Ricerca

Un potenziale bersaglio per la gestione del diabete sia di tipo I che di tipo II

La variante MAP3K15 è risultata essere un potenziale bersaglio per la gestione del diabete

Un team di ricercatori di AstraZeneca, in collaborazione con colleghi dell’Università del Messico e dell’Università di Oxford, ha scoperto che una proteina legata alla variante del gene MAP3K15 può rappresentare un potenziale bersaglio per la gestione del diabete sia di tipo I che di tipo II. Il documento è pubblicato sulla rivista Science Advances .

Entrambi i tipi di diabete hanno dimostrato di dare origine a molteplici problemi di salute , come malattie cardiache , insufficienza renale e cecità. E mentre non esiste una cura per la malattia, sono state sviluppate molte terapie per prevenire alcuni dei danni che può causare.

In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno cercato punti in comune nei genomi delle persone che hanno il diabete, come mezzo per sviluppare nuove terapie. A tal fine, hanno eseguito algoritmi di ricerca sui dati conservati nella biobanca del Regno Unito.

In tutto, hanno trovato dati rilevanti su 412.000 individui che avevano vari livelli della malattia con una sorta di pattern: livelli più alti di proteine ??associate alla variante MAP3K15. Hanno scoperto che i portatori recessivi della variante avevano il 30% in meno di probabilità di sviluppare il diabete e/o alcune delle complicazioni che derivano dall’aumento dei livelli di emoglobina glicosilata che si osservano tipicamente con la malattia.

I ricercatori suggeriscono che una terapia mirata a tali proteine ??potrebbe rivelarsi utile sia per prevenire l’insorgenza del diabete sia per ridurre i danni che provoca in coloro che ne sono affetti.

I ricercatori hanno condotto lo stesso studio utilizzando i dati del database Admixed Americans utilizzato nello studio prospettico di Città del Messico e anche dal database FinnGen. Hanno trovato risultati simili, sebbene abbiano anche trovato un collegamento tra individui con il gene SLC16A11.

La scoperta, hanno osservato, ha suggerito che i trattamenti sviluppati per colpire MAP3K15 potrebbero essere meno efficaci nelle persone con la variante SLC16A11. Hanno anche scoperto che gli individui con la variante MAP3K15 che avevano anche la variante Arg1122 erano più diffusi nelle persone che vivevano in Finlandia, il paese con il più alto tasso di diabete di tipo 1.

I ricercatori hanno quindi cercato di vedere se potesse esserci un legame tra la variante MAP3K15 e una propensione all’obesità o livelli elevati di colesterolo e non ne hanno trovati.


Ulteriori informazioni: Abhishek Nag et al, La genetica umana scopre MAP3K15 come bersaglio terapeutico indipendente dall’obesità per il diabete, Science Advances (2022). DOI: 10.1126/sciadv.add5430

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: