Assistenza sociosanitaria

Un nuovo studio raccomanda di dare la priorità alla cura del diabete per il recupero globale post-pandemia

Le persone con diabete sono state tra le più colpite durante la pandemia di COVID-19. Un nuovo studio globale, esamina l’impatto del COVID-19 sulla cura del diabete tracciando un parallelo con l’impatto dei disastri naturali sulle malattie croniche e sulle popolazioni a rischio.

“Abbiamo assistito alla co-occorrenza di una pandemia di malattia infettiva acuta e di una diffusa malattia cronica. L’impatto di ciò non è inferiore a quello di un disastro naturale”, ha affermato il dott. Stewart B. Harris, tra gli autori della ricerca e professore di medicina di famiglia presso la Schulich School di Medicina e Odontoiatria Ontario, Canada.?

Pubblicato su The Lancet Diabetes & Endocrinology , lo studio raccomanda interventi mirati per i gruppi vulnerabili , l’espansione della copertura sanitaria universale e la regolamentazione legislativa di alimenti dannosi come alimenti ad alta densità energetica e bevande zuccherate , per ridurre e gestire il doppio impatto di COVID-19. 19 e diabete. ??

“A livello individuale o a livello di comunità, le infezioni acute, come il COVID-19, e le malattie croniche , come il diabete, sono inesorabilmente correlate. La risposta ad esse deve essere coordinata in modo simile”, raccomanda lo studio. ??

Lo studio trae lezioni apprese dai precedenti disastri naturali per gestire e ridurre l’impatto diretto e indiretto di COVID-19 sulla cura del diabete. Per lo studio sono stati presi in considerazione i disastri naturali, tra cui il terremoto di Kobe del 1995 in Giappone e l’uragano Sandy nell’Atlantico occidentale nel 2012.

È stato anche studiato l’impatto dell’attuale conflitto Ucraina-Russia sulle persone con diabete e sulla gestione di routine del diabete e si è scoperto che l’interruzione delle strutture per la cura del diabete, comprese le forniture farmaceutiche e alimentari, ha influenzato direttamente la cura del diabete.

Sulla base di questo lavoro, una delle raccomandazioni chiave dello studio è quella di stratificare la popolazione in base a fattori di rischio socioeconomici e di altro tipo e quindi dare la priorità a quelli con i maggiori bisogni.

“COVID-19 ha avuto un impatto diretto e indiretto sulle persone con diabete . In questo gruppo sono stati osservati tassi più elevati di ospedalizzazione, ricoveri in terapia intensiva e mortalità”, ha affermato Harris, sottolineando la necessità di compassione e comprensione dei determinanti sociali della salute. ?

“La disuguaglianza nella cura del diabete esisteva già e la pandemia l’ha peggiorata. Molte persone con malattie croniche hanno ritardato la ricerca di cure mediche o non sono state in grado di ottenerle”, ha affermato. ?

Lo studio evidenzia anche l’importanza dell’immunizzazione contro COVID-19 per prevenire l’onere sul sistema sanitario e ridurre l’impatto del long COVID.????


Maggiori informazioni: Kamlesh Khunti et al, L’impatto della pandemia COVID-19 sui servizi per il diabete: pianificazione per una ripresa globale, The Lancet Diabetes & Endocrinology (2022). DOI: 10.1016/S2213-8587(22)00278-9

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: