvegli frequenti) è stata classificata come mai/a volte o di solito, mentre la sonnolenza diurna soggettiva è stata classificata come mai/raramente, a volte o frequente.

Le informazioni di base sui fattori potenzialmente influenti sono state recuperate dai questionari compilati al momento del reclutamento: età (media 57), sesso, razza/etnia, livello di istruzione, stile di vita, peso (BMI) e livello di privazione dell’area residenziale.

Le cartelle cliniche e i dati di registrazione dei decessi sono stati utilizzati per tracciare la salute e la sopravvivenza di tutti i partecipanti fino a una prima diagnosi di glaucoma (ricovero ospedaliero), morte, emigrazione o alla fine del periodo di monitoraggio (31 marzo 2021), a seconda dell’evento che si è verificato per primo.

Durante un periodo medio di monitoraggio di poco più di 10,5 anni, sono stati identificati 8690 casi di glaucoma.

Quelli con glaucoma tendevano ad essere più anziani e avevano maggiori probabilità di essere maschi, fumatori cronici e di avere la pressione alta o il diabete rispetto a quelli a cui non era stata diagnosticata la malattia.

Con l’eccezione del cronotipo, gli altri quattro schemi/comportamenti del sonno erano tutti associati a vari gradi di aumentato rischio di glaucoma.

La durata del sonno breve o lunga era associata a un rischio maggiore dell’8%; insonnia, 12%; russare, 4%; e frequente sonnolenza diurna, 20%.

Rispetto a quelli con un sonno sano, chi russa e coloro che hanno avuto sonnolenza diurna avevano il 10% in più di probabilità di avere il glaucoma, mentre gli insonni e quelli con un ciclo di sonno breve/lungo avevano il 13% in più di probabilità di averlo.

I risultati erano simili quando classificati in base a diversi tipi di glaucoma.

Questo è uno studio osservazionale e, in quanto tale, non può stabilire la causa. Lo studio si basava sull’auto-segnalazione piuttosto che sulla misurazione oggettiva e rifletteva solo un punto nel tempo, riconoscono i ricercatori. Il glaucoma stesso potrebbe influenzare i modelli di sonno , piuttosto che il contrario, aggiungono.

Ma ci sono spiegazioni biologiche potenzialmente plausibili per le associazioni trovate tra disturbi del sonno e glaucoma, affermano i ricercatori.

La pressione interna dell’occhio, un fattore chiave nello sviluppo del glaucoma, aumenta quando una persona è sdraiata e quando gli ormoni del sonno sono fuori controllo, come accade nell’insonnia, spiegano i ricercatori.

Depressione e ansia, che spesso vanno di pari passo con l’insonnia, possono anche aumentare la pressione interna dell’occhio, probabilmente a causa della produzione disregolata di cortisolo, suggeriscono.

Allo stesso modo, è stato suggerito che episodi ripetitivi o prolungati di bassi livelli di ossigeno cellulare, causati dall’apnea notturna (arresto improvviso della respirazione durante il sonno), potrebbero causare danni diretti al nervo ottico.

“Poiché i comportamenti del sonno sono modificabili, questi risultati sottolineano la necessità di un intervento sul sonno per gli individui ad alto rischio di glaucoma e il potenziale screening oftalmologico tra gli individui con problemi di sonno cronici per aiutare a prevenire il glaucoma “, concludono i ricercatori.


Ulteriori informazioni: Associazione del comportamento e del modello del sonno con il rischio di glaucoma: uno studio di coorte prospettico nella biobanca britannica, BMJ Open (2022). DOI: 10.1136/bmjopen-2022-063676

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: