Benessere

Le lavastoviglie commerciali distruggono lo strato protettivo nell’intestino

I residui di brillantante rimangono sui piatti dopo che sono stati lavati in lavastoviglie professionali. Ciò danneggia lo strato protettivo naturale nell’intestino e può contribuire all’insorgenza di malattie croniche, come dimostrato dai ricercatori che lavorano con gli organoidi presso l’Istituto svizzero di ricerca sulle allergie e sull’asma, un istituto UZH associato.

ZURIGO , 1 dicembre 2022 /PRNewswire/ — Che sia al ristorante, a scuola o in caserma, le lavastoviglie professionali aiutano piatti, bicchieri e posate a diventare perfettamente puliti e asciutti in pochi minuti. Questi dispositivi pratici comportano tuttavia dei rischi, come è stato recentemente scoperto in un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Istituto svizzero di ricerca sulle allergie e sull’asma (SIAF), un istituto associato dell’Università di Zurigo (UZH). Un ingrediente in particolare presente nei brillantanti commerciali ha un effetto tossico sul tratto gastrointestinale.

Residui chimici su piastre pulite

Un ciclo tipico in una lavastoviglie commerciale prevede la circolazione di acqua calda e detersivo per circa 60 secondi ad alta pressione. Successivamente, c’è un secondo ciclo di lavaggio e asciugatura di 60 secondi in cui vengono applicati acqua e un brillantante. “Ciò che è particolarmente allarmante è che in molti apparecchi non esiste un ciclo di lavaggio aggiuntivo per rimuovere il brillantante residuo”, afferma Cezmi Akdis, professore di allergologia e immunologia sperimentale dell’UZH e direttore del SIAF, che ha guidato lo studio. “Ciò significa che sostanze potenzialmente tossiche rimangono sui piatti, dove poi si asciugano sul posto”. Quando i piatti vengono utilizzati la volta successiva, questo residuo chimico essiccato può facilmente finire nel tratto gastrointestinale.

Ciò ha ispirato il team di ricerca guidato da Akdis a studiare quale effetto hanno i componenti dei detergenti e degli agenti di risciacquo di livello commerciale sulla barriera epiteliale nell’intestino, lo strato di cellule che riveste il tratto intestinale e controlla ciò che entra nel corpo. Un difetto di questa barriera è associato a condizioni come allergie alimentari, gastrite, diabete, obesità, cirrosi epatica, artrite reumatoide, sclerosi multipla, disturbi dello spettro autistico, depressione cronica e morbo di Alzheimer.

Strati protettivi simili sono presenti anche sulla pelle e nei polmoni. Come hanno dimostrato numerosi studi, molti additivi e sostanze chimiche che incontriamo nella vita di tutti i giorni possono danneggiare questi strati. “Presumiamo che le barriere epiteliali difettose svolgano un ruolo nell’innescare l’insorgenza di due miliardi di malattie croniche”, afferma Akdis. Questa connessione è spiegata dall’ipotesi della barriera epiteliale, che Akdis ha contribuito a sviluppare durante i suoi oltre 20 anni di ricerca in questo campo.

dishwasher, kitchen utensils, washing

Sostanza tossica nei brillantanti

I ricercatori hanno utilizzato una tecnologia di nuova concezione per il loro studio: organoidi intestinali umani e cellule intestinali su microchip. Il tessuto forma un ammasso tridimensionale di cellule molto simile all’epitelio intestinale umano. Il team ha utilizzato vari metodi biomolecolari per analizzare l’effetto che detersivi commerciali e brillantanti hanno su queste cellule. Hanno diluito queste sostanze per riflettere le quantità che sarebbero state presenti sui piatti asciutti (da 1:10.000 a 1:40.000).

Il risultato è stato che alte dosi di agenti di risciacquo uccidevano le cellule epiteliali intestinali e dosi più basse le rendevano più permeabili. I ricercatori hanno anche osservato l’attivazione di diversi geni e proteine ??di segnalazione cellulare che potrebbero innescare risposte infiammatorie. Un’analisi più dettagliata ha mostrato che un componente del brillantante, gli alcol etossilati, era responsabile di questa reazione.

Secondo Akdis, questi risultati hanno implicazioni significative per la salute pubblica. “L’effetto che abbiamo trovato potrebbe segnare l’inizio della distruzione dello strato epiteliale dell’intestino e innescare l’insorgenza di molte malattie croniche”, dice. Akdis chiede una risposta immediata: “È importante informare il pubblico su questo rischio, poiché gli alcol etossilati sembrano essere comunemente usati nelle lavastoviglie commerciali”.

Letteratura:

Ismail Ogulur, Yagiz Pat , Tamer Aydin, Duygu Yazici , Beate Rückert, Yaqi Penq, Juno Kim , Urszula Radzikowska, Patrick Westermann , Milena Sokolowska , Raja Dhir , Mubeccel Akdis, Kari Nadeau , Cezmi A. Akdis. Danni alla barriera epiteliale intestinale causati da detersivi per lavastoviglie e brillantanti. Il giornale dell’allergia e dell’immunologia clinica. 1 dicembre 2022 . DOI: 10.1016/j.jaci.2022.10.020

FONTE SIAF

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: