Benessere Mangiare e bere

La perdita dell’impollinazione rimuove i cibi sani dalle diete globali, aumenta le malattie croniche causando un eccesso di morti

L’impollinazione inadeguata ha portato a una perdita del 3-5% della produzione di frutta, verdura e noci e a circa 427.000 morti in eccesso all’anno a causa della perdita del consumo di cibo sano e delle malattie associate, tra cui malattie cardiache, ictus, diabete e alcuni tipi di cancro , secondo una ricerca condotta dalla Harvard TH Chan School of Public Health. È il primo studio a quantificare il bilancio sulla salute umana di impollinatori selvatici (animali) insufficienti sulla salute umana.

“Un pezzo mancante fondamentale nella discussione sulla biodiversità è stata la mancanza di collegamenti diretti con la salute umana. Questa ricerca stabilisce che la perdita di impollinatori sta già avendo un impatto sulla salute su scala pari ad altri fattori di rischio per la salute globale, come il cancro alla prostata o i disturbi da uso di sostanze”, ha affermato Samuel Myers, ricercatore principale, salute planetaria, Dipartimento di salute ambientale e autore senior di lo studio.

Lo studio sarà pubblicato il 14 dicembre 2022 in Environmental Health Perspectives.

La crescente pressione umana sui sistemi naturali sta causando allarmanti perdite di biodiversità, tema della Conferenza COP 15 delle Nazioni Unite sulla biodiversità in corso a Montreal. Ciò include il declino annuo dell’1-2% delle popolazioni di insetti, portando alcuni ad avvertire di un’imminente “apocalisse di insetti” nei prossimi decenni. Fondamentali tra le specie di insetti sono gli impollinatori, che aumentano i raccolti di tre quarti delle varietà di colture e sono fondamentali per la coltivazione di cibi sani come frutta, verdura e noci. I cambiamenti nell’uso del suolo, l’uso di pesticidi dannosi e l’avanzare del cambiamento climatico minacciano gli impollinatori selvatici, mettendo in pericolo l’approvvigionamento umano di cibi sani.

Per mostrare quanto la perdita del raccolto era dovuta a un’impollinazione insufficiente. Hanno quindi utilizzato un modello globale rischio-malattia per stimare gli impatti sulla salute che i cambiamenti nell’impollinazione potrebbero avere sui rischi alimentari e sulla mortalità per paese. Inoltre, hanno calcolato la perdita di valore economico dovuta alla perdita dell’impollinazione in tre paesi oggetto di studio.

I risultati hanno mostrato che la produzione alimentare persa era concentrata nei paesi a basso reddito, ma che il carico sanitario era maggiore nei paesi a reddito medio e alto, dove i tassi di malattie non trasmissibili sono più elevati. La distribuzione geografica era alquanto insolita in quanto generalmente gli effetti sulla salute del cambiamento ambientale globale sono concentrati tra le popolazioni più povere in regioni come l’Asia meridionale e l’Africa subsahariana. Qui, i paesi a reddito medio con una popolazione numerosa – Cina, India, Indonesia e Russia – hanno subito il peso maggiore.

L’analisi ha anche mostrato che i paesi a basso reddito hanno perso un reddito agricolo significativo a causa dell’impollinazione insufficiente e delle rese inferiori, potenzialmente il 10-30% del valore agricolo totale.

“I risultati potrebbero sembrare sorprendenti, ma riflettono le complesse dinamiche dei fattori alla base dei sistemi alimentari e delle popolazioni umane in tutto il mondo. Solo con questo tipo di modellazione interdisciplinare possiamo ottenere una soluzione migliore sull’entità e l’impatto del problema”, ha affermato il coautore Timothy Sulser, scienziato senior, International Food Policy Research Institute. 

Le strategie per proteggere gli impollinatori selvatici non sono solo una questione ambientale, ma anche sanitaria ed economica. “Questo studio dimostra che fare troppo poco per aiutare gli impollinatori non danneggia solo la natura, ma anche la salute umana”, ha affermato l’autore principale Matthew Smith, ricercatore del Department of Environmental Health. 

“Deficit di impollinatori, consumo di cibo e conseguenze per la salute umana: uno studio di modellizzazione”, Matthew R. Smith, Nathaniel D. Mueller, Marco Springmann, Timothy B. Sulser, Lucas A. Garibaldi, James Gerber, Keith Wiebe, Samuel S. Myers, Prospettive di salute ambientale, 14 dicembre 2022, doi: 10.1289/EHP10947

Il supporto per lo studio è stato fornito da sovvenzioni della Gordon & Betty Moore Foundation, Weston Foods Inc., Fifth Generation Inc. e del CGIAR Research Program on Policies, Institutions, and Markets.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: