Complicanze varie/eventuali

Osteoporosi: il controllo è latitante

Lo screening dell’osteoporosi è in ritardo rispetto ad altre malattie

Nonostante la disponibilità di test accurati, gli screening della densità ossea per le donne di età superiore ai 65 anni sono diminuiti dal 2009

Un nuovo articolo di prospettiva pubblicato su Lancet Diabetes & Endocrinology ha evidenziato che lo screening e il trattamento dell’osteoporosi sono in ritardo rispetto ad altre malattie, con conseguenti morbilità, mortalità e costi economici significativi.

Negli ultimi 30 anni, ci sono stati enormi progressi nella capacità di diagnosticare l’osteoporosi, una malattia che un tempo era considerata una conseguenza inevitabile dell’invecchiamento che indebolisce le ossa e può ridurre la mobilità, causare dolore e aumentare la mortalità. Sfortunatamente, nonostante questi progressi, l’uso dell’assorbimetria a raggi X a doppia energia (DXA) e delle valutazioni del rischio di frattura, test che possono diagnosticare con precisione l’osteoporosi e determinare la probabilità di avere un’anca o altre fratture ossee, è in declino. Secondo la prospettiva, l’uso della DXA nelle donne di età pari o superiore a 65 anni è sceso all’11,3% nel 2014, in calo rispetto al 13,2% di cinque anni prima. Il calo ha coinciso con una riduzione del 70% dei rimborsi Medicare per le scansioni in ufficio.

Prevenzione trascurata

Intitolata “L’osteoporosi negli Stati Uniti: prevenzione e bisogni insoddisfatti”, la revisione ha evidenziato che a molti pazienti a rischio non viene consigliato di assumere farmaci preventivi e potrebbero essere eccessivamente spaventati nel prenderli. I fallimenti nella prevenzione primaria dell’osteoporosi sono aggravati da inadeguate cure di follow-up post-frattura. La revisione ha rilevato che a seguito di una frattura, i pazienti non vengono trattati con farmaci efficaci, il che contrasta con il trattamento dei pazienti dopo un infarto. Dei pazienti che hanno avuto un infarto miocardico acuto (IMA), il 96% ha ricevuto farmaci standard di cura, mentre solo il 30% delle donne di età pari o superiore a 66 anni ha ricevuto farmaci standard di cura per il trattamento dell’osteoporosi nei 12 mesi successivi alla frattura.

“Inoltre, gli studi hanno mostrato uno screening significativamente inferiore con scansioni della densità ossea e trattamento nelle donne nere non ispaniche, con stime di una disparità rispetto alle donne bianche non ispaniche fino al 20%. Questa disparità è presente anche nella diagnosi e nel trattamento post-frattura “, ha affermato il coautore Douglas P. Kiel , MD, MPH, Direttore, Musculoskeletal Research Center e Senior Scientist, Hinda e Arthur Marcus Institute for Aging Research, Hebrew SeniorLife e Professore di Medicina, Facoltà di Medicina di Harvard. “La nostra recensione ha sottolineato alcuni miti riguardanti i pazienti affetti da osteoporosi. Si ritiene che l’osteoporosi colpisca le donne bianche e asiatiche non ispaniche, e questo potrebbe essere il motivo per cui lo screening, la prevenzione e il trattamento post-frattura delle donne nere non ispaniche sono molto inferiori.

Accesso ai controlli


Secondo la prospettiva, la riduzione del rimborso Medicare per la DXA ha privato anche le comunità rurali. “Comprendere l’impatto dell’accesso allo screening e al trattamento dell’osteoporosi aiuterà il paese a ridurre le disparità nelle cure”, ha aggiunto il dott. Kiel. “Rimangono grandi lacune nel modo in cui gli Stati Uniti servono i pazienti con questa importante malattia cronica legata all’età, ed è chiaro che dobbiamo affrontare la disparità e l’accesso agli standard di cura”.

Un altro fattore impegnativo è che attualmente non esiste un’opzione chiara per la prevenzione primaria dell’osteoporosi. L’estrogeno era stato ampiamente utilizzato nelle donne in post-menopausa più giovani che avevano fattori di rischio per l’osteoporosi, ma uno studio della Women’s Health Initiative ha sollevato preoccupazioni sulla sua sicurezza a lungo termine, che ha lasciato un vuoto nelle opzioni terapeutiche.

La Mayo Clinic e l’American Society for Bone and Mineral Research, Università dell’Alabama, hanno collaborato a questo articolo prospettico.

Altri autori inclusi: Sundeep Khosla, MD, capo dell’Osteoporosis and Bone Biology Laboratory, Mayo Clinic Kogod Center on Aging; Ann L Elderkin, PA, ex direttore esecutivo, American Society for Bone and Mineral Research (ASBMR); e Nicole C Wright, Ph.D., MPH, Assistant Professor presso il Dipartimento di Epidemiologia, l’Università dell’Alabama a Birmingham (UAB).

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: