Batticuore

Colesterolo buono o no buono?

Adv

Lo studio sfida il ruolo del colesterolo “buono” nella previsione universale del rischio di malattie cardiache

Livelli più bassi di colesterolo HDL erano associati a un aumento del rischio di attacchi di cuore negli adulti bianchi ma non neri e livelli più alti non erano protettivi per nessuno dei due gruppi

Uno studio supportato dal National Institutes of Health ha scoperto che il colesterolo HDL (high-density lipoprotein), spesso chiamato “colesterolo buono”, potrebbe non essere così efficace come credevano gli scienziati nel prevedere in modo uniforme il rischio di malattie cardiovascolari tra adulti di diverse origini razziali ed etniche . 

Adv

La ricerca, pubblicata sul  Journal of the American College of Cardiology , ha rilevato che mentre bassi livelli di colesterolo HDL predicevano un aumento del rischio di  attacchi di cuore  o decessi correlati per gli adulti bianchi – un’associazione accettata da tempo – lo stesso non era vero per i neri adulti. Inoltre, livelli più elevati di colesterolo HDL non erano associati a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari per entrambi i gruppi.     

“L’obiettivo era comprendere questo legame di lunga data che etichetta l’HDL come il colesterolo benefico e se questo è vero per tutte le etnie”, ha affermato Nathalie Pamir, Ph.D., autrice senior dello studio e professore associato di medicina all’interno il Knight Cardiovascular Institute dell’Oregon Health & Science University, Portland. “È risaputo che bassi livelli di colesterolo HDL sono dannosi, indipendentemente dalla razza. La nostra ricerca ha testato questi presupposti”.  

Per fare ciò, Pamir e i suoi colleghi hanno esaminato i dati di 23.901 adulti statunitensi che hanno partecipato al  Reasons for Geographic and Racial Differences in Stroke Study  (REGARDS). Precedenti studi che hanno modellato le percezioni sui livelli di colesterolo “buono” e sulla salute del cuore sono stati condotti negli anni ’70 attraverso la ricerca con la maggioranza dei partecipanti allo studio adulti bianchi. Per il presente studio, i ricercatori sono stati in grado di osservare come  i livelli di colesterolo  di adulti di mezza età bianchi e neri senza malattie cardiache che vivevano in tutto il paese si sovrapponessero a futuri eventi cardiovascolari.  

I partecipanti allo studio si sono iscritti a REGARDS tra il 2003 e il 2007 ei ricercatori hanno analizzato le informazioni raccolte durante un periodo di 10-11 anni. I partecipanti allo studio in bianco e nero condividevano caratteristiche simili, come l’età, i livelli di colesterolo e i fattori di rischio sottostanti per le malattie cardiache, tra cui il diabete, l’ipertensione o il fumo. Durante questo periodo, 664 adulti neri e 951 adulti bianchi hanno subito un infarto o morte correlata a un infarto. Gli adulti con livelli aumentati di colesterolo LDL e trigliceridi avevano un modesto aumento del rischio di malattie cardiovascolari, in linea con i risultati della ricerca precedente.  

Tuttavia, lo studio è stato il primo a scoprire che livelli più bassi di colesterolo HDL predicevano solo un aumento del rischio di malattie cardiovascolari per gli adulti bianchi. Espande anche i risultati di altri studi che mostrano che alti livelli di colesterolo HDL non sono sempre associati a eventi cardiovascolari ridotti. L’analisi di REGARDS è stato il più grande studio statunitense a dimostrare che ciò era vero sia per gli adulti neri che per quelli bianchi, suggerendo che quantità superiori a quelle ottimali di colesterolo “buono” potrebbero non fornire benefici cardiovascolari per nessuno dei due gruppi.  

“Quello che spero questo tipo di ricerca stabilisca è la necessità di rivisitare l’algoritmo di previsione del rischio per le malattie cardiovascolari”, ha detto Pamir. “Potrebbe significare che in futuro non riceveremo una pacca sulla spalla dai nostri medici per avere livelli di colesterolo HDL più alti”.  

Pamir ha spiegato che mentre i ricercatori studiano il ruolo del colesterolo HDL nel sostenere la salute del cuore, stanno esplorando diverse teorie. Uno è la qualità rispetto alla quantità. Cioè, invece di avere più HDL, la qualità della funzione dell’HDL – nel raccogliere e trasportare il colesterolo in eccesso dal corpo – può essere più importante per sostenere  la salute cardiovascolare .  

Stanno anche esaminando al microscopio le proprietà del colesterolo HDL, inclusa l’analisi di centinaia di proteine ??associate al trasporto del colesterolo e il modo in cui le associazioni variabili, basate su una proteina o gruppi di proteine, possono migliorare le previsioni sulla salute cardiovascolare. 

“Il colesterolo HDL è stato a lungo un enigmatico fattore di rischio per le malattie cardiovascolari”, ha spiegato Sean Coady, vice capo dipartimento di  epidemiologia  all’interno della Divisione di scienze cardiovascolari del National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI). “I risultati suggeriscono che è giustificato un tuffo più profondo nell’epidemiologia del metabolismo lipidico, soprattutto in termini di come la razza può modificare o mediare queste relazioni”. 

Gli autori concludono che oltre a supportare la ricerca in corso e futura con diverse popolazioni per esplorare queste connessioni, i risultati suggeriscono che  i calcolatori del rischio di malattie cardiovascolari che  utilizzano il colesterolo HDL potrebbero portare a previsioni imprecise per gli adulti neri.  

“Quando si tratta di fattori di rischio per le malattie cardiache, non possono essere limitati a una sola razza o etnia”, ha affermato Pamir. “Devono applicarsi a tutti.”  

Lo studio REGARDS è cofinanziato dal National Institute of Neurological Disorders and Stroke e dal National Institute of Aging e ha ricevuto ulteriore sostegno da NHLBI.  

Per saperne di più sul colesterolo e sulla salute del cuore, visita  https://www.nhlbi.nih.gov/health/blood-cholesterol .  

Per conoscere la vita sana per il cuore, visitare  https://www.nhlbi.nih.gov/health/heart-healthy-living .  

Studio : Zakai NA, Minnie J, Safford MM, et al. Associazione dipendente dalla razza dei livelli di colesterolo lipoproteico ad alta densità con malattia coronarica incidente. J Am Coll Cardiol . 2022; doi: 10.1016/j.jacc.2022.09.027. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: