Benessere

Perché il turno di notte aumenta il rischio di cancro, diabete e malattie cardiache? Ecco cosa sappiamo finora

Il lavoro a turni significa che le aziende e le organizzazioni possono essere produttive per 24 ore al giorno. Inizialmente è stato adottato per proteggere campi o città da predatori, nemici o disastri.

Sin dalla rivoluzione industriale e dallo sviluppo dell’illuminazione artificiale, i settori manifatturiero, dei servizi e della vendita al dettaglio hanno utilizzato il lavoro a turni per aumentare la produttività e la redditività e fornire assistenza sanitaria continua e servizi di emergenza.

Circa il 20% della forza lavoro è ora turnista, con il 25-30% di coloro che lavorano di notte.

Ma lavorare quando dovresti dormire e riposare sconvolge la tua normale fisiologia.

Di piùcancro, attacchi di cuore e diabete

Prima degli anni ’90, si sapeva poco dell’impatto del lavoro a turni sulla salute.

Quindi uno studio fondamentale che utilizzava dati clinici della metà degli anni ’90 ha rilevato che gli infermieri che lavorano di notte avevano un aumentato rischio di cancro al seno. Questo rischio è aumentato con il numero di anni trascorsi a svolgere il lavoro a turni.

Questo e altri studi hanno portato l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro a concludere nel 2007 che il lavoro notturno dovrebbe essere classificato come “probabilmente cancerogeno per l’uomo” (Gruppo 2A), il che significa che gli esperti sospettano che aumenti la possibilità di cancro. Questa affermazione è stata confermata nel 2019.

Da allora, gli studi hanno dimostrato che il lavoro a turni, in particolare il lavoro a turni a rotazione, aumenta anche il rischio di cardiopatia, obesità e diabete di tipo 2 , demenza e in generale morte prematura .

È anche associato a una diminuzione della vigilanza ea un rischio più elevato di incidenti .

Il lavoro a turni è collegato a più infortuni. Unsplash/Sam Moghadam

Cosa c’è dietro l’aumento del rischio?

Prove crescenti indicano l’interruzione dell’orologio circadiano causata dall’essere attivi o svegli di notte quando dovremmo dormire.

Durante l’evoluzione, le specie viventi – dai batteri e dalle piante agli esseri umani – hanno acquisito un orologio circadiano per ottimizzare i processi corporei in un ambiente che cambia durante il giorno.

Di conseguenza, quasi tutti gli aspetti del comportamento, della fisiologia e del metabolismo sono ritmicamente organizzati per anticipare questi cambiamenti quotidiani.

La forza muscolare, il sistema immunitario e le prestazioni cognitive, ad esempio, sono più elevate durante il giorno in cui il corpo immagazzina anche i nutrienti dal cibo. Queste funzioni diminuiscono durante la notte quando il corpo inizia a utilizzare i nutrienti immagazzinati durante questo periodo di digiuno.

Questi orologi circadiani sono presenti in quasi tutte le cellule del nostro organismo. L’orologio centrale nel cervello agisce come una sorta di direttore d’orchestra che sincronizza tutti questi orologi ed è sincronizzato ogni giorno dalla luce ambientale.

Tutti i sistemi del nostro corpo sono sincronizzati. Unsplash/Renel Wackett

Se questi orologi ora ricevono input da altre fonti come il cibo durante la notte, o se il conduttore viene distratto con qualcosa come la luce durante la notte, questa sincronia si perde.

Ciò porta ad un aumento di peso, diabete di tipo 2, aumento della pressione sanguigna e risposta immunitaria compromessa. Questo si vede anche nei casi di luce a bassa intensità in camera da letto come uno schermo televisivo .

Negli studi che utilizzano modelli animali, questa sincronicità persa porta a una maggiore incidenza di cancro al seno e una crescita tumorale più rapida . Esacerba anche i sintomi della malattia di Alzheimer negli studi sui topi .

Perché l’interruzione circadiana provoca così tanto caos?

Non esiste una spiegazione semplice e probabilmente coinvolge più componenti.

Come nei modelli animali, l’interruzione della fisiologia ben organizzata causata dalla luce notturna o dall’alimentazione al momento sbagliato disturba la funzione naturale degli organi, in particolare la capacità di immagazzinare e utilizzare i nutrienti durante il periodo adeguato.

La luce e il cibo di notte influenzano il modo in cui il nostro corpo utilizza e immagazzina i nutrienti. Shutterstock

L’interruzione circadiana è anche associata a un disturbo del sistema nervoso autonomo che orchestra le nostre funzioni di base come respirare o far battere il cuore. Ciò influisce sulla connessione tra il cervello e i tessuti circostanti e sul loro corretto funzionamento.

Infine, la simulazione del lavoro a turni negli esseri umani ha mostrato un impatto sul sistema immunitario. Ciò contribuisce a un rischio più elevato di infezione tra i lavoratori a turni, in particolare COVID, e potrebbe anche svolgere un ruolo nella progressione del cancro.

Complessivamente, ciò contribuisce a una maggiore predisposizione globale a diverse malattie, tra cui il cancro, il diabete e le malattie cardiache.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: