Sport e movimento

L’aggiunta di yoga all’esercizio fisico regolare migliora la salute e il benessere cardiovascolare

Uno studio pilota su pazienti con ipertensione conclude che aggiungere lo yoga all’esercizio fisico regolare è meglio dei soli esercizi di stretching, riportano i ricercatori del Canadian Journal of Cardiology

Uno studio pilota di tre mesi su pazienti con ipertensione apparso sul Canadian Journal of Cardiology , pubblicato da Elsevier, dimostra che l’aggiunta di yoga a un regolare regime di allenamento fisico supporta la salute e il benessere cardiovascolare ed è più efficace dello stretching esercizi. L’incorporazione dello yoga ha ridotto la pressione arteriosa sistolica e la frequenza cardiaca a riposo e ha migliorato il rischio cardiovascolare a 10 anni.

Lo yoga fa parte delle pratiche spirituali e di esercizio per milioni di persone in tutto il mondo. Con la pratica dello yoga che diventa una forma di esercizio ampiamente accettata, il corpo della ricerca sullo yoga sta crescendo. È un’attività di stile di vita poliedrica che può migliorare positivamente la salute e il benessere cardiovascolare. Gli esercizi fisici come gli esercizi di stretching e le componenti fisiche delle pratiche yoga hanno molte somiglianze, ma anche differenze importanti.

“Lo scopo di questo studio pilota era determinare se l’aggiunta dello yoga a un regolare regime di allenamento fisico riduce il rischio cardiovascolare”, ha spiegato il ricercatore principale Paul Poirier, MD, PhD, Quebec Heart and Lung Institute – Laval University e Faculty of Pharmacy, Università di Laval, Québec, Canada. “Mentre ci sono alcune prove che gli interventi e l’esercizio dello yoga hanno esiti cardiovascolari uguali e/o superiori, esiste una notevole variabilità nei tipi di yoga, componenti, frequenza, durata della sessione, durata e intensità. Abbiamo cercato di applicare un approccio scientifico rigoroso per identificare i fattori di rischio cardiovascolare per i quali lo yoga è benefico per i pazienti a rischio e i modi in cui potrebbe essere applicato in un contesto sanitario come un programma di prevenzione primaria”.

I ricercatori hanno reclutato 60 individui con ipertensione e sindrome metabolica precedentemente diagnosticati per un programma di allenamento fisico. Durante il regime di intervento di 3 mesi, i partecipanti sono stati divisi in 2 gruppi, che hanno eseguito 15 minuti di yoga strutturato o stretching oltre a 30 minuti di allenamento aerobico 5 volte alla settimana. Sono stati misurati la pressione sanguigna, l’antropometria, la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hs-CRP), i livelli di glucosio e lipidi, nonché i punteggi di rischio di Framingham e Reynolds. Al basale, non vi era alcuna differenza tra i gruppi di età, sesso, tassi di fumo, indice di massa corporea (BMI), pressione arteriosa sistolica e diastolica a riposo, frequenza cardiaca a riposo e pressione del polso.

Dopo 3 mesi, si è verificata una diminuzione della pressione arteriosa sistolica e diastolica a riposo, della pressione arteriosa media e della frequenza cardiaca in entrambi i gruppi. Tuttavia, la pressione arteriosa sistolica è stata ridotta di 10 mmHg con lo yoga rispetto a 4 mmHg con lo stretching. L’approccio yoga ha anche ridotto la frequenza cardiaca a riposo e il rischio cardiovascolare a 10 anni valutato utilizzando il punteggio di rischio di Reynold.

Mentre lo yoga ha dimostrato di apportare benefici ai pazienti ipertesi, l’esatto meccanismo alla base di questo effetto positivo non è completamente compreso. Questo studio pilota randomizzato mostra che i suoi benefici non possono essere semplicemente attribuiti allo stretching da solo.

“Questo studio fornisce la prova di un’ulteriore opzione terapeutica non farmacologica per la riduzione del rischio cardiovascolare e il controllo della pressione arteriosa nei pazienti con ipertensione, nell’ambito di un programma di esercizi di prevenzione primaria”, ha osservato il dott. Poirier. “Come osservato in diversi studi, raccomandiamo ai pazienti di cercare di trovare esercizio fisico e sollievo dallo stress per la gestione dell’ipertensione e delle malattie cardiovascolari in qualunque forma ritengano più allettante. Il nostro studio mostra che le pratiche yoga strutturate possono essere un’aggiunta più salutare all’esercizio aerobico rispetto al semplice allungamento muscolare.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: