Educazione

I bambini con diabete di tipo 1 perdono più scuola, suggerisce uno studio

Uno studio condotto dall’Università di Cardiff ha valutato i collegamenti tra diabete e livello di istruzione

I bambini che vivono con il diabete di tipo 1 perdono in media nove sessioni scolastiche in più all’anno rispetto ai bambini senza questa condizione, secondo un nuovo studio condotto dall’Università di Cardiff.

Pubblicata oggi sul Journal for Diabetes Care, la ricerca ha rilevato che i bambini con diabete di tipo 1 che hanno i livelli di glucosio nel sangue più sani perdono sette sessioni in più all’anno, mentre coloro che hanno difficoltà nella gestione del diabete sono assenti per altre 15 sessioni all’anno. L’assenza è misurata in sessioni, che è di mezza giornata.

Il team ha scoperto che mentre molti bambini con diabete ottengono ancora buoni risultati nella loro istruzione sia all’età di 16 anni che nella partecipazione all’università, coloro che affrontano difficoltà per gestire i propri livelli di glucosio nel sangue hanno ottenuto risultati inferiori di cinque gradi nei GCSE rispetto ai bambini senza la condizione, ad esempio 3B e 5C contro 8 B.

Hanno anche meno della metà delle probabilità di frequentare l’università rispetto ai bambini senza diabete di tipo 1.

La ricerca del team – uno studio quantitativo che ha utilizzato i dati degli scolari (dai 6 ai 18 anni) in Galles tra il 2009 e il 2016 – ha preso in considerazione anche fattori come lo stato socioeconomico della famiglia di un bambino, la privazione del vicinato, il sesso e l’età.

Hanno scoperto che è probabile che queste caratteristiche personali e familiari siano associate a un’efficace autogestione del diabete e, a loro volta, abbiano un effetto sul livello di istruzione.

“La nostra ricerca suggerisce che i bambini che vivono con il diabete di tipo 1 affrontano molte sfide aggiuntive a scuola, comprese le assenze più elevate”, ha affermato l’autore principale, il dottor Robert French, ricercatore senior presso la School of Medicine dell’Università di Cardiff.

“I bambini che vivono con il diabete e gestiscono la condizione ottengono gli stessi voti all’età di 16 anni dei loro coetanei senza diabete e hanno la stessa probabilità di progredire verso l’istruzione superiore. Questo è piuttosto notevole, dato che perdono più sessioni scolastiche rispetto a quelli senza la condizione.

“Dove vediamo grandi differenze nei risultati scolastici è per quei bambini che affrontano difficoltà nella gestione del loro diabete.

“Tuttavia, i nostri dati suggeriscono che questo è molto probabilmente il risultato di fattori sociali piuttosto che biologici e qualcosa che le scuole hanno la capacità di migliorare”.

Il diabete di tipo 1 è una delle condizioni infantili croniche più comuni nel Regno Unito, che colpisce un bambino su 250, sebbene possa essere diagnosticato più tardi nella vita. Una condizione autoimmune, non è il risultato di fattori legati allo stile di vita e richiede auto-iniezioni di insulina regolarmente o l’uso di una pompa per insulina per controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Shelby Sangha aveva 17 anni quando le è stato diagnosticato il diabete di tipo 1. Ora ha 23 anni e lavora per il servizio di ambulanza del West Midlands come spedizioniere medico di emergenza.

“Odiavo assolutamente la scuola nel migliore dei casi e poi tutto il mio mondo è letteralmente crollato quando ho scoperto di essere diabetico. 

“Non volevo credere di avere il diabete o di aver bisogno di cure perché i miei amici non lo facevano, quindi perché dovrei? L’ho spinto in un angolo della mia mente e ho cercato di dimenticarmene.  

“La scuola e gli esami erano un vortice, un enorme ottovolante emotivo. Nessuno aveva davvero idea di cosa fosse il diabete o cosa comportasse, me compreso. Non credo nemmeno di aver avuto alcun sostegno dalla mia scuola, se ricordo bene correttamente. 
 “Penso che sia necessario fare molto di più per aumentare la consapevolezza dell’impatto del diabete sui bambini e sui giovani. Oltre al supporto per loro, i colloqui nelle scuole o nei gruppi di riferimento dei pazienti sarebbero un enorme vantaggio”.

A Rebecca Barlow-Noone è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 quando aveva 18 anni. Ora ha 26 anni, ha recentemente completato un master e ha fatto parte del gruppo consultivo del progetto di ricerca.

“I livelli di zucchero nel sangue instabili hanno un impatto significativo sul tuo benessere, sui livelli di concentrazione e sulla vita quotidiana, quindi non sono sorpresa dai risultati di questo studio”, afferma.

“Sono stato fortunato ad avere supporto a casa quando mi è stato diagnosticato, ma anche così, il diabete di tipo 1 può essere una condizione isolante e ci sono barriere reali che i bambini e i giovani devono affrontare. 

“Purtroppo, nell’attuale crisi del costo della vita, anche il sostegno non è sufficiente, in particolare se i bambini con diabete mancano i pasti scolastici. Rende questa condizione complessa ancora più difficile da gestire.

“È davvero importante capire in che modo questi fattori extra – i determinanti sociali come il luogo in cui cresciamo e l’istruzione che riceviamo – incidono sulla salute”.

Il dottor French ha aggiunto: “Convivere con il diabete può influenzare ogni aspetto della vita di un bambino, dalla famiglia, alle amicizie e alla sua autostima, ed è complesso da gestire con molti fattori in gioco”.

“Pone anche un enorme onere per il SSN in termini di interventi costosi. Si stima che il diabete di tipo 1 rappresenti 1 miliardo di sterline in costi diretti per il SSN, comprese le malattie cardiache correlate al diabete, l’insufficienza renale e le amputazioni del piede) e 0,9 miliardi di sterline in costi indiretti, ad esempio assenza dal lavoro per problemi di salute e impatto sulla salute mentale.

“Questo studio è importante per il modo in cui affrontiamo le sfide sanitarie e educative per i giovani con diabete in futuro. Le scuole e le équipe sanitarie devono lavorare insieme per fornire maggiore sostegno ai bambini e alle loro famiglie. Ciò garantirà che i bambini che vivono con il diabete possano prosperare e raggiungere il loro pieno potenziale scolastico”.

La dott.ssa Faye Riley, Research Communications Manager presso Diabetes UK, ha aggiunto: “Ogni bambino con diabete merita la stessa istruzione, esperienze e opportunità dei suoi coetanei. Questo studio indica in modo incoraggiante che sebbene i bambini con diabete di tipo 1 tendano a perdere più scuola rispetto a quelli senza la condizione, la loro condizione non ha un impatto negativo sul loro livello di istruzione e sulla probabilità di passare all’istruzione superiore all’età di 16 anni.

“Sebbene la ricerca abbia rilevato che quelli con livelli di zucchero nel sangue più alti hanno ottenuto voti inferiori rispetto a quelli con livelli in un intervallo target, non mostra che i livelli elevati di zucchero nel sangue ne siano la causa diretta. Invece, è probabile che questo collegamento sia spiegato da altri fattori, come il sostegno familiare e fattori socioeconomici che sono associati sia a livelli più alti di zucchero nel sangue che a risultati scolastici più scarsi. Esistono disuguaglianze sanitarie nella cura del diabete e questi risultati sono un importante promemoria del fatto che le scuole e gli operatori sanitari devono lavorare insieme per garantire che tutti i bambini con diabete di tipo 1 e le loro famiglie abbiano il supporto di cui hanno bisogno per gestire la condizione e prosperare.

Lo studio è stato finanziato dal Medical Research Council ( MRC ) e dall’Administrative Data Research UK ( ADR UK ). I partner della ricerca includevano Diabetes UK, Royal College of Paediatrics and Child Health, NHS Digital, Health Quality Improvement Partnership, University College London e Swansea University.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: