Batticuore

Il grasso sottocutaneo emerge come protettore del cervello delle donne

La propensione delle donne a depositare più grasso in luoghi come i fianchi, i glutei e la parte posteriore delle braccia, il cosiddetto grasso sottocutaneo, è protettiva contro l’infiammazione cerebrale, che può causare problemi come la demenza e l’ictus, almeno fino alla menopausa, riferiscono gli scienziati.

I maschi di qualsiasi età hanno una maggiore propensione a depositare grasso intorno agli organi principali nella loro cavità addominale, chiamata adiposità viscerale, che è nota per essere molto più infiammatoria. E, prima che le donne raggiungano la menopausa, i maschi sono considerati a rischio molto più elevato di problemi legati all’infiammazione, dall’infarto all’ictus.

Quando le persone pensano alla protezione nelle donne, il loro primo pensiero sono gli estrogeni”, afferma Alexis M. Stranahan, PhD , neuroscienziato presso il Dipartimento di Neuroscienze e Medicina Rigenerativa presso il Medical College of Georgia presso l’Augusta University . “Ma dobbiamo andare oltre l’idea semplicistica che ogni differenza di sesso implichi differenze ormonali e esposizione agli ormoni. Dobbiamo davvero riflettere più profondamente sui meccanismi alla base delle differenze di sesso in modo da poterli trattare e riconoscere il ruolo che il sesso gioca nei diversi esiti clinici”.

La dieta e la genetica sono altri probabili fattori che spiegano le differenze ampiamente assegnate agli estrogeni, afferma Stranahan, corrispondente autore di uno studio sulla rivista Diabetes dell’American Diabetes Association .

Riconosce che le scoperte sono potenzialmente eretiche e rivoluzionarie e certamente sorprendenti anche per lei. “Abbiamo fatto questi esperimenti per cercare di inchiodare, prima di tutto, cosa succede prima, la perturbazione ormonale, l’infiammazione o i cambiamenti cerebrali”.

Per saperne di più su come il cervello si infiamma, hanno osservato l’aumento della quantità e della posizione del tessuto adiposo, nonché i livelli di ormoni sessuali e l’infiammazione cerebrale nei topi maschi e femmine a diversi intervalli di tempo man mano che ingrassavano con una dieta ricca di grassi. dieta.

Dal momento che, proprio come con le persone, le femmine di topo obese tendono ad avere più grasso sottocutaneo e meno grasso viscerale rispetto ai topi maschi, hanno pensato che i modelli distintivi di grasso potrebbero essere una ragione chiave per la protezione dall’infiammazione di cui godono le femmine prima della menopausa.

Hanno ritrovato i modelli distintivi di distribuzione del grasso nei maschi e nelle femmine in risposta a una dieta ricca di grassi. Non hanno trovato indicatori di infiammazione cerebrale o insulino-resistenza, che aumentano anche l’infiammazione e possono portare al diabete, fino a quando le femmine di topo non hanno raggiunto la menopausa. A circa 48 settimane, le mestruazioni si fermano e la posizione del grasso sulle femmine inizia a spostarsi un po’, per diventare più simili ai maschi.

Hanno quindi confrontato l’impatto della dieta ricca di grassi, che è noto per aumentare l’infiammazione in tutto il corpo, nei topi di entrambi i sessi dopo un intervento chirurgico, simile alla liposuzione, per rimuovere il grasso sottocutaneo. Non hanno fatto nulla per interferire direttamente con i normali livelli di estrogeni, come rimuovere le ovaie. 

La perdita di grasso sottocutaneo ha aumentato l’infiammazione cerebrale nelle donne senza spostare il quadrante sui livelli dei loro estrogeni e altri ormoni sessuali.

In conclusione: l’infiammazione cerebrale delle femmine assomigliava molto di più a quella dei maschi, compresi livelli aumentati di classici promotori dell’infiammazione come le proteine ????di segnalazione IL-1? e TNF alfa nel cervello, riferiscono Stranahan e i suoi colleghi. 

 “Quando abbiamo eliminato il grasso sottocutaneo dall’equazione, all’improvviso il cervello delle femmine inizia a mostrare l’infiammazione come fa il cervello maschile, e le femmine hanno guadagnato più grasso viscerale”, dice Stranahan. “In un certo senso ha deviato tutto verso quell’altro luogo di archiviazione.” La transizione è avvenuta in circa tre mesi, il che si traduce in diversi anni nel tempo umano.

In confronto, è stato solo dopo la menopausa che le donne a cui non è stato rimosso il grasso sottocutaneo ma che hanno seguito una dieta ricca di grassi hanno mostrato livelli di infiammazione cerebrale simili a quelli dei maschi, afferma Stranahan.

Quando il grasso sottocutaneo è stato rimosso dai topi con una dieta a basso contenuto di grassi in tenera età, hanno sviluppato un po’ più di grasso viscerale e un po’ più di infiammazione nel grasso. Ma Stranahan e i suoi colleghi non hanno visto prove di infiammazione nel cervello.

Una lezione da portare a casa dal lavoro: non fare la liposuzione e poi seguire una dieta ricca di grassi, dice Stranahan. Un altro è: il BMI, che divide semplicemente il peso per l’altezza ed è comunemente usato per indicare il sovrappeso, l’obesità e di conseguenza l’aumento del rischio di una miriade di malattie, probabilmente non è uno strumento molto significativo, dice. Un indicatore altrettanto facile e più accurato sia del rischio metabolico che potenzialmente della salute del cervello, è il rapporto tra vita e fianchi, anch’esso facile da calcolare, aggiunge.

“Non possiamo solo dire obesità. Dobbiamo iniziare a parlare di dove si trova il grasso. Questo è l’elemento critico qui”, dice Stranahan.

Nota che il nuovo studio ha esaminato specificamente l’ippocampo e l’ipotalamo del cervello. L’ipotalamo controlla il metabolismo e mostra cambiamenti con l’infiammazione dall’obesità che aiutano a controllare le condizioni che si sviluppano di conseguenza in tutto il corpo. L’ippocampo, un centro di apprendimento e memoria, è regolato dai segnali associati a tali patologie ma non li controlla, osserva Stranahan. Mentre questi sono buoni posti per iniziare tali esplorazioni, altre regioni del cervello potrebbero rispondere in modo molto diverso, quindi sta già osservando l’impatto della perdita di grasso sottocutaneo negli altri. Inoltre, poiché le sue prove indicano che gli estrogeni potrebbero non spiegare la protezione che hanno le donne, Stranahan vuole definire meglio cosa. Uno dei suoi sospetti sono le chiare differenze cromosomiche tra la femmina XX e il maschio XY.

Stranahan ha studiato l’impatto dell’obesità sul cervello per diversi anni ed è tra i primi scienziati a dimostrare che il grasso viscerale promuove l’infiammazione cerebrale nei topi maschi obesi e, al contrario, il trapianto di grasso sottocutaneo riduce la loro infiammazione cerebrale. Le femmine hanno anche livelli naturalmente più elevati di proteine ??che possono reprimere l’infiammazione. È stato dimostrato che nei maschi, ma non nelle femmine, la microglia, le cellule immunitarie del cervello, vengono attivate da una dieta ricca di grassi.

Nota che alcuni ritengono che il motivo per cui le femmine hanno maggiori riserve di grasso sottocutaneo sia quello di consentire sufficienti riserve di energia per la riproduzione, e lei non sta mettendo in discussione la relazione. Ma rimangono molte domande come la quantità di grasso necessaria per mantenere la fertilità rispetto al livello che influenzerà il tuo metabolismo, afferma Stranahan.

La ricerca è stata sostenuta dal National Institutes of Health.  

Leggi l’ abstract dello studio .

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: