Terapie

Il tempismo è importante per i farmaci: il tuo ritmo circadiano influenza il modo in cui funzionano i trattamenti e quanto potrebbero danneggiarti

gray double bell clock

Tutti gli organismi viventi sulla Terra sono esposti a un ciclo giorno-notte di 24 ore. Questo ciclo è il motivo per cui le persone riposano durante l’oscurità della notte e sono attive durante la luce del giorno. Di conseguenza, anche tutte le funzioni del corpo umano seguono questo ritmo quotidiano e la tempistica di comportamenti come l’esercizio fisico o l’assunzione di cibo può influenzare in modo significativo la tua salute. Ad esempio, mangiare di notte può portare ad un aumento di peso nel tempo perché mentre l’assunzione di cibo durante il giorno viene utilizzata per le attività, l’assunzione di cibo durante la notte porta ad un aumento dell’accumulo di grasso perché il corpo si aspetta di essere a riposo.

Quando prendi i tuoi farmaci è anche influenzato dal tuo ritmo circadiano. Molti bersagli farmacologici nel corpo seguono un ciclo di 24 ore. Ciò significa che le proteine ??specifiche che un farmaco è progettato per modificare possono reagire in modo diverso al farmaco nel corso di un periodo di 24 ore. Poiché il modo in cui il corpo risponde a un farmaco può variare a seconda che venga assunto durante il giorno o la notte, ne consegue logicamente che l’assunzione di farmaci in orari specifici potrebbe contribuire ad aumentare la loro efficacia e ridurre gli effetti collaterali indesiderati.

Quando i medici prescrivono farmaci per le persone, raramente considerano il momento migliore per prenderli. Ci sono due ragioni principali per questa svista. In primo luogo, molti medici non sono consapevoli del fatto che alcuni farmaci funzionano meglio in un momento specifico della giornata. E in secondo luogo, la maggior parte dei farmaci non è stata studiata per possibili effetti diversi durante un ciclo di 24 ore. Pertanto, ai pazienti viene richiesto di assumere la maggior parte dei farmaci durante la mattina o la sera principalmente per garantire la compliance.

Io e il mio laboratorio studiamo da molti anni la cronoterapia, o come l’ora del giorno influisce sullo sviluppo della malattia e sull’efficacia del trattamento. Nella nostra ricerca recentemente pubblicata , abbiamo scoperto che l’uso di un particolare sedativo durante la notte può aumentare il rischio di danni cardiaci.

Consegna di farmaci cronoterapeutici

Il concetto di cronoterapia non è nuovo. Ad esempio, oltre 50 anni fa , i ricercatori hanno scoperto che il farmaco per il colesterolo simvastatina è più efficace nell’abbassare i livelli di trigliceridi e colesterolo se assunto di notte piuttosto che durante il giorno. Questo perché l’enzima epatico preso di mira da questi farmaci è più attivo di notte. Di conseguenza, la Food and Drug Administration consiglia di assumere la simvastatina la sera.

Allo stesso modo, la ricerca degli anni ’90 ha dimostrato che tenere conto dell’ora del giorno durante la somministrazione di una chemioterapia combinata potrebbe aumentarne l’efficacia e ridurre la tossicità del trattamento per i pazienti affetti da cancro del colon-retto. Questo perché le cellule tumorali si dividono a velocità diverse nel corso della giornata. Anche la velocità con cui il corpo metabolizza i farmaci varia in un ciclo di 24 ore.

Altri esempi includono il farmaco da banco per il reflusso acido omeprazolo e i farmaci per la pressione sanguigna che funzionano meglio se assunti rispettivamente prima di coricarsi o la sera.

L’assunzione di farmaci al momento sbagliato può persino causare danni. I miei colleghi e io ci siamo chiesti se il midazolam, il sedativo più comune utilizzato nelle procedure chirurgiche in tutto il mondo, potesse interferire con l’orologio interno che protegge il cuore durante la notte. Attualmente non ci sono linee guida su quando deve essere somministrato il midazolam.

Quando abbiamo analizzato i dati di 50 istituzioni mediche per il verificarsi di danni cardiaci durante le procedure chirurgiche dal 2014 al 2019, abbiamo scoperto che l’assunzione di midazolam durante gli interventi chirurgici notturni può aumentare di oltre tre volte le probabilità di danni cardiaci nei pazienti sani .

Il tempismo è importante

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare i tempi migliori per somministrare trattamenti per diverse malattie. Prendere in considerazione l’ora del giorno potrebbe richiedere la riformulazione di alcuni farmaci che durano per più di un periodo di 24 ore nel corpo.

A partire dal 2019, la FDA ha raccomandato che solo quattro dei 50 farmaci attualmente più prescritti vengano somministrati in un momento specifico della giornata. Considerando che i primi 10 farmaci con il maggior incasso negli Stati Uniti aiutano solo tra 1 su 25 e 1 su 4 delle persone che li assumono, credo che prendere in considerazione i tempi dei farmaci potrebbe aiutare a rendere i trattamenti più efficaci e aiutare più persone in tutto il mondo.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per l’articolo originale clicca qui.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: