Ricerca

Rendere la scienza più accessibile alle persone con disabilità

I ricercatori suggeriscono modi per migliorare l’accessibilità prima della Giornata internazionale delle persone con disabilità

La pandemia ha provocato cambiamenti sul posto di lavoro che si sono rivelati vantaggiosi per le persone con disabilità in scienze, tecnologia, ingegneria, matematica e medicina (STEMM), ma c’è il timore che queste sistemazioni vengano annullate. Con la Giornata internazionale delle persone con disabilità che si terrà il 3 dicembre, un gruppo di ricerca che comprende docenti della Binghamton University, State University di New York, chiede modi per rendere più accessibile il lavoro in STEMM.

“Stiamo sentendo sempre più parlare di quanto sia bello ‘tutti’ essere di nuovo insieme, così come gli appelli a lasciarci alle spalle la pandemia e le richieste sempre più stridenti di ‘normalità’ pre-pandemia”, ha affermato Katherine, professore associato di antropologia della Binghamton University Passeggiata. “Siamo preoccupati che le lezioni apprese durante la pandemia andranno perse”.

Wander, insieme al professore associato di antropologia dell’Università del New Mexico Siobhán Mattison e altri, ha delineato la situazione e il quadro per potenziali soluzioni. Il documento attinge a intuizioni dagli studi sulla disabilità, un campo di ricerca interdisciplinare che esplora i modi in cui le disabilità sono create dai processi sociali così come da quelli biologici. Molte persone all’interno di STEMM non sono a conoscenza delle intuizioni degli studi sulla disabilità e possono non riuscire a vedere queste dimensioni sociali, hanno affermato gli autori.

Le dinamiche di esclusione sulla base della disabilità si sovrappongono anche ad altre dinamiche di esclusione, come quelle basate su sesso/genere, orientamento sessuale, razza, etnia o stato socioeconomico. Mentre ogni tipo di esclusione ha elementi in comune, hanno anche le loro dimensioni uniche, riconoscono gli autori.

Wander indica i punti in comune tra le esperienze di esclusione per considerare come potrebbero essere mitigate al meglio. Lavorare da casa, ad esempio, non solo avvantaggia alcune persone con disabilità, ma anche persone appartenenti a minoranze razziali o etniche, alcune delle quali hanno scoperto che il lavoro a distanza ha alleviato gran parte dei pregiudizi che hanno sperimentato sul posto di lavoro. Detto questo, non tutti trovano accessibile il lavoro remoto, poiché dipende, tra gli altri fattori, da un accesso a Internet decente. In breve, non esiste una soluzione unica e semplice che aumenti l’inclusione di un gruppo qualsiasi.

Invece, gli autori sostengono un approccio basato su tre pilastri: flessibilità, adattamento e modifica (FAM).

Fornire maggiore flessibilità sul posto di lavoro amplierà i contributi delle persone con disabilità e di altri che devono affrontare vari vincoli, come la necessità di fornire assistenza ai membri della famiglia. Quando un’ampia flessibilità non è possibile o sufficiente, dovrebbero essere disponibili sistemazioni per aiutare le persone a svolgere le funzioni principali del loro ruolo. La modifica delle mansioni lavorative può anche aiutare STEMM a conservare le intuizioni e gli sforzi delle persone le cui disabilità a volte o persistentemente impediscono la loro capacità di lavorare in posizioni che non sono progettate per loro.

L’adozione di strategie FAM, tuttavia, comporta il cambiamento di pratiche consolidate e potrebbe comportare alcuni costi finanziari per le istituzioni. Tuttavia, i benefici per la scienza, gli studenti e i pazienti saranno probabilmente sostanziali, affermano gli autori.

In definitiva, l’approccio FAM può portare benefici a tutti. Mentre qualcuno potrebbe non essere considerato disabile oggi, infortuni, malattie e invecchiamento potrebbero cambiare le loro circostanze in futuro. Il fenomeno del lungo COVID, sottolineano gli autori, ci ricorda che nessuno è a più di una malattia di distanza dalla disabilità duratura.

“L’inclusione è una responsabilità proattiva. Se vogliamo dire che tutti meritano un posto a tavola, allora dobbiamo assicurarci che i posti siano pronti per tutti”, ha detto Mattison.

I coautori oltre a Mattison e Wander includono Logan Gin dello Sheridan Center for Teaching and Learning della Brown University, Allistair Abraham del Dipartimento di Pediatria della George Washington University, Megan Moodie del Dipartimento di Antropologia dell’Università della California – Santa Cruz e Feranmi Okanlami del programma di medicina di famiglia, medicina fisica e riabilitazione dell’Università del Michigan. 

Il documento, “Voci della comunità: ampliare la partecipazione alla scienza, alla tecnologia, all’ingegneria, alla matematica e alla medicina tra le persone con disabilità”, è stato pubblicato su Nature Communications.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: