Mangiare e bere

L’estratto di tè verde può danneggiare il fegato nelle persone con determinate variazioni genetiche

L’uso a lungo termine dell’estratto di tè verde ad alte dosi può fornire una certa protezione contro il cancro, le malattie cardiovascolari, l’obesità e il diabete di tipo 2, ma può anche creare danni al fegato in una piccola minoranza della popolazione.

Chi è a rischio? La ricerca di Rutgers, pubblicata su The Journal of Dietary Supplements , fornisce il primo indizio solido: due varianti genetiche che predicono parte del rischio.

“Imparare a prevedere chi subirà danni al fegato è potenzialmente importante perché ci sono prove crescenti che l’ estratto di tè verde ad alte dosi può avere significativi benefici per la salute per coloro che possono assumerlo in sicurezza”, ha affermato Hamed Samavat, autore senior dello studio e assistente professore. di scienze della nutrizione presso la Rutgers School of Health Professions.

Utilizzando i dati del Minnesota Green Tea Trial, un ampio studio sull’effetto del tè verde sul cancro al seno , il team di ricerca ha studiato se le persone con determinate variazioni genetiche fossero più propense di altre a mostrare segni di stress epatico dopo un anno di ingestione di 843 milligrammi al giorno. dell’antiossidante predominante nel tè verde, una catechina chiamata epigallocatechina gallato (EGCG).

I ricercatori guidati da Laura Acosta, allora studentessa di dottorato, ora laureata, hanno selezionato due variazioni genetiche in questione perché ognuna controlla la sintesi di un enzima che scompone l’EGCG. Hanno scelto il Minnesota Green Tea Trial perché si trattava di uno studio ampio e ben progettato su una popolazione unica. Lo studio della durata di un anno, controllato con placebo, ha incluso più di 1.000 donne in postmenopausa e ha raccolto dati a 3, 6, 9 e 12 mesi.

Un’analisi dei ricercatori ha mostrato che i primi segni di danno epatico erano in qualche modo più comuni del normale nelle donne con una variazione nel genotipo catecol-O-metiltransferasi (COMT) e fortemente predetti da una variazione nell’uridina 5′-difosfo-glucuronosiltransferasi 1A4 ( genotipo UGT1A4).

In media, i partecipanti con il genotipo UGT1A4 ad alto rischio hanno visto l’enzima che indica lo stress epatico salire di quasi l’80% dopo nove mesi di consumo dell’integratore di tè verde, mentre quelli con genotipi a basso rischio hanno visto lo stesso enzima salire del 30%.

“Siamo ancora molto lontani dall’essere in grado di prevedere chi può assumere in modo sicuro l’estratto di tè verde ad alte dosi”, ha affermato Samavat, che ha notato che il rischio di tossicità epatica è associato solo ad alti livelli di integratori di tè verde e non al consumo di tè verde. tè o anche prendendo dosi più basse di estratto di tè verde. “Le variazioni in questo genotipo non spiegano completamente le variazioni nei cambiamenti degli enzimi epatici tra i partecipanti allo studio. La spiegazione completa include probabilmente un numero di diverse variazioni genetiche e probabilmente un numero di fattori non genetici”.

“Tuttavia”, ha continuato Samavat, “pensiamo di aver identificato un pezzo importante del puzzle e di aver fatto un passo avanti verso la previsione di chi può godere in sicurezza dei benefici per la salute forniti dall’estratto di tè verde ad alte dosi”.


Maggiori informazioni: Laura Acosta et al, Hepatotoxicity with High-Dose Green Tea Extract: Effect of Catechol-O-Methyltransferase and Uridine 5′-Diphospho-glucuronosyltransferase 1A4 Genotypes, Journal of Dietary Supplements (2022). DOI: 10.1080/19390211.2022.2128501

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: