Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Diabete tipo 1: Il pancreas artificiale bionico trionfa nella prova decisiva

Sono passati 100 anni da quando Leonard Thompson , 13 anni, ha ricevuto una tregua da una condanna a morte. Il giovane maestro Thompson aveva il diabete di tipo 1 , una malattia che era uniformemente fatale entro pochi mesi dalla diagnosi. Ma ha ricevuto una nuova cura, l’ insulina , da un pancreas canino. Avrebbe vissuto altri 13 anni prima di morire all’età di 26 anni di polmonite.

La storia del diabete di tipo 1 da allora è stata una battaglia su due fronti: primo, la ricerca della causa e della cura della malattia; in secondo luogo, lo sforzo per rendere la somministrazione di insulina più sicura, più affidabile e più facile.

Non ci siamo ancora, ma siamo più vicini che mai.

I sistemi a circuito chiuso per la somministrazione di insulina, come il sistema Tandem Control IQ , sono una meraviglia della tecnologia, ma non sono esattamente a mani libere. Gli utenti devono comporre le impostazioni per il loro consumo di insulina, contare i carboidrati ai pasti e informare il sistema che stanno per mangiare quei pasti per consentire all’algoritmo di somministrare una dose di insulina appropriata.

La complessità percepita di questi sistemi può essere responsabile del motivo per cui esistono sostanziali disparità nella prescrizione di sistemi a circuito chiuso . I bambini di uno stato socioeconomico inferiore hanno drammaticamente meno probabilità di ricevere queste tecnologie avanzate. I fornitori possono ritenere che i pazienti con una minore alfabetizzazione sanitaria o supporti sociali non siano “ideali” per queste tecnologie, anche se portano a risultati dimostrabilmente migliori.

Ciò significa che più facile potrebbe essere migliore. E un “pancreas bionico”, come riportato in questo articolo dal New England Journal of Medicine questa settimana, è esattamente questo.

In generale, è un altro sistema a circuito chiuso. Il pancreas bionico si integra con un monitoraggio continuo del glucosio e somministra insulina quando necessario. Ma l’algoritmo sembra essere un po’ più intelligente di quello che abbiamo nei dispositivi esistenti. Ad esempio, il paziente non ha bisogno di fornire alcuna informazione sulle sue dosi abituali di insulina, ma solo sul suo peso corporeo. Non hanno bisogno di contare i carboidrati ai pasti, solo per informare il dispositivo quando stanno mangiando e se il pasto è la solita quantità che mangiano, più o meno. L’algoritmo apprende e si adatta man mano che viene utilizzato. Facile.

E in questo studio randomizzato, è facile.

Un totale di 219 partecipanti sono stati randomizzati in un rapporto 2:1 al pancreas bionico o alla normale cura del diabete, sebbene fosse necessario che i partecipanti di controllo utilizzassero un monitor continuo del glucosio. I partecipanti avevano dai 6 anni ai 79 anni; la maggior parte erano bianchi e avevano un reddito familiare relativamente alto. L’ A1c medio era di circa il 7,8% al basale.

Alla fine dello studio, l’A1c era significativamente migliorato nel gruppo del pancreas bionico, con una media del 7,3% rispetto al 7,7% nel gruppo delle cure abituali.

Questo effetto era più pronunciato in quelli con un A1c più alto al basale, come puoi vedere qui.

Le persone randomizzate al pancreas bionico hanno anche trascorso più tempo nell’intervallo di glucosio target di 70-180 mg/dL.

Tutto sommato, la tecnologia che semplifica la gestione della glicemia, beh, ha reso facile la gestione della glicemia.

Ma la nuova tecnologia non è mai priva di intoppi. Quelli randomizzati al pancreas bionico hanno avuto un tasso notevolmente più alto di eventi avversi (244 eventi in 126 persone rispetto a 10 eventi in otto persone nel gruppo di cure abituali).

Questo è in realtà un po’ fuorviante, però. La stragrande maggioranza di questi eventi erano episodi di iperglicemia dovuti a guasti del set di infusione, che erano segnalabili solo nel gruppo del pancreas bionico. In altre parole, i pazienti del gruppo di controllo che avevano avuto un guasto al set di infusione (supponendo che stessero usando una pompa per insulina) avrebbero semplicemente chiamato il loro medico di base per sistemare le cose e non lo avrebbero segnalato al team di studio.

Tuttavia, questi eventi avversi – non gravi, ma comuni – evidenziano il fatto che un buon software non è l’unica chiave per risolvere il problema del circuito chiuso. Abbiamo bisogno anche di un buon hardware, hardware in grado di sopportare le vite molto attive che i bambini con diabete di tipo 1 meritano di vivere.

Insomma, il sogno di una cura funzionale al diabete di tipo 1, un vero pancreas artificiale, è più vicino che mai, ma è pur sempre solo un sogno. Con progressi iterativi come questo, tuttavia, la realtà potrebbe essere qui prima che tu te ne accorga.


F. Perry Wilson, MD, MSCE, è professore associato di medicina e direttore del Clinical and Translational Research Accelerator di Yale. Il suo lavoro di comunicazione scientifica può essere trovato sull’Huffington Post, su NPR e su Medscape. Twitta @fperrywilson e ospita un repository del suo lavoro di comunicazione su www.methodsman.com

Articolo tradotto da Medscape: per leggere il post originale clicca qui.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: