Equilibrio

Il disturbo da alimentazione incontrollata è più comune di quanto molti credano, ma raramente viene discusso: ecco cosa devi sapere

Il personaggio televisivo, autore e parrucchiere Jonathan Van Ness ha recentemente condiviso sui social media le sue lotte con il mangiare e il peso dopo “anni in cui si sentiva fuori controllo con il cibo”. Ha descritto la sofferenza del disturbo da alimentazione incontrollata, un disturbo alimentare caratterizzato dal consumo di grandi quantità di cibo con la sensazione di sentirsi fuori controllo.

Dato il danno che può derivare dalla condizione, la consapevolezza sollevata da persone come Van Ness può aiutare più persone a ottenere l’aiuto di cui hanno bisogno, invece di soffrire solo per anni.

Sentirsi fuori controllo

La cosa che distingue il disturbo da alimentazione incontrollata dall’eccesso di cibo occasionale o dai periodi di alimentazione emotiva è la sensazione di sentirsi fuori controllo quando si mangia o se interferisce con la vita quotidiana.

Alcuni altri segni di disturbo da alimentazione incontrollata includono:

  • Mangiare fino a sentirsi sgradevolmente sazi,
  • Mangiare grandi quantità di cibo, anche quando non si ha fame,
  • Mangiare più velocemente del normale,
  • Sensazioni di disgusto, umore basso o senso di colpa dopo aver mangiato.

Con il supporto adeguato, è spesso possibile identificare il disturbo da alimentazione incontrollata prima che si sviluppino problemi seri. È importante prenderlo presto, poiché può portare a una serie di problemi di salute , come l’obesità, il diabete di tipo 2 e il colesterolo alto.

Sono comuni anche altri problemi di salute mentale , con fino al 70% dei malati che riferiscono disturbi dell’umore – come depressione – o ansia. Circa un quarto delle persone con disturbo da alimentazione incontrollata ha tentato il suicidio. Il disturbo da alimentazione incontrollata può avere un effetto importante sulla vita quotidiana di una persona, con persone che riferiscono un rendimento scolastico inferiore e tassi di occupazione inferiori .

Una tragica ironia con il sotto-riconoscimento del disturbo da alimentazione incontrollata è che è una condizione altamente curabile. Alla maggior parte delle persone verranno consigliati trattamenti psicologici, come la terapia cognitivo-comportamentale , che possono aiutarli a comprendere i fattori che scatenano le loro abbuffate e anche aiutarli ad apprendere abitudini alimentari più sane e meccanismi di coping. I trattamenti psicologici possono essere molto efficaci sia nell’aiutare le persone a smettere di mangiare in modo incontrollato, sia nel migliorare i sintomi di altre condizioni di salute mentale che potrebbero avere, come la depressione.

Un terapista parla con una giovane donna.

I trattamenti farmacologici (come gli antidepressivi) si sono dimostrati utili nel ridurre le abbuffate. Tuttavia, questi comportano un rischio di effetti avversi (come mal di testa, insonnia, nausea e affaticamento) e sono, in media, meno efficaci della terapia psicologica.

Un altro elemento chiave per riprendersi da un disturbo alimentare è imparare a cambiare il proprio rapporto con il cibo. Nel suo post su Instagram, Van Ness ha affermato che questo ha avuto un ruolo importante nell’aiutarlo a superare le sue abbuffate. Ha detto che alcune delle cose che ha imparato a fare includevano dare la priorità al tempo per mangiare e pianificare i suoi pasti.

Ottenere aiuto

Mentre diversi fattori sono spesso in gioco quando si tratta di disturbo da alimentazione incontrollata, i sintomi sono solitamente innescati da eventi o emozioni negative – come sentirsi annoiati, tristi o ansiosi – o fattori scatenanti fisiologici, come la fame. Le persone con disturbo da alimentazione incontrollata possono anche trovare più difficile regolare le proprie emozioni , il che può portare a circoli viziosi di umore basso e alimentazione incontrollata.

Alcuni segni rivelatori che potresti sviluppare un problema con il binge eating possono includere cambiamenti nel comportamento alimentare (come comprare molto cibo o mangiare anche se non hai fame) e passare molto tempo a pensare al cibo. Il binge eating non è un’esperienza piacevole e spesso le persone si sentono spaventate, si vergognano o si sentono in colpa per i loro sintomi, rendendo particolarmente difficile parlare di queste esperienze.

Se pensi di avere un problema con il binge eating, parla con il tuo medico il prima possibile in modo che possa indirizzarti a uno specialista. Anche se questo può sembrare scoraggiante, prepararsi in anticipo può essere d’aiuto . Considera cosa potresti dire, cosa ti preoccupa e quali domande hai. Potresti voler portare un amico per il supporto.

Se conosci qualcuno che potrebbe avere un problema con il binge eating, può essere utile avere una conversazione onesta e non giudicante con loro riguardo alle tue preoccupazioni . Prova a cercare di capire perché potrebbero essere in difficoltà e incoraggiali a cercare supporto.

Nonostante i racconti onesti di persone come Van Ness, il disturbo da alimentazione incontrollata rimane una malattia spesso trascurata e poco curata. Esistono barriere sia per i pazienti che per i professionisti ed è stato suggerito che il disturbo da alimentazione incontrollata possa essere semplificato eccessivamente nei media . Travisare la malattia e parlarne meno di altri problemi può rendere più difficile per i malati farsi avanti. Aumentare la consapevolezza del disturbo da alimentazione incontrollata aiuterà le persone colpite, non solo incoraggiandole a farsi curare, ma anche riducendo lo stigma.


Questo articolo è ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: