Donne e diabete

Bere caffè regolarmente dopo la gravidanza può ridurre il rischio di diabete di tipo 2 per le donne che hanno avuto il diabete gestazionale

I ricercatori NUS del Global Center for Asian Women’s Health (GloW) hanno scoperto che tra le donne che avevano il diabete mellito gestazionale, il caffè potrebbe potenzialmente essere un sostituto migliore di altre bevande meno salutari per prevenire o ritardare la successiva progressione

Si prevede che la prevalenza del diabete di tipo 2 continuerà ad aumentare e attualmente un singaporiano su tre ha il rischio di sviluppare il diabete nel corso della sua vita. Diverse complicanze cardiometaboliche della prima infanzia rendono fondamentale l’identificazione delle popolazioni ad alto rischio e l’applicazione di strategie di prevenzione del diabete.

Tra i gruppi ad alto rischio ci sono le donne che hanno avuto il diabete durante la gravidanza, comunemente noto come diabete mellito gestazionale o diabete gestazionale. Rispetto alla popolazione femminile sana generale, queste donne possono affrontare un rischio dieci volte maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2.

L’attuale ricerca nota ha scoperto che, invece di bevande zuccherate artificialmente e zuccherate, bere da due a cinque tazze di caffè con caffeina o decaffeinato al giorno è potenzialmente un sostituto più sano per ritardare l’insorgenza o prevenire il diabete di tipo 2.

Ciò è probabilmente dovuto ai componenti bioattivi del caffè, come i polifenoli, che sono micronutrienti vegetali presenti in natura. I componenti bioattivi sono tipi di sostanze chimiche presenti in piccole quantità nelle piante e in alcuni alimenti, come frutta, verdura, noci, oli e cereali integrali, e possono promuovere una buona salute.

Questa bevanda comune e popolare sembra ridurre il rischio di diabete di tipo 2 nella popolazione generale. Tuttavia, non è noto se possa essere utile anche per le donne con diabete gestazionale.

Per indagare su questo, la professoressa Cuilin Zhang, direttrice del Global Center for Asian Women’s Health ( GloW ) e professore presso il Dipartimento di ostetricia e ginecologia presso la Yong Loo Lin School of Medicine, National University of Singapore (NUS Medicine), con la sua Il team di GloW, in collaborazione con la Harvard TH Chan School of Public Health e il National Institutes of Health (NIH), ha esaminato i ruoli del consumo di caffè a lungo termine dopo la gravidanza complicata e il conseguente rischio di diabete di tipo 2 tra le donne con una storia del diabete gestazionale.

Il team ha ulteriormente esaminato il consumo di caffè con il diabete di tipo 2 sostituendo le bevande zuccherate comunemente consumate con il caffè. I risultati di questo studio, “Consumo abituale di caffè e conseguente rischio di diabete di tipo 2 in individui con una storia di diabete gestazionale – uno studio prospettico” sono stati recentemente pubblicati sull’American Journal of Clinical Nutrition .

Nel loro studio, i ricercatori hanno seguito più di 4.500 partecipanti di sesso femminile prevalentemente bianchi che avevano una storia di diabete gestazionale, per oltre 25 anni, e hanno esaminato le associazioni del consumo di caffè a lungo termine con il conseguente rischio di diabete di tipo 2.

È stato scoperto che il consumo di caffè con caffeina tra le donne dopo la gravidanza ha un’associazione inversa lineare con il rischio di diabete di tipo 2. Rispetto a coloro che non bevevano affatto caffè con caffeina, tra coloro che bevevano una tazza di caffè con caffeina o meno, da due a tre tazze e quattro o più tazze al giorno, il rischio di diabete di tipo 2 si riduceva del 10%, 17 % e 53% rispettivamente.

È interessante notare che il caffè decaffeinato non è stato associato al rischio di diabete di tipo 2 nel loro studio. Tuttavia, questo risultato nullo potrebbe essere dovuto al numero relativamente piccolo di donne che consumavano caffè decaffeinato, per cui lo studio non è stato in grado di rilevare un’associazione significativa.

Ancora più importante, la sostituzione di bevande zuccherate artificialmente e zuccherate con caffè con caffeina riduce anche il rischio, del 10% per una tazza di bevanda zuccherata artificialmente e del 17% per una tazza di bevanda zuccherata.

“Finora, i risultati complessivi suggeriscono che il caffè con caffeina, se consumato correttamente (da due a cinque tazze al giorno, senza zucchero e latticini interi/ricchi di grassi), potrebbe essere incorporato in uno stile di vita relativamente sano per alcune popolazioni”, ha osservato Professor Zhang.

“I ruoli benefici del caffè sono stati costantemente suggeriti a diverse popolazioni, compresi gli asiatici. Il caffè è una bevanda popolare a Singapore, ma la cultura e i comportamenti locali del consumo di caffè possono variare da individuo a individuo, come i metodi di preparazione, la frequenza di consumo e altri condimenti contenuti nel caffè. Pertanto, sono necessari ulteriori studi per esaminare i ruoli del consumo di caffè nel contesto locale con importanti esiti di salute”, ha concluso il professor Zhang.

In aggiunta al punto del professor Zhang, il dottor Jiaxi Yang, il primo autore dello studio e ricercatore postdottorato presso GloW e il Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia presso NUS Medicine, ha dichiarato: “Sebbene il caffè si presenti come un’alternativa potenzialmente più salutare alle bevande zuccherate, i benefici per la salute del caffè variano e dipendono molto dal tipo e dalla quantità di condimenti, come zucchero e latte, che aggiungi al caffè”. Il dottor Yang è attualmente a capo del gruppo di lavoro su nutrizione e stile di vita presso GloW.

Tuttavia, è necessario prestare attenzione quando il caffè viene assunto in quantità eccessive. Va anche sottolineato che alcuni gruppi dovrebbero stare attenti a bere caffè. Non si sa molto sugli effetti del caffè su gravidanze, feti e bambini.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: