Equilibrio

Problemi a dormire? Potresti essere a rischio di diabete di tipo 2

Mentre il periodo natalizio inizia a crescere, i ricercatori dell’Università del South Australia stanno ricordando alle persone di dare la priorità a una buona notte di sonno poiché una nuova ricerca mostra che un sonno disturbato può essere associato a fattori di rischio per il diabete di tipo 2 .

Nel primo studio di questo tipo, i ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno segnalato disturbi del sonno avevano in media maggiori probabilità di avere indicatori di cattiva salute cardiometabolica – marcatori infiammatori, colesterolo e peso corporeo – che possono contribuire al diabete di tipo 2.

In Australia, quasi un milione di adulti ha il diabete di tipo 2 . A livello globale, il diabete di tipo 2 colpisce più di 422 milioni di persone .

La dott.ssa Lisa Matricciani , ricercatrice UniSA, afferma che diversi aspetti del sonno sono associati a fattori di rischio per il diabete.

“Tutti sanno che il sonno è importante. Ma quando pensiamo al sonno, ci concentriamo principalmente su quante ore dormiamo, quando dovremmo anche considerare la nostra esperienza di sonno nel suo complesso”, afferma il dott. Matricciani.

“Quanto profondamente dormiamo, quando andiamo a letto e ci alziamo, e quanto sono regolari le nostre abitudini di sonno, può essere importante tanto quanto la durata del sonno.”

“In questo studio, abbiamo esaminato l’associazione di diversi aspetti del sonno e fattori di rischio per il diabete e abbiamo trovato una connessione tra coloro che avevano un sonno disturbato e coloro che erano a rischio di diabete di tipo 2”.

Lo studio ha valutato più di 1000 adulti* australiani con un’età media di 44,8 anni. I ricercatori hanno esaminato una serie di caratteristiche del sonno: disturbi del sonno auto-segnalati, durata, tempistica, efficienza e variabilità della durata del sonno giorno per giorno.

“Le persone che hanno riferito di avere problemi a dormire avevano anche maggiori probabilità di avere un indice di massa corporea più elevato, oltre a marcatori ematici di colesterolo e infiammazione”, afferma il dott. Matricciani.

“Quando si arriva alla crisi, sappiamo che dobbiamo dare la priorità al nostro sonno per mantenerci in buona salute. Sono necessarie ulteriori ricerche, ma come dimostra questo studio, è importante pensare al sonno nel suo insieme, non solo come un aspetto.

Note a margine

  • *La maggior parte dei partecipanti (87%) erano madri.
  • Circa la metà di tutti i partecipanti (48%) ha riferito di non aver mai avuto disturbi del sonno.
Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: