Sport e movimento

Le donne che fanno più passi al giorno possono avere un minor rischio di diabete tipo 2

Un nuovo studio sfrutta i dati Fitbit per mostrare i benefici di stile di vita attivo sul rischio di diabete

 I dispositivi per il fitness indossabili offrono nuove informazioni sulla relazione tra attività fisica e diabete di tipo 2, secondo una nuova analisi dei dati del programma di ricerca All of Us del National Institutes of Health pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology of Endocrine  Society & Metabolism.

Diabete di tipo 2 è la forma più comune della malattia, che colpisce dal 90% al 95% delle persone con diabete. Nel diabete di tipo 2, il corpo è resistente all’azione dell’insulina, il che significa che non può usare correttamente l’insulina, quindi non può trasportare lo zucchero nelle cellule. Il diabete di tipo 2 si sviluppa più spesso nelle persone di età superiore ai 45 anni, ma vengono diagnosticati sempre più bambini, adolescenti e giovani adulti.

“Abbiamo studiato la relazione tra attività fisica e diabete di tipo 2 con un approccio innovativo utilizzando i dati di dispositivi indossabili collegati a cartelle cliniche elettroniche in una popolazione del mondo reale”, ha affermato Andrew S. Perry, MD, del Vanderbilt University Medical Center di Nashville, Tenn. “Abbiamo scoperto che le persone che trascorrevano più tempo in qualsiasi tipo di attività fisica avevano un rischio inferiore di sviluppare il diabete di tipo 2. I nostri dati mostrano l’importanza di muovere il corpo ogni giorno per ridurre il rischio di diabete”.

I ricercatori hanno analizzato i dati Fitbit e i tassi di diabete di tipo 2 di 5.677 partecipanti inclusi nel programma di ricerca All of Us del NIH tra il 2010-2021. All of Us fa parte di uno sforzo per far progredire l’assistenza sanitaria personalizzata arruolando un milione o più di partecipanti per contribuire con i propri dati sanitari per molti anni. Circa il 75% dei partecipanti studiati dai ricercatori erano donne.

Hanno trovato 97 nuovi casi di diabete in un follow-up di 4 anni nel set di dati. Le persone con un conteggio giornaliero medio di 10.700 passi avevano il 44% in meno di probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto a quelle con 6.000 passi.

“Speriamo di studiare popolazioni più diverse in studi futuri per confermare la generalizzabilità di questi risultati”, ha detto Perry.

Gli altri autori di questo studio sono Jeffrey Annis, Hiral Master, Aymone Kouame, Kayla Marginean, Ravi Shah e Evan Brittain della Vanderbilt University School of Medicine di Nashville, Tennessee; Matthew Nayor della Boston University School of Medicine di Boston, Massachusetts; Andrew Hughes e Dan M. Roden del Vanderbilt University Medical Center; Paul A. Harris della Vanderbilt University School of Medicine e del Vanderbilt University Medical Center; Karthik Natarajan della Columbia University di New York, NY; e Venkatesh Murthy dell’Università del Michigan ad Ann Arbor, Michigan.

Lo studio ha ricevuto finanziamenti dal NIH.

Il manoscritto,  “Association of Longitudinal Activity Measures and Diabetes Risk: An Analysis from the NIH All of Us Research Program”,  è stato pubblicato online, prima della stampa.

Back view of a runner walking on a road in a park
Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: