Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

L’utilizzo dei sensori per il monitoraggio continuo della glicemia riduce ricoveri e mortalità nel diabete di tipo 1 e di tipo 2

L’uso del monitoraggio continuo del glucosio è stato associato a un minor rischio di ospedalizzazione e mortalità per tutte le cause negli adulti con diabete di tipo 1 e di tipo 2 che frequentano le cliniche Veterans Affairs negli Stati Uniti, secondo un relatore.

Durante una presentazione al Congresso mondiale sulla resistenza all’insulina, il diabete e le malattie cardiovascolari, Peter Reaven, MD , professore nella divisione di endocrinologia presso l’Università dell’Arizona College of Medicine ed endocrinologo presso il Carl T. Hayden VA Medical Center di Phoenix, ha discusso come il CGM può conferire benefici alle persone con diabete oltre a ridurre l’HbA1c, come un ridotto rischio di ipoglicemia, iperglicemia e ricoveri.

“Potrebbero esserci molti vantaggi diversi che il CGM può offrire, non solo il controllo del glucosio, ma può avere effetti significativi sulle complicanze”, ha detto Reaven durante una presentazione. “Tutti questi dati suggeriscono che potremmo aver bisogno di esaminare questi tipi di risultati in modo molto più serio, perché potrebbero esserci alcuni vantaggi aggiuntivi che non abbiamo apprezzato. Se fosse vero, allora forse l’uso di CGM potrebbe diventare più simile agli inibitori SGLT2 e inizieremo a usarli in modo molto più completo.

Reaven e colleghi hanno raccolto dati da tutti gli Stati Uniti utilizzando le cartelle cliniche elettroniche VA. Adulti con diabete di tipo 1 o di tipo 2 che hanno fatto uso di insulina, hanno avuto almeno una visita ambulatoriale di cure primarie, endocrinologiche o cliniche per il diabete nell’anno precedente alla raccolta dei dati, avevano almeno 2 anni di dati VA disponibili e avevano alcuni dati di follow-up registrati sono stati inclusi. Gli adulti sono stati definiti come nuovi utilizzatori di CGM se avevano almeno una prescrizione di sensori di glucosio con la prima data di riempimento dal 2015 al 2020. Gli utenti non CGM erano adulti che utilizzavano solo strisce di glucosio. I ricercatori hanno confrontato la variazione di HbA1c, i ricoveri correlati a ipoglicemia e iperglicemia, il ricovero per tutte le cause e altri esiti tra utenti CGM e non utenti CGM a 12 mesi.

Uso di CGM collegato a un minor rischio di ospedalizzazione
La coorte comprendeva 5.015 adulti con diabete di tipo 1 che utilizzavano CGM, 3.518 persone con diabete di tipo 1 che non utilizzavano CGM, 15.706 adulti con diabete di tipo 2 che utilizzavano CGM e 29.912 individui con diabete di tipo 2 che non utilizzavano CGM.

A 12 mesi, gli utenti di CGM con diabete di tipo 1 hanno avuto un calo maggiore di HbA1c a 12 mesi rispetto agli utenti non CGM (differenza media, -0,26; 95% CI, da -0,31 a -0,21; P <0,001). Allo stesso modo, gli utilizzatori di CGM con diabete di tipo 2 hanno avuto una maggiore riduzione di HbA1c a 12 mesi rispetto agli utenti non CGM (differenza media, -0,39; 95% CI, da -0,42 a -0,36; P <.001).

“Quello che abbiamo riscontrato in generale per il controllo glicemico è che ci sono state maggiori riduzioni nei soggetti più giovani, quelli con HbA1c più elevati al basale e quelli che hanno utilizzato il loro CGM in modo più coerente nei 12 mesi di follow-up nei pazienti con diabete di tipo 1”, ha detto Reaven. “Stesso schema con il diabete di tipo 2, con effetti ancora maggiori negli individui più giovani, quelli con HbA1c più elevati al basale o quelli che usano il loro CGM in modo più coerente”.

Gli adulti con diabete di tipo 1 che utilizzavano CGM avevano un minor rischio di eventi di ipoglicemia o con un livello di glucosio inferiore a 54 mg/dL (HR = 0,72; 95% CI, 0,57-0,91; P = 0,01) e ospedalizzazione per tutte le cause ( HR = 0,75; 95% CI, 0,63-0,9; P = 0,002) rispetto ai non utilizzatori, ma non c’era differenza nel rischio di iperglicemia. Gli adulti con diabete di tipo 2 che utilizzavano CGM avevano un minor rischio di eventi di iperglicemia (HR = 0,87; 95% CI, 0,77-0,99; P = 0,04) e ospedalizzazione per tutte le cause (HR = 0,89; 95% CI, 0,82-0,97; P = .004) rispetto ai non utilizzatori con diabete di tipo 2, ma gli eventi di ipoglicemia non differivano tra i due gruppi.

L’uso di CGM può ridurre il rischio di mortalità
I ricercatori hanno anche calcolato il rischio di mortalità tra utilizzatori e non utilizzatori di CGM a 18 mesi. Per i dati sono stati esclusi gli adulti con alto rischio di mortalità. Dopo l’aggiustamento per la ponderazione della sovrapposizione del punteggio di propensione, gli adulti con diabete di tipo 1 che utilizzavano CGM avevano un rischio inferiore di mortalità a 18 mesi rispetto agli utenti non CGM (HR aggiustato = 0,38; 95% CI, 0,28-0,51; P <0,001). Allo stesso modo, gli utilizzatori di CGM con diabete di tipo 2 avevano un rischio di mortalità ridotto rispetto ai non utilizzatori dopo l’applicazione della ponderazione per sovrapposizione del punteggio di propensione (aHR = 0,79; 95% CI, 0,7-0,88; P <.001), anche se non vi era alcuna differenza tra i gruppi nei tassi di mortalità grezzi.

“I nostri pazienti con diabete di tipo 2 che hanno ricevuto CGM erano in realtà più malsani [rispetto agli utenti non CGM]”, ha detto Reaven. “Quando li bilanci effettivamente e guardi i dati preliminari sulla mortalità, vedi riduzioni piuttosto drammatiche”.


Fonte: 

Reaven P. Sessione 5: Effetti del monitoraggio del glucosio nel VHA. Presentato a: Congresso mondiale sulla resistenza all’insulina, il diabete e le malattie cardiovascolari; 1-3 dicembre 2022; Universal City, California (riunione ibrida).

Divulgazioni: Reaven riferisce di aver ricevuto una borsa di ricerca da Dexcom.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: