Benessere

I ricercatori scoprono i fattori legati all’invecchiamento ottimale

I risultati sottolineano l’importanza di un’attenzione basata sulla forza piuttosto che sul deficit per l’invecchiamento e gli anziani

Quali sono le chiavi per un invecchiamento “di successo” o ottimale? Un nuovo studio ha seguito più di 7000 canadesi di mezza età e più anziani per circa tre anni per identificare i fattori legati al benessere con l’avanzare dell’età.

Hanno scoperto che coloro che erano donne, sposati, fisicamente attivi e non obesi e coloro che non avevano mai fumato, avevano redditi più alti e che non avevano insonnia, malattie cardiache o artrite, avevano maggiori probabilità di mantenere una salute eccellente durante il periodo di studio e meno probabilità di sviluppare problemi cognitivi, fisici o emotivi disabilitanti.

Come linea di base, i ricercatori hanno selezionato i partecipanti che erano in ottima salute all’inizio del periodo di studio di circa tre anni. Ciò includeva l’assenza di problemi di memoria o dolore cronico invalidante, la libertà da qualsiasi grave malattia mentale e l’assenza di disabilità fisiche che limitano le attività quotidiane, nonché la presenza di un adeguato supporto sociale e alti livelli di felicità e soddisfazione di vita.

“Siamo rimasti sorpresi e lieti di apprendere che oltre il 70% del nostro campione ha mantenuto il proprio eccellente stato di salute durante il periodo di studio”, afferma il primo autore, Mabel Ho, dottoranda presso la Factor-Inwentash Faculty of Social dell’Università di Toronto Work (FIFSW) e l’Institute of Life Course and Aging. “I nostri risultati sottolineano l’importanza di un’attenzione basata sulla forza piuttosto che sul deficit per l’invecchiamento e gli anziani. I media e la ricerca tendono a ignorare gli aspetti positivi e a concentrarsi solo sui problemi”.

C’era una notevole variazione nella prevalenza dell’invecchiamento di successo in base all’età degli intervistati all’inizio dello studio. Tre quarti degli intervistati di età compresa tra 55 e 64 anni all’inizio del periodo di studio hanno mantenuto un’ottima salute per tutta la durata dello studio. Tra quelli di età pari o superiore a 80 anni, circa la metà è rimasta in ottima salute.

“È straordinario che la metà delle persone di età pari o superiore a 80 anni abbia mantenuto questo livello estremamente elevato di benessere cognitivo, fisico ed emotivo durante i tre anni dello studio. Questa è una notizia meravigliosa per gli anziani e le loro famiglie che potrebbero prevedere che un precipitoso declino è inevitabile per le persone di età pari o superiore a 80 anni. dice Mabel Ho. “Comprendendo i fattori associati a un invecchiamento di successo, possiamo lavorare con gli anziani, le famiglie, i professionisti, i responsabili politici e i ricercatori per creare un ambiente che supporti una vita successiva vibrante e sana”.

Gli adulti più anziani che erano obesi avevano meno probabilità di mantenere una buona salute in età avanzata. Rispetto agli anziani obesi, coloro che avevano un peso normale avevano il 24% in più di probabilità di invecchiare in modo ottimale.

“I nostri risultati sono in linea con altri studi che hanno scoperto che l’obesità era correlata a una serie di sintomi fisici e problemi cognitivi e che anche l’attività fisica svolge un ruolo chiave nell’invecchiamento ottimale”, afferma il coautore David Burnes, professore associato presso il FIFSW dell’Università di Toronto e una cattedra di ricerca canadese sulla prevenzione del maltrattamento degli anziani. “Questi risultati evidenziano l’importanza di mantenere un peso adeguato e di impegnarsi in uno stile di vita attivo per tutto il corso della vita”.

Anche il reddito era un fattore importante. Solo circa la metà di coloro che vivono al di sotto della soglia di povertà invecchia in modo ottimale rispetto ai tre quarti di coloro che vivono al di sopra della soglia di povertà.

“Sebbene il nostro studio non fornisca informazioni sul motivo per cui un reddito basso è importante, è possibile che un reddito inadeguato causi stress e limiti anche scelte salutari come un’alimentazione ottimale. Sono necessarie ricerche future per esplorare ulteriormente questa relazione”, afferma l’autore senior Esme Fuller-Thomson, direttore dell’Institute for Life Course & Aging e professore presso la Factor-Inwentash Faculty of Social Work dell’Università di Toronto.

I fattori dello stile di vita sono associati a una salute ottimale in età avanzata. Gli anziani che non hanno mai fumato avevano il 46% in più di probabilità di mantenere un ottimo stato di salute rispetto ai fumatori attuali. Precedenti studi hanno dimostrato che smettere di fumare in età avanzata potrebbe migliorare le statistiche di sopravvivenza, la funzione polmonare e la qualità della vita; ridurre i tassi di eventi coronarici e ridurre i sintomi respiratori. Lo studio ha rilevato che gli ex fumatori hanno fatto bene come quelli che non avevano mai fumato, sottolineando che non è mai troppo tardi per smettere.

Lo studio ha anche scoperto che impegnarsi nell’attività fisica è importante per mantenere una buona salute in età avanzata. Gli anziani che praticavano un’attività fisica da moderata a intensa avevano rispettivamente dal 35% al ??45% in più di probabilità di invecchiare bene.

I risultati hanno indicato che gli intervistati che non hanno mai o raramente avuto problemi di sonno al basale avevano il 29% in più di probabilità di mantenere una salute eccellente durante lo studio.

“Chiaramente, dormire bene è un fattore importante quando invecchiamo. I problemi di sonno minano la salute cognitiva, mentale e fisica. Ci sono prove evidenti che un intervento chiamato terapia cognitivo-comportamentale per l’insonnia (CBT-I) è molto utile per le persone che vivono con l’insonnia”, afferma Esme Fuller-Thomson.

Lo studio è stato recentemente pubblicato online, sull’International Journal of Environmental Research and Public Health . Utilizza i dati longitudinali dell’onda di riferimento (2011-2015) e la prima ondata di follow-up (2015-2018) di dati del Canadian Longitudinal Study on Aging (CLSA) per esaminare i fattori associati all’invecchiamento ottimale delle prime due ondate. Nel CLSA, c’erano 7.651 intervistati di età pari o superiore a 60 anni all’ondata 2 che erano in ottima salute durante l’ondata di raccolta dei dati di base. Il campione era ristretto a coloro che erano in ottima salute al basale, che era solo il 45% degli intervistati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: