testimonianze

Diabetici che fanno tendenza in questo momento

Il diabete di tipo 1 non può fermare la star di “Cobra Kai” Mary Mouser

  • All’attrice di Cobra Kai Mary Mouser è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 a 13 anni .
  • Sebbene inizialmente temesse che la condizione l’avrebbe trattenuta dai suoi sogni di recitazione, Mouser ha imparato a gestire il suo diabete e prosperare nella sua carriera.
  • Mouser ora utilizza la sua piattaforma per aumentare la consapevolezza sul diabete di tipo 1 e incoraggiare anche altri giovani che convivono con questa condizione.

L’attrice  Mary Mouser  è meglio conosciuta per il ruolo dell’adolescente Sam LaRusso nella serie di successo di Netflix Cobra Kai. Nella fiction, suo padre Daniel (The Karate Kid) le insegna a colpire, calciare e combattere con tutte le sue forze. E come il personaggio che interpreta sul set, Mouser ha dovuto imparare tutte le mosse da zero.

“Io ero davvero la persona acrobatica più scoordinata e poco abile che tu abbia mai incontrato, e mi sento come se almeno ora fossi a un punto in cui posso cavarmela decentemente, e mi sento fiduciosa, e forte quando vado a fare karate nello show”, ha detto Mouser.

Il risultato significa qualcosa di più per lei che per l’immaginaria Sam, poiché Mouser vive con il diabete di tipo 1, una condizione cronica in cui il pancreas non produce abbastanza insulina.  

“Scherzo sul fatto che ero allergica all’esercizio prima della mia diagnosi. Ero molto contraria a tutto ciò che comportava sudare, ma da allora, ovviamente, ho imparato quanto fosse importante in termini di gestione del mio diabete e come per me l’attività fisica e l’esercizio rendessero la mia vita con il diabete molto meno complicata, ” afferma.

In effetti, le persone con diabete di tipo 1 dovrebbero impegnarsi in attività fisica, ha affermato il dott. Bradley Thrasher , endocrinologo presso Norton Children’s e Wendy Novak Diabetes Institute. Ha affermato che l’attività fisica dimostra di ridurre il rischio di malattie cardiache e complicanze diabetiche, oltre a migliorare il sonno, l’umore e il controllo della glicemia in coloro che vivono con il diabete di tipo 1.

“A volte le persone che vivono con il tipo 1 sono riluttanti a partecipare all’attività fisica poiché influisce notevolmente sui livelli di zucchero nel sangue”, ha detto.

Ad esempio, attività aerobiche e faticose come la corsa, il nuoto e il ciclismo spesso causano un calo degli zuccheri nel sangue e portano all’ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue). 

“Una volta che conoscono i loro schemi, è possibile sviluppare un piano per prevenire eventuali minimi. Queste potrebbero essere le scelte alimentari nel pasto precedente, i tempi di uno spuntino, l’uso di Gatorade, il trasporto di un gel di glucosio o molte altre opzioni ” , ha detto la dottoressa Kathleen Wyne , endocrinologa presso il Wexner Medical Center della Ohio State University.

D’altra parte, le attività anaerobiche o ad alta intensità, come il sollevamento pesi, lo sprint e l’allenamento a circuito, spesso causano un aumento della glicemia e possono portare a iperglicemia (glicemia alta), ha detto Thrasher.

Affrontare l’ignoto dopo la diagnosi

Diagnosticata poco dopo il suo  tredicesimo compleanno, Mouser è tra gli oltre 1,9 milioni di americani che hanno il diabete di tipo 1.

“Ricordo vividamente in quel momento di essere come ‘Voglio davvero ricordare 13. Cosa c’è di bello che posso fare, come forse farmi bucare le orecchie per la prima volta?’ e poi sai, non dimenticherò mai 13 adesso”, ha detto Mouser.

Dopo aver sperimentato i sintomi comuni del diabete per sei settimane, inclusi mal di testa, malessere, irritabilità, estrema sete e il frequente bisogno di urinare, il pediatra di Mouser ha testato e diagnosticato il diabete di tipo 1.

“Non avevo molte persone nella mia vita che conoscevo personalmente con il tipo 1, quindi non sapevamo davvero cosa cercare”, ha detto.

Ora che ha convissuto con la condizione per metà della sua vita, ne è al corrente.

“Ovviamente, il diabete in sé è complesso ed è in continua evoluzione, e nel corso degli anni ho imparato molto sul mio corpo e su come prendermene cura, e ho imparato molto sul diabete stesso come entità e come impararlo e conoscere da esso e cambiare con esso al meglio delle mie capacità “, ha detto Mouser.

Imparare a prosperare con il diabete di tipo 1

Quando a Mouser è stata diagnosticata per la prima volta, temeva che la condizione le avrebbe impedito di recitare. Ha detto che l’adattamento mentale dell’accettazione della condizione è stato in qualche modo più impegnativo del fisico.

“Ho avuto un momento molto grande, intenso di ‘merda’, la cosa che volevo fare per il resto della mia vita, non credo di poterla fare con il diabete’, e ci credevo, ed ero molto ne ho paura», disse.

Tuttavia, ha dimostrato che le sue paure erano sbagliate. Nel corso del tempo, mentre imparava a gestire le esigenze fisiche del diabete, ha anche abbracciato l’idea di poter fare tutto ciò a cui aspirava mentre conviveva con questa condizione.

Trovare il miglior trattamento per le sue circostanze ha aiutato

Per il primo anno dopo la diagnosi, Mouser ha usato iniezioni di insulina e poi si è rivolta a un microinfusore. Quando aveva 17 anni, gli è stata presentata la pompa Tandem Diabetes Care mentre parlava al Congresso dei finanziamenti per la ricerca sul diabete che ha sostenuto insieme ad altri bambini con diabete.

“È stata la mia prima esperienza di interagire davvero con… così tante persone che si sentivano come il mio tipo di persone. È stato davvero, davvero fantastico, ed è stata la prima volta che ho visto qualcuno con la pompa Tandem, e ho pensato, ‘quello è fantastico e tecnologicamente avanzato'”, ha detto.

Il touch screen e le funzionalità della pompa l’hanno attirata e, per coincidenza, la pompa che stava usando in quel momento stava per essere interrotta. Quando è passata a Tandem, poco dopo, ha anche integrato il tutto con un sensore per il monitoraggio costante del glucosio (CGM), che monitora automaticamente i livelli di zucchero nel sangue 24 ore su 24.

“Era quello su cui mi sono trattenuta perché ero davvero nervosa all’idea di un ago davvero grande o di quello che sembrava un ago essere dentro di me tutto il tempo; mi ha spaventato. Mi piace avere molte informazioni sulle cose, e poi una volta che lo faccio, mi sento molto meno spaventata”, ha detto Mouser.

Ad esempio, comprendere i vantaggi del CGM l’ha fatta sentire sicura di sé.

“L’uso del CGM con avvisi per il rapido cambiamento del glucosio e per il livello di glucosio in essere, in assoluto aiuta a prevenire i minimi associati all’esercizio”, ha affermato Wyne.

Questa funzione aiuta Mouser sul set di Cobra Kai mentre indossa discretamente il dispositivo sotto il suo karategi e altri costumi per lo spettacolo.

“Sembra che il mio piccolo partner invisibile sia al mio fianco, aiutandomi ad affrontare quella che a volte sembra una bestia piuttosto grande”, ha detto Mouser. “Ho solo fatto sapere ai costumisti ‘questo è quello che ho. Devi in ??qualche modo aggirare il problema.’”

La tecnologia come il CGM ha ridotto il peso della convivenza con il diabete di tipo 1 per molti pazienti, ha affermato Thrasher.

“Non solo forniscono i livelli di zucchero nel sangue in tempo reale, ma anche avvisi se si prevede che il livello di zucchero nel sangue cambierà in modo significativo nell’immediato futuro. Ciò consente ai partecipanti di agire in modo da poter stabilizzare la glicemia e, si spera, prevenire attacchi di ipoglicemia e iperglicemia “, ha affermato.

Ora che pompe e CGM comunicano tra loro, Thrasher ha aggiunto che le pompe per insulina possono apportare modifiche alla somministrazione di insulina e consentire a coloro che convivono con il diabete di tipo 1 di avere meno ipoglicemia e iperglicemia.

Anche la loro praticità è migliorata, ha aggiunto Mouser.

“Avevo, una volta, una pompa che sembrava molto più voluminosa e un po’ più difficile da mascherare, il che è molto di ciò di cui mi devo preoccupare davanti alla telecamera, quindi facevo lunghe pause e tornavo alle iniezioni e poi ogni volta che potevo, tornavo sulla pompa per insulina perché significa molto meno aghi e buchi “, ha detto.

Lottare per gli altri con il diabete

Quando Mouser era in ospedale alla sua diagnosi 13 anni fa, ha ricordato di aver guardato una rivista con il cantante Nick Jonas in copertina che parlava del suo diabete di tipo 1.

“Ricordo di essere stato come, ‘se può farlo, allora posso farlo'”, ha detto.

Ora spera di essere quel faro di speranza per gli altri.

“Se potessi avere un impatto solo su una versione di me che aveva davvero bisogno di sapere che puoi fare assolutamente qualsiasi cosa e anche essere diabetica di tipo 1 e che può renderti più forte: aggiunge grinta, coraggio e forza a tutte le cose che tu fare nella vita, questo significherebbe il mondo per me “, ha detto.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: