Benessere Educazione

I medici danno consigli inefficaci sulla perdita di peso ai pazienti con obesità

Un nuovo studio di ricerca pubblicato oggi su Family Practice, pubblicato dalla Oxford University Press, rileva che quando i medici dicono ai pazienti che vivono con l’obesità di perdere peso, la guida che danno è generalmente vaga, superficiale e comunemente non supportata da prove scientifiche.

L’obesità è una condizione cronica e recidivante, ma i medici spesso non hanno indicazioni su quali informazioni siano utili per i pazienti che vorrebbero perdere peso. Di conseguenza, le informazioni che i pazienti ricevono possono essere difficili da utilizzare e implementare. Le brutte esperienze vengono regolarmente riportate dai pazienti, che spesso considerano difficili queste conversazioni sul peso.  

I ricercatori hanno analizzato 159 registrazioni audio di consultazioni tra medici generici e pazienti affetti da obesità raccolte nel Regno Unito tra il 2013 e il 2014. L’indagine ha rilevato che i consigli sulla perdita di peso da parte dei medici ai pazienti con obesità raramente includevano metodi efficaci e consistevano principalmente nel dire ai pazienti solo per mangiare di meno ed essere più attivi fisicamente. Il consiglio era per lo più generico e raramente adattato alle conoscenze e ai comportamenti esistenti dei pazienti, come le strategie che avevano provato prima per perdere peso.  

Il consiglio era per lo più (97% delle volte nelle consultazioni analizzate) astratto o generale. Una guida superficiale, come un medico che diceva a un paziente di “cambiare un po’ il proprio stile di vita”, era comune. I medici hanno fornito ai pazienti informazioni su come eseguire i loro consigli solo nel 20% delle consultazioni. Per lo più hanno offerto una guida alla perdita di peso senza alcun dettaglio su come seguirla. I medici spesso (il 76% delle volte durante le consultazioni) hanno detto ai pazienti di chiedere aiuto da qualche altra parte per il supporto nella perdita di peso, spesso suggerendo di tornare per un’altra consultazione presso il loro ambulatorio.

L’analisi ha indicato che quando i medici offrivano informazioni specifiche, spesso erano scientificamente non supportate ed era improbabile che si traducessero in un’effettiva perdita di peso. L’idea che piccoli cambiamenti nel comportamento (“fare le scale più spesso”) possano avere un grande impatto sulla perdita di peso è un mito comune ed è persino prevalente nella letteratura scientifica, ma non è supportato dalla ricerca. Un altro mito comune era che i pazienti avevano solo bisogno della “giusta mentalità” per perdere peso.

“Questa ricerca dimostra che i medici hanno bisogno di linee guida chiare su come parlare in modo opportunistico ai pazienti che vivono con l’obesità sulla perdita di peso”, ha affermato uno degli autori principali del documento, Madeleine Tremblett. “Questo può aiutarli a evitare di amplificare gli stereotipi stigmatizzanti e dare un aiuto efficace ai pazienti che vogliono perdere peso”.

Il documento, “Quali consigli danno i medici generici alle persone che vivono con l’obesità per perdere peso? Un’analisi qualitativa del contenuto delle interazioni registrate” è disponibile all’indirizzo: https://academic.oup.com/fampra/article-lookup/doi/10.1093/fampra/cmac137 .

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: