Terapie

I FANS possono peggiorare l’infiammazione dell’artrite

L’assunzione di antidolorifici antinfiammatori come l’ibuprofene e il naprossene per l’osteoartrite può peggiorare l’infiammazione dell’articolazione del ginocchio nel tempo, secondo un nuovo studio presentato la prossima settimana al meeting annuale della Radiological Society of North America ( RSNA ).

L’osteoartrite è la forma più comune di artrite, che colpisce più di 32 milioni di adulti negli Stati Uniti e più di 500 milioni di persone in tutto il mondo. Si verifica più frequentemente nelle mani, fianchi e ginocchia. Nelle persone con osteoartrite, la cartilagine che ammortizza l’articolazione si consuma gradualmente. L’artrite è spesso accompagnata da infiammazione o gonfiore dell’articolazione, che può essere dolorosa.

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono comunemente prescritti per il dolore e l’infiammazione dell’osteoartrosi. Ma poco si sa degli effetti a lungo termine di questi farmaci sulla progressione della malattia.

“Ad oggi, nessuna terapia curativa è stata approvata per curare o ridurre la progressione dell’artrosi del ginocchio”, ha affermato l’autrice principale dello studio, Johanna Luitjens, borsista post-dottorato presso il Dipartimento di radiologia e imaging biomedico dell’Università della California, San Francisco. “I FANS sono spesso usati per trattare il dolore, ma è ancora una discussione aperta su come l’uso dei FANS influenzi i risultati per i pazienti affetti da osteoartrite. In particolare, l’impatto dei FANS sulla sinovite, o l’infiammazione della membrana che riveste l’articolazione, non è mai stato analizzato utilizzando biomarcatori strutturali basati sulla risonanza magnetica.

Il dottor Luitjens e colleghi hanno deciso di analizzare l’associazione tra uso di FANS e sinovite nei pazienti con osteoartrite del ginocchio e di valutare in che modo il trattamento con FANS influisce sulla struttura articolare nel tempo.

“La sinovite media lo sviluppo e la progressione dell’osteoartrosi e può essere un obiettivo terapeutico”, ha affermato il dott. Luitjens. «Pertanto, l’obiettivo del nostro studio era analizzare se il trattamento con FANS influenza lo sviluppo o la progressione della sinovite e indagare se i biomarcatori di imaging della cartilagine, che riflettono i cambiamenti nell’osteoartrosi, sono influenzati dal trattamento con FANS».

Per lo studio, 277 partecipanti della coorte dell’Osteoarthritis Initiative con osteoartrite da moderata a grave e trattamento prolungato con FANS per almeno un anno tra il basale e il follow-up di quattro anni sono stati inclusi nello studio e confrontati con un gruppo di 793 partecipanti di controllo che erano non trattati con FANS. Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a risonanza magnetica 3T del ginocchio inizialmente e dopo quattro anni. Le immagini sono state segnate per biomarcatori di infiammazione.

Lo spessore della cartilagine, la composizione e altre misurazioni MRI sono servite come biomarcatori non invasivi per valutare la progressione dell’artrite.

I risultati non hanno mostrato alcun beneficio a lungo termine dell’uso di FANS. L’infiammazione articolare e la qualità della cartilagine erano peggiori al basale nei partecipanti che assumevano FANS, rispetto al gruppo di controllo, e sono peggiorate al follow-up di quattro anni.

“In questo ampio gruppo di partecipanti, siamo stati in grado di dimostrare che non esistevano meccanismi protettivi da parte dei FANS nel ridurre l’infiammazione o rallentare la progressione dell’osteoartrosi dell’articolazione del ginocchio”, ha affermato il dott. Luitjens. “L’uso dei FANS per la loro funzione antinfiammatoria è stato frequentemente diffuso nei pazienti con osteoartrite negli ultimi anni e dovrebbe essere rivisitato, poiché non è stato possibile dimostrare un impatto positivo sull’infiammazione articolare”.

Secondo il dottor Luitjens, ci sono diverse possibili ragioni per cui l’uso di FANS aumenta la sinovite.

“Da un lato, l’effetto antinfiammatorio che normalmente deriva dai FANS potrebbe non prevenire efficacemente la sinovite, con un progressivo cambiamento degenerativo con conseguente peggioramento della sinovite nel tempo”, ha affermato. “D’altra parte, i pazienti che hanno la sinovite e stanno assumendo farmaci antidolorifici possono essere fisicamente più attivi a causa del sollievo dal dolore, che potrebbe potenzialmente portare a un peggioramento della sinovite, anche se nel nostro modello ci siamo adattati all’attività fisica”.

Il dottor Luitjens ha osservato che in futuro dovrebbero essere eseguiti studi prospettici randomizzati per fornire prove conclusive dell’impatto antinfiammatorio dei FANS.

I coautori sono Charles McCulloch, Ph.D., Thomas Link, MD, Ph.D., Felix Gassert, MD, Gabby Joseph, Ph.D., e John Lynch, Ph.D.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: