Mangiare e bere

L’eco dai cinque continenti: le mandorle possono aiutarti a ridurre le calorie

]]].

Esaminando come le mandorle possono influenzare l’appetito, i ricercatori hanno scoperto che uno spuntino di 30-50 grammi di mandorle potrebbe aiutare le persone a ridurre il numero di kilojoule che consumano ogni giorno.

Pubblicato sull’European Journal of Nutrition , lo studio ha scoperto che le persone che consumavano mandorle, al contrario di uno spuntino di carboidrati equivalente in termini energetici, riducevano il loro apporto energetico di 300 kilojoule (la maggior parte dei quali proveniva da cibo spazzatura) al pasto successivo.

La dott.ssa Sharayah Carter dell’Alleanza per la ricerca sull’esercizio fisico, la nutrizione e l’attività (ARENA) di UniSA afferma che la ricerca fornisce preziose informazioni per la gestione del peso.

“I tassi di sovrappeso e obesità sono una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica e la modulazione dell’appetito attraverso una migliore risposta ormonale può essere la chiave per promuovere la gestione del peso”, afferma il dott. Carter.

“La nostra ricerca ha esaminato gli ormoni che regolano l’appetito e come le noci, in particolare le mandorle, potrebbero contribuire al controllo dell’appetito”.

“Abbiamo scoperto che le persone che mangiavano mandorle hanno sperimentato cambiamenti nei loro ormoni che regolano l’appetito e che questi potrebbero aver contribuito a ridurre l’assunzione di cibo (di 300kJ).”

In Australia, due adulti su tre (12,5 milioni) sono in sovrappeso o obesi. A livello globale, nove miliardi di adulti sono in sovrappeso, di cui 650 milioni obesi.

Lo studio ha rilevato che le persone che mangiavano mandorle avevano il 47% in meno di risposte al peptide C (che può migliorare la sensibilità all’insulina e ridurre il rischio di sviluppare diabete e malattie cardiovascolari); e livelli più elevati di polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente (18% in più), glucagone (39% in più) e risposte polipeptidiche pancreatiche (44% in più). Il glucagone invia segnali di sazietà al cervello, mentre il polipeptide pancreatico rallenta la digestione che può ridurre l’assunzione di cibo, favorendo entrambi la perdita di peso.

“Le mandorle sono ricche di proteine, fibre e acidi grassi insaturi, che possono contribuire alle loro proprietà sazianti e aiutare a spiegare perché sono stati consumati meno kilojoule”.

I risultati di questo studio mostrano che il consumo di mandorle produce piccoli cambiamenti nell’apporto energetico delle persone, il dott. Carter afferma che ciò potrebbe avere effetti clinici a lungo termine.

“Anche piccoli cambiamenti positivi nello stile di vita possono avere un impatto su un periodo più lungo. Quando apportiamo cambiamenti piccoli e sostenibili, è più probabile che nel lungo periodo miglioriamo la nostra salute generale”, afferma il dott. Carter.

“Le mandorle sono un fantastico snack salutare da incorporare nella dieta quotidiana. Ora siamo entusiasti di vedere come le mandorle potrebbero influenzare l’appetito durante una dieta dimagrante e come potrebbero aiutare con la gestione del peso a lungo termine”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: