Benessere

Pandoravirus: lo scioglimento dell’Artico sta rilasciando germi antichi: quanto dovremmo essere preoccupati?

Gli scienziati hanno recentemente riportato in vita diversi virus di grandi dimensioni che erano rimasti sepolti nel terreno ghiacciato della Siberia (permafrost) per decine di migliaia di anni.

Il virus più giovane a essere rianimato aveva 27.000 anni. E il più antico – un Pandoravirus – aveva circa 48.500 anni. Questo è il virus più antico che sia mai stato rianimato.

Mentre il mondo continua a riscaldarsi, il disgelo del permafrost sta rilasciando materia organica che è stata congelata per millenni, inclusi batteri e virus, alcuni dei quali possono ancora riprodursi.

Quest’ultimo lavoro è stato realizzato da un gruppo di scienziati provenienti da Francia, Germania e Russia; sono riusciti a rianimare 13 virus – con nomi esotici come Pandoravirus e Pacmanvirus – estratti da sette campioni di permafrost siberiano.

Supponendo che i campioni non siano stati contaminati durante l’estrazione (sempre difficile da garantire) questi rappresenterebbero effettivamente virus vitali che in precedenza si erano replicati solo decine di migliaia di anni fa.

Questa non è la prima volta che un virus vitale viene rilevato in campioni di permafrost. Precedenti studi hanno segnalato il rilevamento di un Pithovirus e un Mollivirus .

Nella loro prestampa (uno studio che deve ancora essere rivisto da altri scienziati), gli autori affermano che è “legittimo riflettere sul rischio che antiche particelle virali rimangano infettive e tornino in circolazione dallo scongelamento di antichi strati di permafrost”. Quindi cosa sappiamo finora del rischio di questi cosiddetti “virus zombi”?

Tutti i virus coltivati ??finora da tali campioni sono virus a DNA giganti che colpiscono solo le amebe . Sono lontani dai virus che colpiscono i mammiferi, figuriamoci gli esseri umani ed è molto improbabile che rappresentino un pericolo per l’uomo.

Tuttavia, uno di questi grandi virus che infettano le amebe, chiamato Acanthamoeba polyphaga mimivirus , è stato collegato alla polmonite negli esseri umani . Ma questa associazione è ancora lungi dall’essere provata. Quindi non sembra che i virus coltivati ??da campioni di permafrost rappresentino una minaccia per la salute pubblica.

Un’area di preoccupazione più rilevante è che quando il permafrost si scioglie potrebbe rilasciare i corpi di persone morte da tempo che potrebbero essere morte per una malattia infettiva e quindi rilasciare quell’infezione nel mondo .

L’unica infezione umana che è stata debellata a livello globale è il vaiolo e la reintroduzione del vaiolo, specialmente in luoghi difficili da raggiungere, potrebbe essere un disastro globale. La prova dell’infezione da vaiolo è stata rilevata nei corpi delle sepolture del permafrost ma “solo sequenze geniche parziali”, quindi frammenti di virus rotti che non potevano infettare nessuno. Il virus del vaiolo, tuttavia, sopravvive bene se congelato a -20°C, ma ancora solo per pochi decenni e non secoli .

Negli ultimi due decenni, gli scienziati hanno riesumato i corpi di persone morte a causa dell’influenza spagnola e sepolte nel terreno colpito dal permafrost in Alaska e Svalbard, in Norvegia. Il virus dell’influenza è stato in grado di essere sequenziato ma non coltivato dai tessuti di queste persone decedute. I virus dell’influenza possono sopravvivere congelati per almeno un anno quando sono congelati, ma probabilmente non per diversi decenni .

I batteri potrebbero essere più di un problema

Tuttavia, altri tipi di agenti patogeni, come i batteri, potrebbero essere un problema. Nel corso degli anni, ci sono state diverse epidemie di antrace (una malattia batterica che colpisce il bestiame e gli esseri umani) che hanno colpito le renne in Siberia.

Nel 2016 si è verificata un’epidemia particolarmente vasta che ha portato alla morte di 2.350 renne . Questa epidemia ha coinciso con un’estate particolarmente calda, il che ha portato a suggerire che l’antrace rilasciato dallo scongelamento del permafrost possa aver innescato l’epidemia.

Spore di antrace.

I focolai identificati di antrace che colpiscono le renne in Siberia risalgono al 1848 . In questi focolai, anche gli esseri umani sono stati spesso colpiti dal mangiare le renne morte. Ma altri hanno evidenziato teorie alternative per questi focolai che non si basano necessariamente sullo scongelamento del permafrost , come l’arresto della vaccinazione contro l’antrace e la sovrappopolazione delle renne.

Anche se lo scongelamento del permafrost stava innescando focolai di antrace che hanno avuto gravi effetti sulla popolazione locale, l’ infezione da antrace degli erbivori è diffusa a livello globale ed è improbabile che tali focolai locali scatenino una pandemia.

Un’altra preoccupazione è se organismi resistenti agli antimicrobici possano essere rilasciati nell’ambiente dallo scongelamento del permafrost. Ci sono buone prove da molteplici studi che i geni della resistenza antimicrobica possono essere rilevati in campioni di permafrost . I geni di resistenza sono il materiale genetico che consente ai batteri di diventare resistenti agli antibiotici e possono essere trasmessi da un batterio all’altro. Ciò non dovrebbe sorprendere poiché molti geni di resistenza antimicrobica si sono evoluti da organismi del suolo che precedono l’era antimicrobica .

Tuttavia, l’ambiente, in particolare i fiumi, è già fortemente contaminato da organismi resistenti agli antimicrobici e geni di resistenza . Quindi è dubbio che i batteri di resistenza antimicrobica che si scongelano dal permafrost contribuirebbero notevolmente alla già grande abbondanza di geni di resistenza antimicrobica già nel nostro ambiente.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: