Sport e movimento

Scoppi di attività di un minuto durante la giornata possono prolungare la tua vita

Prima ricerca per misurare i benefici di un’intensa attività fisica come parte della vita quotidiana

Una buona notizia per coloro a cui non piace fare sport o andare in palestra, una nuova ricerca rileva che solo tre o quattro raffiche da un minuto di sbuffare e sbuffare durante le attività quotidiane sono associate a grandi riduzioni del rischio di morte prematura, in particolare da malattia cardiovascolare.

Pubblicato oggi su Nature Medicine , lo studio è condotto dal Charles Perkins Centre dell’Università di Sydney in Australia. È il primo a misurare con precisione i benefici per la salute di ciò che i ricercatori hanno definito “vigorosa attività fisica intermittente nello stile di vita” o VILPA.

VILPA è il brevissimo periodo di attività vigorosa (fino a uno o due minuti) che svolgiamo con gusto ogni giorno, come correre per l’autobus, esplosioni di camminata mentre facciamo commissioni o giochi ad alta energia con i bambini.  

I ricercatori hanno scoperto che solo tre o quattro attacchi da un minuto di VILPA ogni giorno sono associati a una riduzione fino al 40% della mortalità per tutte le cause e correlata al cancro e fino a una riduzione del 49% della morte correlata a malattie cardiovascolari.   

“Il nostro studio mostra che vantaggi simili all’allenamento ad intervalli ad alta intensità (HIIT) possono essere raggiunti aumentando l’intensità delle attività occasionali svolte come parte della vita quotidiana, e più sono e meglio è”, ha affermato l’autore principale Emmanuel Stamatakis,  Professore di attività fisica, Stile di vita e salute della popolazione presso il  Charles Perkins Centre dell’Università di Sydney .

 “Alcuni periodi molto brevi per un totale di tre o quattro minuti al giorno potrebbero fare molto, e ci sono molte attività quotidiane che possono essere modificate per aumentare la frequenza cardiaca per circa un minuto.”

La maggior parte degli adulti di età pari o superiore a 40 anni non pratica regolarmente esercizio fisico o sport, ma il professor Stamatakis ha affermato che lo studio rivela come l’attività fisica occasionale possa superare molte barriere.

“Aumentare l’intensità delle attività quotidiane non richiede impegno di tempo, preparazione, iscrizione a club, abilità speciali. Si tratta semplicemente di aumentare il ritmo mentre si cammina o si fanno i lavori di casa con un po’ più di energia”, ha detto.

Cosa hanno scoperto sull’esercizio come parte della vita quotidiana?

  • Circa l’89% di tutti i partecipanti ha fatto un po’ di VILPA.
  • Tra coloro che hanno fatto VILPA:
    • Il 93 percento di tutti gli incontri VILPA dura fino a 1 minuto.
    • In media ogni giorno i partecipanti eseguivano otto sessioni VILPA della durata massima di 1 minuto ciascuna, per un totale di 6 minuti al giorno.
    • In media ogni incontro VILPA è durato circa 45 secondi. 
  • I guadagni più elevati sono stati osservati confrontando quelli con circa quattro o cinque attacchi al giorno con quelli senza VILPA.
  • Tuttavia, maggiori benefici sono stati riscontrati con quantità maggiori di VILPA, suggerendo che più sono e meglio è.  
  • Il massimo di 11 attacchi al giorno è stato associato a una riduzione del 65% del rischio di morte cardiovascolare e del 49% del rischio di morte correlato al cancro, rispetto a nessun VILPA. 

È interessante notare che un’analisi comparativa dell’attività vigorosa di 62.000 persone che si sono regolarmente impegnate nell’esercizio ha trovato risultati comparabili. Ciò implica che se l’attività vigorosa viene svolta come parte di un esercizio strutturato o di lavori domestici non compromette i benefici per la salute.

Come è stato condotto lo studio?

I ricercatori hanno utilizzato i dati del tracker indossato da UK Biobank , un database biomedico su larga scala, per misurare l’attività di oltre 25.000 “non atleti”, partecipanti che hanno dichiarato di non praticare sport o esercizio fisico durante il tempo libero.   

Con questo metodo, i ricercatori hanno potuto concludere che qualsiasi attività registrata da questo gruppo era un’attività fisica occasionale svolta come parte della vita quotidiana.

Il team ha quindi avuto accesso ai dati sanitari che hanno permesso loro di seguire i partecipanti per sette anni.

Gli studi sono osservazionali, nel senso che non possono stabilire direttamente causa ed effetto. Tuttavia, i ricercatori hanno adottato misure statistiche rigorose per ridurre al minimo la possibilità che i risultati siano spiegati dalle differenze nello stato di salute tra i partecipanti.

“Questi risultati dimostrano quanto possano essere preziose misure dettagliate e obiettive dell’attività fisica quando raccolte su una popolazione su larga scala. Siamo incredibilmente grati a tutti i 100.000 partecipanti alla Biobanca del Regno Unito che hanno indossato un monitor di attività per 7 giorni per generare questi preziosi dati “, ha affermato la professoressa Naomi Allen, Chief Scientist di UK Biobank.

Chiama per un aggiornamento delle linee guida sull’attività fisica

Il team internazionale dell’Università di Sydney, del Big Data Institute (Regno Unito) dell’Università di Oxford, dell’University College London (Regno Unito), dell’Università di Glasgow (Regno Unito), dell’Università della Danimarca meridionale e della McMaster University (Canada) chiede linee guida sull’attività fisica e consulenza clinica da aggiornare per tenere il passo con questa area in evoluzione.

Le attuali linee guida globali implicano che i benefici per la salute dell’attività fisica ad alta intensità si ottengono attraverso attività fisiche strutturate come lo sport o la corsa durante il tempo libero.

È stato solo nel 2020 che le linee guida globali dell’OMS sull’attività fisica e il comportamento sedentario, copresiedute dal professor Stamatakis, hanno riconosciuto che “tutte le attività contano” e la clausola secondo cui l’attività dovrebbe essere accumulata in periodi di 10 minuti è stata rimossa.

“Le nostre precedenti conoscenze sui benefici per la salute di un’attività fisica vigorosa provengono da studi basati su questionari, ma i questionari non possono misurare brevi periodi di qualsiasi intensità”, ha affermato il professor Stamatakis.

“La capacità della tecnologia indossabile di rivelare i “micropattern” dell’attività fisica, come VILPA, ha un enorme potenziale per comprendere i modi più fattibili ed efficienti in termini di tempo in cui le persone possono beneficiare dell’attività fisica, indipendentemente dal fatto che sia svolta per svago o come parte della vita quotidiana”.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: