Mangiare e bere

Con il diabete la dieta mediterranea è meglio verde

La dieta mediterranea verde riduce il doppio del grasso viscerale rispetto alla dieta mediterranea e il 10% in più rispetto a una dieta sana

Ridurre il grasso viscerale è il vero obiettivo della perdita di peso

La dieta mediterranea verde (MED) riduce significativamente il tessuto adiposo viscerale, un tipo di grasso intorno agli organi interni che è molto più pericoloso della “pneumatica” extra intorno alla vita. La dieta mediterranea verde è stata confrontata con la dieta mediterranea e una dieta sana in uno studio clinico interventistico su larga scala, il DIRECT PLUS. Un’analisi successiva ha rilevato che la dieta verde Med ha ridotto il grasso viscerale del 14%, la dieta Med del 7% e la dieta sana del 4,5%. Lo studio è stato pubblicato su BMC Medicine .

Ridurre il grasso viscerale è considerato il vero obiettivo della perdita di peso in quanto è un indicatore più importante del peso di una persona o della circonferenza della vita. Il grasso viscerale si aggrega nel tempo tra gli organi e produce ormoni e veleni legati a malattie cardiache, diabete, demenza e morte prematura.

La ricerca è stata condotta dalla Prof.ssa Iris Shai dell’Università Ben-Gurion del Negev, in Israele, Professore aggiunto della Harvard School of Public Health e Professore Onorario dell’Università di Lipsia, in Germania, insieme al suo studente di dottorato Dr. Hila Zelicha e colleghi italiani, tedeschi e americani.

Il team di ricerca sperimentale DIRECT-PLUS è stato il primo a introdurre il concetto di dieta verde-mediterranea. Questa dieta MED modificata è ulteriormente arricchita con polifenoli alimentari e meno carne rossa/trasformata rispetto alla tradizionale dieta MED sana. Oltre all’assunzione giornaliera di noci (28 grammi), i partecipanti hanno consumato 3-4 tazze di tè verde al giorno e 100 grammi (cubetti congelati) di frullato verde di lenticchia d’acqua al giorno. La lenticchia d’acqua della pianta verde acquatica è ricca di proteine ??biodisponibili, ferro, vitamina B12, vitamine, minerali e polifenoli e assunzione di carne sostitutiva.

Il team ha dimostrato in studi precedenti che la dieta verde MED ha una varietà di effetti salutari che vanno dal microbioma alle malattie degenerative legate all’età.

Duecentonovantaquattro partecipanti hanno preso parte alla prova di 18 mesi.

“Uno stile di vita sano è una solida base per qualsiasi programma di perdita di peso. Dai risultati del nostro esperimento abbiamo appreso che la qualità del cibo non è meno importante del numero di calorie consumate e l’obiettivo oggi è comprendere i meccanismi dei vari nutrienti, per esempio, quelli positivi come i polifenoli e quelli negativi come i carboidrati vuoti e la carne rossa lavorata, sul ritmo della differenziazione delle cellule adipose e sulla loro aggregazione nei visceri”, afferma il Prof. Shai.

“Una riduzione del 14% del grasso viscerale è un risultato straordinario per apportare semplici modifiche alla dieta e allo stile di vita. La perdita di peso è un obiettivo importante solo se è accompagnata da risultati impressionanti nella riduzione del tessuto adiposo”, osserva la dott.ssa Hila Zelicha.

Questo lavoro è stato finanziato da sovvenzioni della Deutsche Forschungsgemeinschaft (DFG, Fondazione tedesca per la ricerca) – Numero progetto 209933838- SFB 1052; il trust Rosetrees (concessione A2623); Sovvenzione del Ministero della Salute israeliano 87472511; Sovvenzione del Ministero della Scienza e della Tecnologia di Israele 3-13604; e la California Walnuts Commission.

Nessuno dei finanziatori è stato coinvolto in nessuna fase della progettazione, conduzione o analisi dello studio e non ha avuto accesso ai risultati dello studio prima della pubblicazione.

L’effetto della dieta mediterranea ad alto contenuto di polifenoli sull’adiposità viscerale: lo studio controllato randomizzato DIRECT PLUS


Hila Zelicha1, Nora Kloting2, Alon Kaplan1, Anat Yaskolka Meir1, Ehud Rinott1, Gal Tsaban1, Yoash Chassidim3, Matthias Bluher4, Uta Ceglarek2, Berend Isermann2, Michael Stumvoll2, Rita Nana Quayson2, Martin von Bergen2, Beatrice Engelmann2, Ulrike E. Rolle? Kampczyk2, Sven?Bastiaan Haange2, Kieran M. Tuohy5, Camilla Diotallevi5, Ilan Shelef6, Frank B. Hu7,8,9, Meir J. Stampfer7,8,9 and Iris Shai1,9*

1. Facoltà di scienze della salute, The Health & Nutrition Innovative International

Centro di ricerca, Università Ben-Gurion del Negev, casella postale 653, 84105 Be’er

Sheva, Israele.

2. Dipartimento di Medicina, Università di Lipsia, Lipsia, Germania.

3. Dipartimento di Ingegneria, Sapir Academic College, Ashkelon, Israele.

4. Helmholtz Institute for Metabolic, Obesity and Vascular Research (HI-MAG)

dell’Helmholtz Zentrum München presso l’Università di Lipsia e l’Università

Ospedale di Lipsia, Lipsia, Germania.

5. Dipartimento Qualità degli Alimenti e Nutrizione, Centro Ricerca e Innovazione, Fondazione Edmund Mach, San Michele all’Adige, Trentino, Italia.

6. Centro medico dell’Università Soroka, Be’er Sheva, Israele.

7. Dipartimento di Epidemiologia, Harvard TH Chan School of Public Health, Boston,

MA, USA.

8. Harvard Channing Division of Network Medicine, Dipartimento di Medicina, Brigham and Women’s Hospital, Boston, MA, USA.

9. Dipartimento di Nutrizione, Harvard TH Chan School of Public Health, Boston, MA, USA.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: