Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Diabetologia fa rima con tecnologia? Sì ma non per tutti

Le disparità razziali, etniche e socioeconomiche nell’uso del microinfusore persistono da oltre 20 anni

Breve ricerca dell’UCLA

RISULTATI

Mentre l’uso di microinfusori per insulina per gestire il diabete di tipo 1 è cresciuto negli ultimi 20 anni, non vi è stato alcun miglioramento nelle disparità razziali, etniche e socioeconomiche nel loro utilizzo. Alla fine del periodo studiato, l’uso del microinfusore era del 67% tra i bianchi non ispanici, del 41% tra gli ispanici, del 29% tra i neri e del 46% tra gli altri gruppi razziali ed etnici. Inoltre, il 70% delle persone con un diploma di laurea o superiore ha utilizzato le pompe, rispetto al 56% tra quelli con qualche college, il 40% tra i possessori di un diploma di scuola superiore e il 18% tra quelli senza istruzione superiore. Per livello di reddito, il 74% di quelli con redditi familiari di $ 75.000 o più, il 66% con $ 50.000 a $ 74.999, il 51% con $ 25.000 a $ 49.999 e il 41% con meno di $ 25.000, ha utilizzato le pompe.

SFONDO

È stato dimostrato che l’uso del microinfusore porta a miglioramenti nel controllo glicemico, nella qualità della vita, nella soddisfazione per il trattamento e nella riduzione del disagio dovuto al diabete. L’uso complessivo è cresciuto in due decenni da circa il 32% al 59% tra le persone con diabete di tipo 1.

METODO

I ricercatori hanno esaminato i dati del SEARCH for Diabetes Youth Study, uno studio multicentrico, osservazionale e basato sulla popolazione sui giovani sotto i 20 anni. Hanno suddiviso l’analisi in quattro periodi di tempo tra il 2001 e il 2019: 690 giovani e giovani adulti con diabete di tipo 1 nel 2001-2005, 1.706 nel 2006-2010, 2.385 nel 2011-2015 e 2.257 nel 2016-2019.

IMPATTO

Sono necessarie ricerche sui modi per migliorare l’accesso alle pompe per insulina e affrontare le persistenti disuguaglianze nell’uso dei dispositivi, che sono noti per migliorare la salute e la qualità della vita delle persone con diabete di tipo 1.

COMMENTO

“La tecnologia del diabete ha numerosi vantaggi per i pazienti con diabete di tipo 1, ma il problema è che c’è un enorme divario tra chi ha effettivamente accesso a queste tecnologie”, ha affermato la dott.ssa Estelle Everett, assistente professore di medicina nella divisione di endocrinologia, responsabile dello studio. , diabete e metabolismo presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA. “Il nostro studio ha rilevato che negli ultimi 20 anni, nonostante l’aumento complessivo dell’uso di microinfusori, i gruppi di minoranze etniche e razziali e quelli di status socioeconomico inferiore hanno ancora accesso ineguale a questo strumento di gestione molto vantaggioso. Questo è molto preoccupante perché questi gruppi hanno più difficoltà a gestire il loro diabete e hanno un rischio maggiore di complicanze con il diabete, quindi possono effettivamente ottenere il massimo beneficio dall’uso della tecnologia del diabete.

AUTORI

Altri coautori sono Lauren Wisk dell’UCLA; Davene Wright dell’Università di Harvard; Adrienne Williams di DNA Solutions LLC; Jasmin Divers della New York University; la Dott.ssa Catherine Pihoker e il Dott. Jason Mendoza dell’Università di Washington; Angela Liese dell’Università della Carolina del Sud; Anna Bellatorre dell’Università del Colorado; la dott.ssa Anna Kahkoska ed Elizabeth Mayer-Davis dell’Università del North Carolina a Chapel Hill; e Ronny Bell della Wake Forest University.

FINANZIAMENTO

Lo studio SEARCH for Diabetes in Youth Cohort Study (1R01DK127208-01 e 1UC4DK108173) è finanziato dai National Institutes of Health, National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases e sostenuto dai Centers for Disease Control and Prevention. Il Population Based Registry of Diabetes in Youth Study (1U18DP006131, U18DP006133, U18DP006134, U18DP006136, U18DP006138 e U18DP006139) è finanziato dai Centers for Disease Control and Prevention (DP-15-002) e sostenuto dal National Institutes of Health, National Istituto di Diabete e Malattie Digestive e Renali.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: