Terapie

Il nuovo materiale che aiuta le ferite diabetiche a guarire rapidamente

Gli scienziati hanno scoperto un nuovo materiale che può essere applicato alle ferite diabetiche per guarirle più velocemente con una sola applicazione.

I ricercatori dell’Università di Nottingham hanno scoperto una nuova classe di polimeri in grado di fornire istruzioni alle cellule immunitarie e non immunitarie per aiutare la guarigione nelle ferite diabetiche difficili da trattare. I risultati sono stati pubblicati su Advanced Materials .

La guarigione delle ferite è un processo biologico complesso che coinvolge vari tipi di cellule che lavorano insieme, con un tipo di cellula chiamato fibroblasti che svolge un ruolo fondamentale nella formazione di nuovo tessuto necessario per la guarigione. Il diabete può interrompere questi processi nelle cellule rendendo la guarigione delle ferite lenta e difficile da trattare. Ciò può portare a infezioni e, in casi estremi, alla necessità di amputazione.

Gli esperti della School of Life Sciences and Pharmacy hanno esaminato 315 diverse superfici polimeriche, esaminando la diversa composizione chimica di ciascuna fino a quando non hanno identificato un tipo di polimero che guida attivamente i fibroblasti e le cellule immunitarie per promuovere la guarigione. Un team della School of Engineering ha realizzato piccole particelle che sono decorate con questo polimero sulla loro superficie. Queste particelle potrebbero essere applicate direttamente all’area della ferita.

Un polimero è un composto chimico costituito da molecole legate insieme in lunghe catene ripetute. Questa struttura conferisce ai polimeri proprietà uniche che possono essere personalizzate per diversi usi. Utilizzando microparticelle polimeriche il team ha mostrato come questo nuovo materiale , quando somministrato a una ferita su un modello animale , produca un’attività dei fibroblasti tre volte superiore per un periodo fino a 96 ore e abbia raggiunto oltre l’80% di chiusura della ferita.

Questo nuovo polimero potrebbe essere applicato come rivestimento a medicazioni per ferite standard per fornire un trattamento rapido ed efficace.

“Questa ricerca è un passo significativo verso la possibilità di creare un nuovo trattamento efficace e a basso costo per le ferite diabetiche. I risultati che abbiamo visto sono stati raggiunti in una sola applicazione, che potrebbe essere trasformativa per i pazienti il ??cui trattamento attuale spesso prevede trattamenti ripetuti erogati da operatori sanitari qualificati ” , afferma il professor Amir Ghaemmaghami, School of Life Sciences.

Il professor Morgan Alexander della School of Pharmacy dell’Università di Nottingham ha aggiunto: “Abbiamo mostrato il potenziale medico di nuovi polimeri in lavori precedenti; i nostri materiali resistenti al biofilm batterico sono utilizzati sui cateteri urinari nel NHS, mostrando come questo può prevenire l’infezione da modificando il comportamento delle cellule batteriche sulla superficie del polimero. Questi polimeri hanno anche il potenziale per essere facilmente applicati alle medicazioni e stiamo già lavorando con i partner del settore per sviluppare modi per aiutare la guarigione delle ferite in questo modo”.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: