Ricerca

L’insulina potrebbe venire in una pillola?

Come una molecola che imita l’insulina può far progredire la ricerca sul diabete

I ricercatori WEHI hanno risposto a una domanda vecchia di 100 anni nella ricerca sul diabete: può una molecola diversa dall’insulina avere lo stesso effetto? I risultati forniscono importanti spunti per il futuro sviluppo di una pillola di insulina orale

I ricercatori WEHI di Melbourne hanno risposto a una domanda vecchia di 100 anni nella ricerca sul diabete: può una molecola diversa dall’insulina avere lo stesso effetto? I risultati forniscono importanti spunti per il futuro sviluppo di una pillola di insulina orale.

Il team di ricerca ha visualizzato come una molecola non insulinica possa imitare il ruolo dell’insulina, un ormone chiave necessario per controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Lo studio condotto da WEHI apre nuove strade per lo sviluppo di farmaci che potrebbero sostituire le iniezioni giornaliere di insulina per le persone con diabete di tipo 1.

A prima vista

  • I ricercatori hanno visualizzato esattamente come una molecola che imita l’insulina riproduce l’attività dell’insulina per regolare i livelli di glucosio nel sangue
  • Lo studio risponde a una domanda secolare se sia possibile sostituire l’insulina
  • I risultati illuminano nuove opportunità per lo sviluppo di mimetici dell’insulina orale che possono sostituire le iniezioni giornaliere da parte dei diabetici di tipo 1

Le persone con diabete di tipo 1 non possono produrre insulina e richiedono più iniezioni giornaliere di insulina per tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue.

La nuova ricerca conferma che molecole alternative possono essere utilizzate per attivare l’assorbimento del glucosio nel sangue, aggirando del tutto la necessità di insulina.

Lo studio, pubblicato su Nature Communications , è stato condotto dal dottor Nicholas Kirk e dal professor Mike Lawrence di WEHI, in collaborazione con i ricercatori di Lilly, un’azienda farmaceutica con sede in America.

Perché non esiste una pillola di insulina?

Il dottor Kirk ha affermato che gli scienziati hanno faticato a produrre insulina come pillola, perché l’insulina è instabile e prontamente degradata dal corpo durante la digestione.

“Dalla scoperta dell’insulina 100 anni fa, lo sviluppo di una pillola di insulina è stato un sogno per i ricercatori sul diabete ma, dopo decenni di tentativi, c’è stato poco successo”, ha detto.

La ricerca ha ora subito un’accelerazione drammatica con lo sviluppo della microscopia crioelettronica (cryo-EM), una nuova tecnologia in grado di visualizzare molecole complicate in dettaglio atomico, consentendo ai ricercatori di generare rapidamente immagini 3D (“progetti”) del recettore dell’insulina.

“Con la cryo-EM, ora possiamo confrontare direttamente il modo in cui diverse molecole, inclusa l’insulina, modificano la forma del recettore dell’insulina”, ha affermato il dott. Kirk.

“L’interazione dell’insulina risulta essere molto più complessa di quanto chiunque avesse previsto, con l’insulina e il suo recettore che cambiano drasticamente forma mentre collaborano”.

Imitare l’insulina con molecole semplici

La nuova ricerca mostra come una molecola che imita l’insulina agisce sul recettore dell’insulina e lo attiva, il primo passo in un percorso che indirizza le cellule ad assorbire il glucosio quando i livelli di zucchero nel corpo sono troppo alti.

Il team ha eseguito complesse ricostruzioni crio-EM per ottenere schemi di diverse molecole chiamate “peptidi” che sono note per interagire con il recettore dell’insulina e mantenerlo nella posizione “attiva”.

Gli esperimenti cryo-EM hanno identificato un peptide che può legarsi e attivare il recettore in modo simile all’insulina.

“L’insulina si è evoluta per trattenere con cura il recettore, come una mano che unisce un paio di pinze”, ha detto il dottor Kirk.

“I peptidi che abbiamo usato lavorano in coppia per attivare il recettore dell’insulina, come due mani che afferrano il paio di pinze all’esterno”.

Mentre i risultati terapeutici sono lontani, la scoperta del team potrebbe portare a un farmaco per sostituire l’insulina, riducendo la necessità di iniezioni da parte dei diabetici.

“Gli scienziati hanno avuto successo sostituendo questi tipi di molecole mimetiche con farmaci che possono essere presi come pillole”, ha detto il dottor Kirk.

“È ancora una lunga strada che richiederà ulteriori ricerche, ma è emozionante sapere che la nostra scoperta apre le porte ai trattamenti orali per il diabete di tipo 1”.

Lo studio, “Attivazione del recettore dell’insulina umana da parte di peptidi non correlati all’insulina”, è pubblicato su Nature Communications . La ricerca è stata sostenuta finanziariamente da Lilly.

Autori di WEHI: Nicholas Kirk, Mai Margetts e Mike Lawrence.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: