Benessere

I medici non danno consigli utili sulla perdita di peso – nuovo studio

I consigli che i medici generici danno ai pazienti con obesità nel Regno Unito sono risultati “molto vari, superficiali e spesso privi di un’apparente base di prove”, secondo un nuovo studio dell’Università di Oxford.

I medici generici nel Regno Unito hanno una posizione di fiducia come guide e gestori della salute nelle loro comunità. Le aspettative nei loro confronti sono spesso elevate: sono i consulenti personali, fanno il punto sulla salute fisica e mentale dei loro pazienti e forniscono consigli e trattamenti su misura.

Un test formidabile della medicina generale negli ultimi 50 anni è stato l’aumento dell’obesità. Non una malattia in sé e non un fenomeno nuovo, ma una potenziale minaccia significativa per la salute.

È risaputo che la corpulenza non cede facilmente alla dieta o all’esercizio fisico. Nel 1865, William Banting, un becchino inglese e produttore di bare, pubblicò una combinazione di queste due strategie per aiutare a ridurre la robustezza dei vittoriani inglesi. William Osler, professore di medicina all’Università di Oxford, nel 1892 elaborò ulteriormente i cibi ideali e l’attività fisica in The Principles and Practice of Medicine . Entrambi hanno sottolineato che questi approcci hanno funzionato lentamente, richiedendo una notevole motivazione per essere efficaci.

A livello globale, il numero di bambini e adulti obesi rimane molto elevato e i progressi nella prevenzione e nel trattamento sono stati lenti. Sono necessari molti approcci separati per ottimizzare le nostre diete, le nostre scorte di cibo e noi stessi.

Le attuali linee guida nel Regno Unito incoraggiano i medici di base a parlare con i pazienti obesi del loro peso e discutere i modi per perdere peso. Le prove dimostrano che anche brevi conversazioni possono portare alla perdita di peso.

In questo ultimo studio, pubblicato sulla rivista Family Practice, i ricercatori hanno analizzato 159 registrazioni audio di consultazioni tra medici di base e pazienti obesi in cui i medici davano brevi consigli (fino a 30 secondi) sulla perdita di peso. Le registrazioni sono state effettuate tra il 2013 e il 2014 in 137 ambulatori medici.

L’analisi delle parole di queste conversazioni ha fornito risultati sorprendenti. Se i pazienti avessero seguito i consigli dati nella maggior parte delle consultazioni, non avrebbero perso peso.

Il consiglio più frequente era essenzialmente “mangia di meno e fai di più”. Solo a 30 pazienti sono stati dati consigli personalizzati, cioè dove i medici generici “hanno tenuto conto della capacità dei pazienti di seguire i consigli, come la limitata mobilità fisica del paziente e le implicazioni su questo per l’esercizio”.

Nella metà delle interviste (78 casi), i medici di base consigliano inoltre ai pazienti di accedere a ulteriore supporto, come un appuntamento di follow-up o l’invio in palestra.

I consigli forniti dai medici di base nelle registrazioni non erano sempre accurati. Molti elementi di consulenza includevano, ad esempio, l’idea che piccoli cambiamenti comportamentali potessero comportare una grande perdita di peso. Banting ha dimostrato che questo era un mito all’inizio del XIX secolo.

Donna che fa sit up in palestra.

Dal 2014 le cose sono migliorate

Nel 2014, pochi medici generici erano ben formati in questo settore della consulenza. Anche le aree più specializzate della consulenza motivazionale e la definizione di obiettivi realistici di perdita di peso per i pazienti erano difficili. Quindi, anche se i pazienti preferirebbero parlare con un medico del loro peso, quei medici si sentivano poco qualificati per farlo.

Lo sviluppo e il miglioramento dei consigli forniti ai pazienti dal 2014 sono sempre più presenti nell’educazione alle cure primarie e nelle linee guida del National Institute for Health and Care Excellence del Regno Unito.

Vengono implementati nuovi sistemi, come l’uso della prescrizione sociale che consente a un medico di base di raccomandare vari “riferimenti alla comunità” come la prescrizione di un abbonamento a una palestra. Questa responsabilità condivisa tra coloro che hanno maggiori competenze è potente, riduce lo stigma e incoraggia l’indipendenza in coloro che sono in sovrappeso o obesi.

Questi approcci sono stati rafforzati dalla campagna di Public Health England per aiutare le persone a fare scelte più sane, tra cui l’ app gratuita NHS Weight Loss Plan .

I consigli su salute e peso sono particolarmente preziosi e funzionano . Migliorarlo può solo supportare il lavoro molto difficile di affrontare l’obesità. Questo lungo e lento viaggio richiede a tutti noi di essere partecipi.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: