Educazione

Distrarre i bambini piccoli con la tecnologia può portare a comportamenti scorretti

I genitori che fanno divertire i loro figli piccoli con i dispositivi digitali rischiano di affrontare problemi comportamentali in futuro, rivelano nuove prove.

Gli accademici dell’Università del Michigan hanno scoperto che l’utilizzo di tablet e smartphone per intrattenere i bambini di età compresa tra i tre ei cinque anni aumenta le loro possibilità di sviluppare una disregolazione emotiva.

L’autrice senior, la dott.ssa Jenny Radesky, ha dichiarato: “L’uso di dispositivi mobili per calmare un bambino può sembrare uno strumento innocuo e temporaneo per ridurre lo stress in casa, ma potrebbero esserci conseguenze a lungo termine se si tratta di una normale strategia calmante.

“In particolare nella prima infanzia, i dispositivi possono sostituire le opportunità di sviluppo di metodi indipendenti e alternativi per autoregolarsi”.

Durante lo studio, il team di ricercatori ha osservato la routine quotidiana di 422 genitori e tutori che hanno figli di età compresa tra i tre ei cinque anni.

Ogni partecipante ha risposto alle domande sulla frequenza con cui utilizza i dispositivi digitali come tattica genitoriale per intrattenere i propri figli.

Ai genitori è stato anche chiesto se i loro figli mostrassero segni di disregolazione emotiva.

I sintomi della disregolazione emotiva includono ansia, depressione, perfezionismo, relazioni interpersonali altamente conflittuali , uso eccessivo di sostanze, comportamenti sessuali ad alto rischio e alti livelli di vergogna e rabbia.

Secondo i risultati, i ragazzi avevano bisogno di calmarsi con i dispositivi digitali più delle ragazze.

Inoltre, lo studio ha riportato che i ragazzi avevano maggiori probabilità di sviluppare una disregolazione emotiva rispetto alle ragazze.

Il dottor Radesky ha dichiarato: “I nostri risultati suggeriscono che l’uso di dispositivi come un modo per placare i bambini agitati può essere particolarmente problematico per coloro che già lottano con le capacità di coping emotivo.

“Gli operatori sanitari possono provare un sollievo immediato dall’uso dei dispositivi se riducono in modo rapido ed efficace i comportamenti negativi e stimolanti dei bambini”.

Ha aggiunto: “Questo è gratificante sia per i genitori che per i bambini e può motivarli entrambi a mantenere questo ciclo. L’abitudine di utilizzare i dispositivi per gestire comportamenti difficili si rafforza nel tempo man mano che si rafforzano anche le richieste dei media da parte dei bambini”.

Ha valutato: “Più spesso vengono utilizzati i dispositivi, meno i bambini pratici – e i loro genitori – riescono a utilizzare altre strategie di coping”.

Lo studio può essere letto integralmente sulla rivista JAMA Pediatrics .

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: