Benessere

Invecchiamento: l’ormone potrebbe aiutare a prevedere la salute a lungo termine degli uomini con anni di anticipo – nuovo studio

Tutti invecchiamo, ma non tutti invecchiamo allo stesso modo. Per alcune persone, l’invecchiamento comporta un aumento del rischio di sviluppare malattie come diabete, malattie cardiovascolari, ossa deboli e declino cognitivo.

Sarebbe l’ideale se potessimo prevedere all’inizio dell’età adulta, mentre una persona è ancora sana, se è a rischio o meno di ammalarsi o di aver bisogno di assistenza medica quando sarà più grande. Adottando allora misure preventive, ciò significherebbe meno persone con problemi di salute, meno persone in cura e costi notevolmente inferiori per il sistema sanitario.

Il nostro ultimo studio suggerisce che potrebbe essere possibile prevedere gli esiti di salute a lungo termine. Abbiamo trovato un nuovo ormone simile all’insulina nel sangue, chiamato peptide 3 simile all’insulina (INSL3), che potrebbe essere in grado di prevedere la salute a lungo termine e se una persona è probabile che sviluppi malattie legate all’età, almeno per uomini.

Per condurre il nostro studio, abbiamo esaminato i dati di una delle più grandi coorti di uomini che invecchiano, l’ European Male Ageing Study . Questo ha reclutato 3.369 uomini di età compresa tra 40 e 79 anni da tutta Europa, incluso il Regno Unito, e li ha seguiti per quattro-cinque anni. È stato progettato in parte per valutare se l’incidenza delle malattie legate all’età negli uomini può essere spiegata dal declino degli ormoni anabolici come il testosterone, che è importante per la crescita e lo sviluppo del corpo.

Utilizzando i dati dello studio europeo sull’invecchiamento maschile, abbiamo cercato associazioni significative tra i livelli di INSL3 nei campioni di sangue conservati prelevati all’inizio e alla fine dello studio e l’incidenza di malattie auto-riferite legate all’età. L’INSL3 è stato misurato utilizzando un nuovo metodo di test sviluppato nel nostro laboratorio. Abbiamo confrontato questi risultati con gli effetti di altri ormoni come il testosterone e li abbiamo anche aggiustati per età, abitudine al fumo e parametri clinici come l’obesità.

Associazioni forti

Siamo stati in grado di dimostrare che i livelli di INSL3 possono variare notevolmente da una persona all’altra ed erano fortemente associati all’incidenza di malattie come malattie cardiovascolari, diabete, perdita della funzione sessuale e debolezza ossea.

Gli uomini con INSL3 alto avevano un rischio minore di ammalarsi successivamente, mentre gli uomini con INSL3 basso avevano un rischio più elevato di sviluppare malattie legate all’età. È importante sottolineare che, esaminando i campioni di sangue prelevati sia all’inizio che alla fine dello studio, abbiamo dimostrato che questa relazione potrebbe essere prevista con diversi anni di anticipo.

Sebbene l’INSL3 sia prodotto negli uomini esclusivamente dalle stesse cellule nei testicoli che producono il testosterone, quest’ultimo è molto variabile. I livelli di testosterone possono cambiare notevolmente di ora in ora e di giorno in giorno. Questa elevata variazione rende difficile trovare associazioni statisticamente significative con altri fattori come l’incidenza della malattia.

A differenza del testosterone, i livelli di INSL3 rimangono sorprendentemente costanti nel flusso sanguigno di un uomo per lunghi periodi di tempo. Ciò consente di ottenere valori simili anche se misurati a distanza di settimane, mesi o anni. Questo ci ha permesso di determinare che un basso INSL3 era significativamente collegato a un rischio più elevato di malattie legate all’età.

Tre giovani che camminano insieme su una spiaggia.
Le differenze nei livelli di INSL3 sembrano emergere negli uomini di appena 18 anni. Ground Picture/Shutterstock

In effetti, ricerche precedenti del nostro gruppo hanno dimostrato che le variazioni da persona a persona nei livelli di INSL3 possono essere osservate in uomini apparentemente sani di appena 18 anni. Sulla base dei nostri risultati, sembra che i livelli di INSL3 rimangano simili per tutta la vita di un uomo. Ciò significa che potremmo essere in grado di osservare i livelli di INSL3 di un uomo quando sono giovani e prevedere la probabilità che sviluppino determinate malattie quando invecchiano.

È probabile che INSL3 abbia funzioni a sé stanti, agendo su diversi organi del corpo. Ciò dovrà essere confermato da ulteriori ricerche. Ciò che è chiaro è che la consistenza di INSL3 per tutta la vita lo rende un biomarcatore molto più facile da osservare quando si prevedono malattie legate all’età negli uomini.

Cosa c’è dietro queste varianti?

Il nostro gruppo a Nottingham è ora concentrato sullo scoprire quali fattori influenzano i livelli di INSL3 nei giovani uomini, e quindi la loro capacità di produrre testosterone che potrebbe influenzare la loro salute successiva.

Il lavoro preliminare degli studi sugli animali suggerisce che l’alimentazione nella prima infanzia può svolgere un ruolo, ma possono essere coinvolti anche molti altri fattori, tra cui la genetica o l’esposizione a determinati fattori ambientali (come il fumo). Dobbiamo confermare la capacità predittiva dell’INSL3 studiando gli uomini per un periodo di tempo molto più lungo.

Naturalmente, questo lavoro si riferisce solo agli uomini anziani i cui testicoli possono funzionare in modo coerente fino alla vecchiaia, diminuendo solo gradualmente in termini di produzione di sperma e ormoni. La fisiologia della donna è molto più radicalmente modulata dalla funzione ovarica, che cambia radicalmente dopo la menopausa. Quindi non conosciamo ancora un equivalente di INSL3 per le donne quando si tratta di prevedere l’invecchiamento e la malattia.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: