Assistenza sociosanitaria Batticuore

I cuori e i corpi cambiano con l’età, anche i trattamenti per le malattie cardiache potrebbero dover cambiare

La nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association esamina l’assistenza adeguata all’età per le persone di età pari o superiore a 75 anni ricoverate in ospedale per infarto o dolore toracico

Punti salienti della dichiarazione:

  • Una nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association fornisce informazioni aggiornate su come l’invecchiamento influenza la diagnosi e il trattamento degli attacchi di cuore nelle persone di età pari o superiore a 75 anni.
  • I cambiamenti nel sistema cardiovascolare associati al normale invecchiamento e le condizioni mediche non correlate al cuore che diventano più comuni con l’età dovrebbero essere considerati quando si pianifica il trattamento e il follow-up dell’infarto.
  • Un’assistenza adeguata per gli anziani è sempre più importante poiché la percentuale di anziani nella popolazione continua ad aumentare.
Human circulation cardiovascular system with heart anatomy. 3d illustration

DALLAS, 12 dicembre 2022 – Per le persone di età pari o superiore a 75 anni, i cambiamenti legati all’età nella salute generale e nel cuore e nei vasi sanguigni richiedono considerazione e probabili modifiche nel modo in cui vengono trattati attacchi di cuore e malattie cardiache, secondo un nuovo American Heart Dichiarazione scientifica dell’Associazione pubblicata oggi sulla rivista Circulation , fiore all’occhiello dell’Associazione .

La nuova dichiarazione, “Gestione della sindrome coronarica acuta (SCA) nella popolazione adulta più anziana”, mette in evidenza le recenti prove per aiutare i medici a curare meglio i pazienti di età superiore ai 75 anni. Secondo la dichiarazione, il 30-40% delle persone ricoverate con SCA ha età 75 o più. ACS include attacco di cuore e angina instabile (dolore toracico correlato al cuore).

La dichiarazione è un aggiornamento di una dichiarazione dell’American Heart Association del 2007 sul trattamento degli attacchi di cuore negli anziani.

Le linee guida per la pratica clinica si basano sulla ricerca di studi clinici. “Tuttavia, gli adulti più anziani sono spesso esclusi dagli studi clinici perché le loro esigenze di assistenza sanitaria sono più complesse rispetto ai pazienti più giovani”, ha affermato Abdulla A. Damluji, MD, Ph.D., FAHA, presidente del comitato di scrittura delle dichiarazioni scientifiche, direttore dell’Inova Center of Outcomes Research di Fairfax, Virginia, e professore associato di medicina alla Johns Hopkins School of Medicine di Baltimora.

“I pazienti più anziani hanno cambiamenti anatomici più pronunciati e compromissione funzionale più grave, e hanno maggiori probabilità di avere condizioni di salute aggiuntive non correlate a malattie cardiache”, ha affermato Damluji. “Questi includono fragilità, altri disturbi cronici (trattati con più farmaci), disfunzione fisica, declino cognitivo e/o incontinenza urinaria – e questi non sono regolarmente studiati nel contesto dell’ACS”.

Invecchiamento normale e cambiamenti legati all’età nel cuore e nei vasi sanguigni

I cambiamenti cardiovascolari che si verificano con il normale invecchiamento rendono più probabile la SCA e possono rendere più complessa la diagnosi e il trattamento: le grandi arterie diventano più rigide; il muscolo cardiaco spesso lavora di più ma pompa meno efficacemente; i vasi sanguigni sono meno flessibili e meno in grado di rispondere ai cambiamenti del fabbisogno di ossigeno del cuore; e c’è una maggiore tendenza a formare coaguli di sangue. Il declino sensoriale dovuto all’invecchiamento può anche alterare l’udito, la vista e le sensazioni del dolore. Anche la funzione renale diminuisce con l’età, con più di un terzo delle persone di età pari o superiore a 65 anni con malattia renale cronica. Questi cambiamenti dovrebbero essere considerati quando si diagnostica e si tratta la SCA negli anziani.

Queste considerazioni includono:

  • È più probabile che la SCA si verifichi senza dolore toracico negli anziani, presentandosi con sintomi come respiro corto, svenimento o confusione improvvisa.
  • Misurare i livelli dell’enzima troponina nel sangue è un test standard per diagnosticare un infarto nei giovani. Tuttavia, i livelli di troponina potrebbero già essere più elevati nelle persone anziane, in particolare quelle con malattie renali e muscolo cardiaco irrigidito. La valutazione dei modelli di aumento e diminuzione dei livelli di troponina può essere più appropriata quando la si utilizza per diagnosticare attacchi di cuore negli anziani.
  • I cambiamenti legati all’età nel metabolismo, nel peso e nella massa muscolare possono richiedere scelte diverse nei farmaci anti-coagulazione per ridurre il rischio di sanguinamento.
  • Con il declino della funzione renale, aumenta il rischio di danno renale, in particolare quando si utilizzano agenti di contrasto nei test di imaging e nelle procedure guidate dall’imaging.
  • Sebbene molti medici evitino la riabilitazione cardiaca per i pazienti fragili, spesso ne traggono i maggiori benefici.
  • Garantire che i farmaci e altre terapie vengano continuati quando le persone vengono trasferite dall’ospedale a un centro di assistenza ambulatoriale è particolarmente importante negli anziani che sono vulnerabili alla fragilità, al declino e alle complicazioni durante queste transizioni.

Molteplici condizioni mediche e farmaci

Man mano che le persone invecchiano, spesso vengono diagnosticate condizioni di salute che possono essere peggiorate dall’ACS o possono complicare l’ACS esistente. Poiché queste condizioni croniche vengono trattate, il numero di farmaci prescritti può provocare interazioni indesiderate o i farmaci che trattano una condizione possono peggiorarne un’altra.

“Le sindromi geriatriche e la complessità della loro cura possono minare l’efficacia dei trattamenti per l’ACS, così come la resilienza degli anziani a sopravvivere e riprendersi”, ha affermato Damluji. “Una revisione dettagliata di tutti i farmaci, inclusi integratori e farmaci da banco, è essenziale, idealmente in consultazione con un farmacista esperto di geriatria”.

Un approccio individualizzato e incentrato sul paziente alla cura delle ACS, considerando le condizioni coesistenti e la necessità di input da più specialisti, è il migliore per gli anziani. Idealmente, i team multidisciplinari che si prendono cura degli anziani con ACS includono cardiologi, chirurghi, geriatri, medici di base, nutrizionisti, farmacisti, professionisti della riabilitazione cardiaca, assistenti sociali, infermieri e familiari.

Inoltre, le persone con difficoltà cognitive e mobilità limitata possono beneficiare di un programma di farmaci semplificato, con meno dosi al giorno e forniture di farmaci per 90 giorni, quindi sono necessarie meno ricariche. Il monitoraggio del carico dei sintomi, dello stato funzionale e della qualità della vita durante il follow-up post-dimissione è importante per fornire informazioni su come il paziente sta progredendo rispetto ai suoi obiettivi di cura e valutare il potenziale di miglioramento.

Preferenze del paziente e aspettativa di vita

Gli anziani differiscono ampiamente nella loro indipendenza, limiti fisici o cognitivi, aspettativa di vita e obiettivi per il futuro. Gli obiettivi dell’assistenza alle persone anziane con ACS dovrebbero estendersi oltre gli esiti clinici (come sanguinamento, ictus, un altro infarto o la necessità di ripetere le procedure per riaprire le arterie). Gli obiettivi incentrati sulla qualità della vita, la capacità di vivere in modo indipendente e/o il ritorno allo stile di vita o all’ambiente di vita precedente sono importanti da considerare quando si pianifica l’assistenza agli anziani con SCA. Inoltre, gli ordini di non rianimazione (DNR) devono essere discussi prima di qualsiasi intervento chirurgico o procedura.

  • Sebbene i rischi siano maggiori, la chirurgia di bypass o le procedure per riaprire un’arteria ostruita sono utili per selezionare gli anziani con ACS.
  • Se si sceglie un trattamento invasivo, potrebbe essere necessario sospendere un ordine DNR per la durata della procedura.
  • Se non si sceglie il trattamento invasivo, le cure palliative possono aiutare a gestire i sintomi, migliorare la qualità della vita e fornire supporto psicosociale.
  • Le metriche importanti per un’assistenza di qualità includono obiettivi misurabili, come i giorni trascorsi a casa e il sollievo dal dolore e dal disagio.

Questa dichiarazione scientifica è stata preparata dal gruppo di scrittura di volontari per conto del Comitato per le malattie cardiovascolari nelle popolazioni anziane dell’American Heart Association del Council on Clinical Cardiology; il Council on Cardiovascular and Stroke Nursing; il Consiglio di radiologia e intervento cardiovascolare; e il Consiglio sullo stile di vita e la salute cardiometabolica. Le dichiarazioni scientifiche dell’American Heart Association promuovono una maggiore consapevolezza sulle malattie cardiovascolari e sui problemi di ictus e aiutano a facilitare decisioni sanitarie informate. Le dichiarazioni scientifiche delineano ciò che è attualmente noto su un argomento e quali aree necessitano di ulteriori ricerche. Sebbene le dichiarazioni scientifiche informino lo sviluppo di linee guida, non forniscono raccomandazioni terapeutiche.

Co-authors are Vice Chair Daniel E. Forman, M.D., FAHA; Tracy Y. Wang, M.D., M.H.S., M.Sc., FAHA; Joanna Chikwe, M.D., FAHA; Vijay Kunadian, M.B.B.S., M.D.; Michael W. Rich, M.D.; Bessie A. Young, M.D., M.P.H.; Robert L. Page II, Pharm.D., M.S.P.H., FAHA; Holli A. DeVon, Ph.D., R.N., FAHA; and Karen P. Alexander, M.D., FAHA. Authors’ disclosures are listed in the manuscript.

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati. Anche le fondazioni e le aziende (comprese quelle farmaceutiche, i produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per evitare che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: