Equilibrio

Con l’avvicinarsi dell’inverno, la depressione stagionale potrebbe insorgere per milioni di persone

L’inverno sta arrivando. Le foglie sono cadute, le temperature si stanno abbassando e c’è meno luce diurna a rallegrare i nostri umori.

Mentre alcuni apprezzano il cambio delle stagioni, milioni di adulti statunitensi sperimenteranno una forma di depressione durante i mesi invernali nota come disturbo affettivo stagionale o SAD. Può sembrare una normale depressione, perché lo è, ha detto Thea Gallagher, professore assistente clinico presso il dipartimento di psichiatria della Grossman School of Medicine/NYU Langone della New York University di New York City.

“L’unica differenza è che l’inizio di questa depressione si coordina con le stagioni”, ha detto. “Di solito inizia in autunno e in inverno quando c’è meno luce, meno attività, temperature più fredde e un programma che cambia. E poi scompare in primavera, ma può tornare ogni anno più o meno nello stesso periodo”.

Secondo il National Institute of Mental Health, l’agenzia federale per la ricerca sui disturbi mentali , una persona può essere diagnosticata con SAD se manifesta sintomi di depressione maggiore che si verificano stagionalmente per almeno due anni consecutivi. I sintomi possono includere dormire o mangiare troppo, ritirarsi dal contatto sociale , sentirsi depressi quasi ogni giorno, sentirsi senza speranza o inutili, non essere in grado di concentrarsi e non avere alcuna energia.

È stato difficile per i ricercatori stabilire quante persone soffrano di SAD. Le stime variano dall’1,4% al 9,7% delle persone che vivono in Nord America, con tassi per coloro che vivono alle latitudini più settentrionali che si avvicinano al 10%. È più comune nelle donne.

Non è chiaro cosa causi il SAD, anche se alcuni studi suggeriscono che le persone che soffrono di depressione stagionale potrebbero avere difficoltà a regolare la serotonina, un neurotrasmettitore che aiuta a regolare l’umore ed è influenzato dall’esposizione alla luce solare. Altri studi suggeriscono che le persone con SAD producono troppo dell’ormone melatonina , che può aumentare la sonnolenza.

Sia la melatonina che la serotonina sono legate al modo in cui il corpo gestisce i cicli notte-giorno. Quando i livelli sono sbilanciati, può essere più difficile per le persone adattarsi ai cambiamenti stagionali della durata del giorno. Anche la vitamina D, che promuove l’attività della serotonina e viene prodotta quando la pelle è esposta alla luce solare, può svolgere un ruolo.

Indipendentemente da ciò che sta causando il SAD, gli esperti dicono che ciò che è chiaro è che i sintomi depressivi crescono con l’avvicinarsi dell’inverno e regrediscono con l’arrivo della primavera.

“Una delle cose insolite del SAD è che è l’unica forma di depressione di cui conosciamo il fattore scatenante, che è la mancanza di luce ambientale”, ha affermato Robert Levitan, presidente di Cameron Holcombe Wilson negli studi sulla depressione presso il Center for Addiction e Salute mentale e professore di psichiatria all’Università di Toronto.

“La maggior parte delle depressioni non sono così prevedibili. Questa prevedibilità può aiutare alcuni individui a riconoscere i sintomi e ad attuare rapidamente il trattamento, anche se per altri può portare a settimane di anticipazione negativa con l’avvicinarsi della caduta”.

Levitan ha detto che non tutti quelli con SAD sperimentano una grave depressione. “C’è un continuum”, ha detto. “Alcune persone si sentono semplicemente stanche. A loro piacciono meno le cose ma possono mettersi al lavoro e funzionare. Tuttavia, per alcuni è davvero invalidante.”

Le persone che soffrono di depressione stagionale possono aiutare a scongiurarla assumendo antidepressivi quando il tempo inizia a cambiare, ha detto Gallagher. Altri potrebbero non sperimentare una depressione abbastanza forte da richiedere farmaci, ma possono comunque adottare misure preventive per compensare i sintomi.

La terapia della luce, che espone le persone a una luce intensa ogni giorno per compensare la mancanza di luce naturale, si è dimostrata efficace, ha affermato. In genere, questo viene fatto come prima cosa al mattino per 30-45 minuti. Le luci sono circa 20 volte più luminose dell’illuminazione interna, ma filtrano i dannosi raggi UV per sicurezza. Le persone con alcune malattie degli occhi o che assumono farmaci che li rendono particolarmente sensibili alla luce potrebbero non essere in grado di utilizzare la terapia della luce.

Levitan ha affermato di incoraggiare le persone che non possono utilizzare la terapia della luce a “fare una passeggiata e ottenere un po’ di quella luce naturale”.

Anche uscire e vedere altre persone può aiutare, ha detto Gallagher. “Riconosci che quando le temperature scendono, tende ad essere pianificata molta meno socializzazione”, ha detto. “I piani avvengono più facilmente in estate. Quindi sii intenzionale sulla socializzazione e sulla cura di te stesso.”

Anche la psicoterapia, la consapevolezza per ridurre lo stress e l’ansia e la meditazione possono essere utili, ha detto.

Anche se meno comune, alcune persone possono soffrire di SAD durante l’estate. I sintomi del SAD estivo includono disturbi del sonno, perdita di interesse per il cibo, sensazione di irrequietezza, agitazione o ansia o, in casi estremi, episodi di comportamento violento.

Indipendentemente da quando si verifica il SAD, ha detto Gallagher, è importante prendersi cura di se stessi.

“Abbi compassione di te stesso”, ha detto. “Ricorda che è solo qualcosa che accade e sai che devi gestirlo.”

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: