Assistenza sociosanitaria

Come in Italia: ‘Non c’è posto’: ospedali tedeschi sopraffatti dai bambini malati

Quando Debora Zilz ha portato d’urgenza suo figlio Andreas in un ospedale di Berlino a causa di una grave malattia respiratoria, ha avuto uno shock.

“Non c’era spazio”, ha ricordato. I medici hanno chiamato disperatamente altri ospedali della capitale tedesca e del vicino stato di Brandeburgo nel tentativo di trovare un letto per il bambino di 13 giorni.

“Finalmente, dopo una notte al pronto soccorso , siamo riusciti a stare qui”, ha detto la madre di 33 anni.

Suo figlio, il cui peso a un certo punto è sceso al di sotto del suo peso alla nascita di 3,1 chili (6,8 libbre) prima di riprendersi, è ora in terapia intensiva .

Il bambino sta combattendo la bronchiolite, mentre la Germania affronta un’ondata invernale di casi di infezione al torace nei neonati, mettendo sotto pressione gli ospedali già in difficoltà.

Dopo due anni di pandemia di coronavirus che ha introdotto misure come l’uso della maschera facciale che ha protetto i più giovani del paese dall’esposizione ai virus respiratori , diversi paesi europei stanno assistendo a un’ondata di bronchiolite.

La situazione è particolarmente grave nel 2022 poiché neonati e bambini sono esposti per la prima volta al virus respiratorio sinciziale (RSV), che comunemente causa la bronchiolite.

Il team di assistenza pediatrica del Saint Joseph’s di Berlino, dove il giovane era in cura, sta lottando per gestire l’ondata con un numero di personale inferiore rispetto al passato.

“Siamo sott’acqua”, ha detto all’AFP Beatrix Schmidt, capo del dipartimento di pediatria e neonatologia dell’ospedale.

Una tempesta perfetta di fattori ha contribuito al problema, ha detto Schmidt: “un numero incredibile di bambini malati, badanti infetti e tutto ciò insieme a carenze croniche di personale”.

‘I bambini pagano il prezzo’

Nel quartiere squallido di Tempelhof, vicino al centro di Berlino, il Saint Joseph ha normalmente 80 posti letto per i bambini malati. Ma a causa della carenza di personale, attualmente possono essere utilizzati solo 51.

Anche nell’unità di terapia intensiva , i letti hanno dovuto essere chiusi e tutti i 18 rimasti sono occupati.

Come nel caso di Andreas, i medici spesso scoprono di non avere spazio per nuovi pazienti e devono rivolgersi ad altri ospedali.

Molti bambini malati hanno persino dovuto essere trasportati in elicottero in regioni più lontane, come lo stato nord-orientale del Meclemburgo-Pomerania occidentale e lo stato costiero della Bassa Sassonia.

Secondo i dati dell’istituto sanitario Robert Koch, la scorsa settimana 9,5 milioni di persone in Germania sono state colpite da una sorta di malattia respiratoria, in tutte le fasce d’età, in un paese di 84 milioni.

La cifra è ben al di sopra di quella dello stesso periodo del 2021 ed è superiore rispetto al picco dell’epidemia di influenza del 2017-18.

Schmidt ritiene che molti problemi siano causati dal taglio dei costi.

“Per anni abbiamo risparmiato quando si tratta del nostro sistema sanitario. E i bambini sono i primi a pagarne il prezzo”, ha detto il 63enne.

Stipendi bassi, investimenti insufficienti

Attualmente ci sono 18.000 letti d’ospedale per bambini in Germania, in calo rispetto ai 25.000 del 1995, secondo l’agenzia federale di statistica.

La Germania, con una popolazione che invecchia e meno bambini rispetto a molti dei suoi vicini europei, ha investito poco nell’assistenza pediatrica, secondo Schmidt.

I bambini “non votano e non facciamo soldi curando i bambini”, ha detto.

Le riforme sanitarie volte a ridurre i costi sono state particolarmente dannose per l’assistenza pediatrica, mentre le professioni mediche stanno lottando per attrarre nuovi operatori, affermano i critici.

“Molti pediatri andranno in pensione nei prossimi anni”, ha detto Schmidt, che si sta preparando a lasciare la sua posizione.

Le giovani generazioni vogliono conciliare lavoro e famiglia, una sfida in una professione che spesso richiede orari lunghi e imprevedibili, ha affermato.

E in un paese ricco come la Germania, gli stipendi delle badanti spesso lasciano molto a desiderare.

“Secondo me, sono sottopagati”, ha detto Schmidt. “Lavorano molto, di notte, nei fine settimana.”

© 2022 AFP

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: