Assistenza sociosanitaria Comunicazione Equilibrio

Perché i medici stanno perdendo la fiducia nei pazienti; Cosa dovrebbe essere fatto?

Ciao. Sono Art Caplan. Sono alla Divisione di Etica Medica della Scuola di Medicina della New York University.

Voglio parlare di un articolo che i colleghi della mia divisione hanno appena pubblicato su Health Affairs . Amanda Zink, Lauren Taylor e un paio di altri hanno scritto un pezzo molto interessante, che penso abbia un significato e un’importanza per tutti coloro che oggi si occupano di assistenza clinica nella sanità americana.

Come hanno sottolineato, c’è una grande quantità di letteratura su ciò che spinge i pazienti a fidarsi del proprio medico. Ci sono molti studi che dimostrano come sebbene i pazienti a volte siano diventati più critici nei confronti della professione medica, in generale cercano ancora di fidarsi del proprio medico. Gli infermieri rimangono in una stima abbastanza alta tra coloro che ricevono cure ospedaliere.

Ciò che non viene studiato, come sottolinea giustamente questo documento, è: cosa possono fare il medico e l’infermiere per fidarsi del paziente? Come si può valutare? Non è importante quanto dire che i pazienti devono fidarsi dei loro medici per fare e rispettare ciò che viene loro detto?

E se i medici hanno paura della violenza? E se i medici temono di non potersi fidare che i pazienti ascoltino, prestino attenzione o facciano ciò che gli viene detto? E se pensano che i pazienti stiano arrivando con tutti i tipi di disinformazione, informazioni false o cose che raccolgono su Internet, in modo che anche se fai del tuo meglio per ottenere informazioni accurate e complete su cosa fare riguardo alle malattie infettive, prendersi cura di un bambino con mal di gola, o qualunque cosa possa essere, stai pensando, posso fidarmi di questo paziente per fare quello che voglio che faccia?

Un problema particolare che sta causando sfiducia è che sempre più pazienti mostrano stress e dipendenza da droghe e alcol. Ciò non li rende meno affidabili di per sé, ma significa che non possono regolare anche il proprio comportamento.

Questo ovviamente deve essere qualcosa a cui il medico o l’infermiere stanno pensando. Questa persona sarà in grado di contenere la rabbia? Questa persona sarà in grado di gestire le cattive notizie? Questa persona si occuperà di me quando dirò loro che alcune delle cose che credono essere vere su ciò che è buono per la loro assistenza sanitaria sono false?

Penso che dobbiamo davvero iniziare a spingere gli amministratori e le persone in posizioni di potere a insegnare a medici e infermieri come disinnescare le situazioni e come mettere le persone più a loro agio quando entrano e il medico sospetta che possano essere sotto l’influenza, alterate, o arrabbiati a causa di cose che hanno visto sui social media, qualunque esse siano, comprese le preoccupazioni per il razzismo, il fanatismo e i pregiudizi, che alcuni pazienti stanno portando in clinica e in ospedale.

Abbiamo bisogno di più formazione. Dobbiamo affrontare questo come un problema serio. Cosa possiamo fare per disinnescare situazioni in cui il medico o l’infermiere pensano giustamente di non poter controllare o di non potersi fidare di ciò che il paziente sta pensando o di come il paziente potrebbe comportarsi?

È anche vero che penso che abbiamo bisogno di più backup e accesso rapido alla sicurezza in modo che le persone si sentano sicure ea proprio agio nel fornire assistenza. Dobbiamo assicurarci che se hai bisogno di qualcuno per trattenere un paziente o per tirare fuori qualcuno da una situazione, che possa arrivare rapidamente e rispondere rapidamente e che sappia cosa fare per ridurre la situazione.

È triste dirlo, ma la sicurezza nel mondo sanitario di oggi deve essere qualcosa che testiamo e controlliamo davvero, non perché siamo preoccupati, come lo sono in molti posti, per un tiratore che entra nei locali, che è la sua stessa preoccupazione, ma Sto solo parlando di quando il dottore o l’infermiera dicono che questo paziente potrebbe comportarsi male, potrebbe diventare violento o è qualcuno di cui non mi posso fidare.

I miei coautori stanno sostanzialmente dicendo che non è una strada a senso unico. Sì, dobbiamo trovare dei modi per assicurarci che i nostri pazienti possano fidarsi di ciò che diciamo. La fiducia è assolutamente il lubrificante che fa fluire l’assistenza sanitaria. Se i pazienti non si fidano dei loro dottori, non faranno quello che dicono. Non otterranno le loro prescrizioni riempite. Non saranno conformi. Non cercheranno di perdere peso o controllare il loro diabete.

Va anche dall’altra parte. Il medico o l’infermiere devono fidarsi del paziente. Devono credere di essere al sicuro. Devono credere che il paziente sia in grado di controllarsi. Devono credere che il paziente sia in grado di ascoltare e ascoltare ciò che sta dicendo e che sia in grado di seguire le istruzioni, incluso tornare se è ciò che è richiesto.

Tutti devono sentirsi sicuri nell’ambiente in cui lavorano. La sicurezza, purtroppo, deve essere una priorità se vogliamo avere una forza lavoro sanitaria che si senta davvero al sicuro ea proprio agio nel trattare con una popolazione di pazienti sempre più aggressiva e forse non altrettanto affidabile.

Non è una notizia che mi piace leggere quando i miei colleghi la scrivono, ma è importante e dobbiamo prenderla sul serio.

Sono Art Caplan della Divisione di Etica Medica della Grossman School of Medicine della NYU. Grazie per aver guardato.


Articolo pubblicato su Medscape, per leggere l’originale clicca qui

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: